Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

20100224-insegna-a

Si è trattato di un atto doloso.  Questa la pesantissima accusa che grava sul caso Lombarda Petroli, la ex raffineria dei Villasanta chiusa del 1984  da cui si è originata la perdita di gasolio che sta distruggendo l’ecosistema del Lambro.

 

Un fiume  martoriato,  ma che da un ventennio stava faticosamente cercando di riprendere vita grazie a una serie di interventi di bonifica e recupero. Le prime ricostruzioni degli inquirenti non lasciano dubbi: ad aprire i rubinetti della Lombarda Petroli è stato qualcuno che conosceva bene l’impianto.
Lo ha confermato Dario Allevi, presidente della Provincia di Monza, nel corso di una conferenza stampa nella sede del depuratore di San Rocco. “Chi ha agito sapeva esattamente dove mettere le mani. Ha tralasciato i serbatoi vuoti aprendo i rubinetti di quelli pieni. Il risultato è stato un disastro ecologico senza precedenti”.  Che non è stato fermato in tempo. Ed è polemica sui soccorsi.


Sono stati  infatti i tecnici di Brianza Acque ad accorgersi di quanto stava accadendo e ad allertare la macchina delle emergenze. Da parte di Lombarda Petroli nessuna segnalazione. Dopo il giro di ronda delle tre di notte, che non aveva riscontrato problemi, nessuno si è accorto di nulla. “Ma quando alle otto e mezzo del mattino è stato chiaro che ci si trovava di fronte a un disastro, qualcuno  nella ditta ha cercato di impedire l’ingresso nello stabilimento ai tecnici accompagnati dalla Polizia Provinciale”.  E’ stato necessario l’intervento di Polizia di Stato e Carabinieri per riportare la calma e convincere i custodi dello stabilimento  ad aprire i cancelli. Ma ormai era troppo tardi. A poco più di tre ore dall’apertura dei rubinetti, la prima ondata di piena era già fuoriuscita del tutto e non è stato più possibile recuperarla.  “Anche pochi minuti  in questo caso avrebbero fatto la differenza” rincara la dose Allevi. Ora la marea nera, comunica la Prefettura,  ha raggiunto il Po. E Legambiente chiede che a gestire l'emergenza sia un coordinamento nazionale tra le regioni Venento, Lombardia ed Emilia Romagna. 
Ancora sconosciuta la quantità di idrocarburi riversata nei fiume. I tecnici di Brianza Acque aspettano di pulire i filtri del depuratore per tentare una stima precisa. Quello che appare certo è che la situazione è migliorata col passare delle ore.

 

20100224-bidoni

 

Le immagini mostrate nel corso della conferenza stampa dimostrano un’evoluzione in positivo. “La massa oleosa ha la caratteristica di essere più leggera dell’acqua, e di restare in superficie. Questo semplifica le procedure di asportazione” riferiscono gli ingegneri.  Sono già 1500 i quintali di materiale tossico raccolti dal depuratore di San Rocco e che dovranno essere smaltiti. Ma l’impianto è al limite e dovrà essere chiuso appena possibile per un periodo minimo di tre settimane. Un disastro nel disastro, dato che i liquami fognari finiranno  direttamente nel fiume.

 

La storia della raffineria.

L’area della Lombarda Petroli ha una superficie di 350.000 mq,  pari a un decimo del territorio di Villasanta. Attorno alla ex raffineria gravitano da sempre grossi interessi. L’area è vicina a grandi vie  di comunicazione e collegata alla rete ferroviaria tramite un raccordo indipendente; al suo interno passa inoltre un oleodotto che arriva direttamente fda Genova . Ex colosso degli idrocarburi negli anni ’50 e ‘60, dal 1984 si occupa principalmente di stoccaggio e imbombolamento per conto terzi. Fu chiusa perché i volumi trattabili non erano più adeguati. Ma  non mancavano le motivazioni legate all’impatto ambientale.  Tra i  materiali trattati, infatti,  c’erano gasolio e olii pesanti per riscaldamento, provenienti dall'estero perchè in Italia è vietato.

 

{mosmap width='700'|height='400'|lat='45.60134'|lon='9.3046'|zoom='16'|zoomType='Small'|zoomNew='0'|mapType='Terrain'|
showMaptype='1'|overview='0'|text='Lombarda Petroli Villasanta'|lang=''}

Il futuro dell’area

Fra pochi mesi nella zona sorgerà un complesso industriale-residenziale da 187.000 mq di pavimento. Un progetto da circa un migliaio di abitanti, più i lavoratori, la cui realizzazione è stata affidata alla ditta Addamiano di Nova Milanese. Ironia della sorte, il nome  scelto per il complesso è  "Ecocity Villasanta". Ma le polemiche attorno alla ex raffineria negli anni non si sono mai placate. Che  l’area fosse pericolosa si sapeva, tanto che si era reso necessario predisporre un dettagliato piano di evacuazione in caso di incidente che comprendeva buona parte del territorio comunale. Era noto inoltre che la zona avrebbe dovuto essere sottoposta a un pesante intervento di bonifica, in parte già eseguito. Ma le perplessità sull’inquinamento rilasciato nella falda sono rimaste accese. Il sindaco di Villasanta Emilio Merlo ha comunque dichiarato che l’area è stata messa in sicurezza e che non dovrebbero esserci pericoli per gli acquedotti.

 

20100224-prelievi

Caccia ai responsabili

Ieri intanto è stato richiesto la stato di calamità naturale, mentre il presidente di Regione Lombardia Roberto Formigoni ha firmato un’ordinanza straordinaria per lo stoccaggio delle scorie raccolte dal depuratore. “Vogliamo i nomi dei responsabili di quanto accaduto – ha detto Allevi – E’ un atto di terrorismo ambientale, ma  è possibile che chi ha agito non volesse provocare un danno così ingente. Probabilmente,  non si è reso conto degli effetti che avrebbe provocato”. Si apre un’altra partita. Non è chiaro quanto carburante ci sia nelle cisterne. E come mai  la Lombarda Petroli nel mese di febbraio 2009 sia  uscita dalla lista dei siti industriali pericolosi. Una procedura che  ha significato minori controlli. E che, forse, sarebbe stata utile per limitare i danni di un evento i cui contorni col passare delle ore diventano sempre meno chiari.


Qui i filmati e la rassegna stampa


Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?