Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

Ad Arcore una delle ultime costruzioni tradizionali, inserita nell'evento "Cascine aperte del Vimercatese"

 

 D

a Villasanta si arriva facilmente alla cascina Papina: superato lo svincolo del Gigante verso Arcore, è sufficiente svoltare alla prima via a destra. La cascina si identifica subito: è in fondo, dove la via s'interrompe con una curva a sinistra. Nonostante sia completamente attorniata da villette e palazzine di recente costruzione, la Papina è ancora lì, con dimensione contenuta, a testimoniare una storia durata cinque secoli. Quando entro nella corte si percepisce subito, nonostante la vecchiaia, un discreto stato di salute. Alcune pareti riflettono colori chiari, nonostante la mattina di giugno sia dispettosamente nuvolosa e alcune strutture abbiano evidenti segni di ristrutturazione o ammodernamento più o meno recente.  

Vengo accolto gentilmente da un signore. Non si mostra tanto sorpreso del fatto che sono li a fotografare: “Prego, si accomodi, non è il primo che viene qui a fotografare. Tempo fa è stato pubblicato anche un articolo sul giornale”. Spiego. Sono qui per fare un servizio sulla cascina. La Papina l'abbiamo inserita nell'evento di Cascine Aperte del Vimercatese, parte del progetto di promozione Gusto di Brianza Est. Il 18 aprile era prevista anche una sosta della bicicletta Pieve in Bici, con annessa visita guidata alla cascina, dove un paio di ragazzi dell'Istituto Floriani avrebbero fatto da guida. Ma purtroppo quel giorno ha piovuto e quindi l'evento è stato rimandato al 14 ottobre 2010.

 

 

Salgo nel piano superiore. Sul largo loggiato la signora Magni della famiglia Cereda mi accoglie cortesemente e gradevolmente disponibile a parlare della sua cascina. Poco dopo arriva il figlio Giovanni. Anch'esso ben lieto della visita. Capisco il motivo: sulla parete d'ingresso della casa è appeso un diploma incorniciato di benemerenza zootecnico, ricevuto dal nonno alla fine dell'ottocento. Sotto ci sono le immagini del nonno e degli zii fotografati accanto a macchinari pionieristici di inizio novecento. Danno l'idea di gente molto in gamba, capace di destreggiarsi nello sviluppo della tecnica agricola. Innovatori coraggiosi che sicuramente hanno contribuito a portare questi territori al livello del progresso. C'è da esserne fieri. Qui la storia pluricentenaria della cascina

Si comincia a parlare della cascina, gli argomenti sono tantissimi, cerchiamo di focalizzare l'attenzione su alcuni. Ad esempio sul baco da seta. Qui, racconta la signora c'erano tantissimi gelsi, “ Portare le foglie per i bachi è un lavoro che ho cominciato a fare da bambina”. C'era un regolamento da osservare, abbastanza rigido, la produzione di seta era una fonte di guadagno, la si poteva scambiare in preziosi e rari soldi a Concorezzo. Nell'economia delle famiglie il baco era importante, ad esso si lasciava tutto lo spazio in casa, svuotata dai mobili e riempita di foglie. In casa si conserva ancora con cura un bozzolo come ricordo. 

La cascina era in mezzo ai campi, per raggiungerla di notte alcuni contadini accendevano fuochi lungo la strada sterrata, l'attuale via Papina, perché nel buio e nelle giornate di nebbia non si vedeva nulla. Il mondo della cascina aveva una organizzazione famigliare complessa, in cui tutti i componenti erano impegnati in svariate attività. Prevalevano le relazioni parentali in un modello di patriarcato, dove però le donne avevano un loro spazio quasi matriarcale. Se gli uomini impegnavano quasi tutto il loro tempo nei campi, alle donne spettava il compito della conduzione famigliare e quindi le decisioni spettavano a loro, anche se la cassa delle finanze era di proprietà degli uomini. Le donne avevano come figura di riferimento la “regiura”, l'anziana e saggia “regina”, che aveva il compito di guidare con autorevolezza riconosciuta la piccola comunità.

 

Con il passare degli anni lo scorrere del tempo ha subito forti accelerazioni: dagli anni '50 si è sviluppata rapidamente l'industrializzazione. Così in diverse fasi il ritmo dell'urbanizzazione ha riempito tutti gli spazi agricoli con case, strade e capannoni industriali. La vita della cascina si è modificata, divenendo un luogo prevalentemente abitativo. I campi non esistono più, al loro posto restano piccoli orti di contorno alle case di nuova costruzione. Una volta dalla cascina si poteva vedere in lontananza Villasanta, poi la costruzione dello svincolo cominciò a delimitare l'orizzonte, occluso infine dal nuovo grattacielo in corso di edificazione oltre lo svincolo. A completare sta per arrivare un nuovo Outlet sul terreno del Gigante, quel largo spazio incolto di brughiera costeggiante la ferrovia per Lecco. Un panorama desolante come la giornata nuvolosa, che però a un certo punto è cominciata ad essere squarciata dai raggi del sole di giugno, permettendomi di scattare qualche foto un po illuminata.

 

 

Qui c'è la scheda di approfondimento della “Papina”, cortesemente concessa da Fulvio Ferrario, già sindaco di Arcore negli anni '70 e ora appassionato ricercatore della storia del proprio territorio.

 

Gli autori di Vorrei
Pino Timpani
Author: Pino TimpaniWebsite: http://blog.libero.it/PinoTimpani/

"Scrivere non ha niente a che vedere con significare, ma con misurare territori, cartografare contrade a venire." (Gilles Deleuze & Felix Guattari: Rizoma, Mille piani - 1980)
Pur essendo nato in Calabria, fui trapiantato a Monza nel 1968 e qui brianzolato nel corso di molti anni. Sono impegnato in politica e nell'associazionismo ambientalista brianzolo, presidente dell'Associazione per i Parchi del Vimercatese. Ho lavorato dal 1979 fino al 2014 alla Delchi di Villasanta, industria manifatturiera fondata nel 1908 e acquistata dalla multinazionale Carrier nel 1984 (Orwell qui non c'entra nulla). Nell'adolescenza, in gioventù e poi nell'età adulta, sono stato appassionato cultore della letteratura di Italo Calvino e di James Ballard.

digilander.libero.it/pinotimpani/

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)