Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

A Sesto San Giovanni la serata conclusiva della minirassegna organizzata dall'Università Statale e dedicata ai rapporti tra il cinema e la rappresentazione della metropoli

Si terrà stasera, a Sesto San Giovanni, la serata conclusiva della micro-rassegna DocuCity: le metropoli raccontate dal cinema, organizzata dall’Università Statale di Milano.

Alle ore 21.00, presso l’Aula magna del Polo di Mediazione Interculturale e comunicazione (piazza Montanelli 1) verranno proiettati i vincitori dei tre premi in palio e dell’immancabile premio del pubblico.

L’incontro di stasera corona tre giornate di proiezioni pomeridiane, nel corso delle quali si sono susseguiti sullo schermo del Polo di Sesto i tredici documentari finalisti. Ritratti metropolitani dedicati in maggioranza al capoluogo meneghino (dalla metamorfosi agostana della città deserta all’eterna questione di via Sarpi) , ma non sono mancati sguardi su Pechino, l’Avana, sui boulevard di Atene, e poi lo ZEN di Palermo, il ghetto di via Anelli a Padova e la Modena anni Trenta di Antonio Delfini.

Una perlustrazione variegata dell’immaginario urbano contemporaneo, accompagnata per di più da una selezione esterna di documentari cinesi indipendenti, curata dall’Istituto Confucio, che affrontava gli scenari geograficamente complessi della Cina di oggi, divisa tra campagne e urbanesimo rampante.

L’intero concorso si offre in realtà come un controcanto esterno al nocciolo di DocuCity: documentare la città. L’iniziativa madre, per così dire, si è svolta nello scorso marzo, quando il Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e culturale e il Dipartimento di Storia delle Arti, Musica e Spettacolo si sono incontrati con il CTU dell’ateneo milanese per organizzare una serie di proiezioni commentate, dedicate all’indagine «del meccanismo attraverso il quale il cinema rimane affascinato dalla polis contemporanea come sogno e desiderio, luogo ‘culturale’ o collezione di luoghi in sviluppo dinamico, memoria ufficiale e rimossa, città della ragione o luogo oscuro.»

Per chi fosse impossibilitato a raggiungere Sesto, infine, segnaliamo che la premiazione di stasera sarà trasmessa in streaming dal CTU presso l’indirizzo http://www.ctu.unimi.it/videoflash/live/live_streaming.html.

 

 


Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)