Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Print Friendly, PDF & Email

20181118 libro bianco

Visione della città, Urbanistica partecipata, Zero consumo di suolo, Ruolo strategico delle scuole, Riqualificazione aree dismesse, Mobilità sostenibile

A tre anni dall’uscita del primo “LIBRO BIANCO”, Il Coordinamento di Comitati e Associazioni cittadine, presenta il “LIBRO BIANCO 2.0”.

Nel 2015 il primo Libro Bianco ha dato voce ai quartieri che, attraverso il Coordinamento, hanno “denunciato” molte scelte sbagliate delle ultime Amministrazioni in tema di Urbanistica e non solo. Ma cosa è cambiato da allora? Un dato è certo: Monza Brianza continua a detenere un primato preoccupante per il livello di inquinamento: è tra le 10 province più inquinate d’Italia e, per il consumo di suolo, la prima più cementificata.

Nel primo Libro Bianco si denunciava la necessità di progettare una città VIVIBILE ed è logico, e ancora attuale, domandarsi se Monza meriti questo aggettivo.

Questa ed altre domande hanno spinto Comitati e Associazioni del Coordinamento a provare a dare delle risposte: per questo il LIBRO BIANCO 2.0 ha voluto andare oltre la denuncia presentando proposte e soluzioni alle problematiche che ancora e sciaguratamente Monza presenta.

Soluzioni che nel LIBRO BIANCO 2.0 toccano numerosi temi: dall’urbanistica partecipata allo ZERO consumo di suolo, dalla scuola come “luogo strategico” per il nostro futuro, alla riqualificazione delle aree dismesse e alla mobilità dolce…

Il LIBRO BIANCO 2.0 quindi non derubrica come “utopie” un’urbanistica che abbia rispetto del parere e dei sogni dei cittadini dando loro voce e spazio; il raggiungimento concreto di “ZERO consumo di suolo” perché non serve nuova residenza che resta invenduta; una piena valorizzazione dei nostri “tesori” storici e paesaggistici, a partire dalla Villa Reale e dal Parco; una maggiore attenzione verso le nostre scuole, la cultura, la mobilità dolce…

Il LIBRO BIANCO 2.0, infine, si chiude formulando alcune proposte in merito al Piano di Governo del Territorio, poiché l’Amministrazione ha annunciato una variante normativa al vigente PGT, approvato nel 2017. Grazie alle proposte del LIBRO BIANCO 2.0, se prese in considerazione da questa Amministrazione, sarebbe possibile ottenere un nuovo bilancio delle trasformazioni, con valore positivo (incremento di aree libere) e ciò permetterebbe davvero di raggiungere l’obiettivo “Zero consumo di suolo”.

Presentare alla città una Variante, non solo normativa, che tenga conto di quanto da noi suggerito, consentirebbe di migliorare la qualità della vita degli abitanti facendo in modo che Monza diventi una città più vivibile e sostenibile.

Il LIBRO BIANCO 2.0, nel proporre analisi accurate e documentate della realtà monzese, invita il lettore a riflettere perché possa egli stesso rendersi consapevole di quanto conosca la propria città.

Allo stesso tempo, offre chiavi di lettura per comprendere di cosa, davvero, Monza ha bisogno a partire da una RI-COSTRUZIONE della sua IDENTITA’, nel rispetto della sua storia passata e in un’ottica futura di “città a misura d’uomo” che i suoi cittadini meritano.

Il Coordinamento di Comitati e Associazioni di Monza

 

Scarica da qui il Libro Bianco 2.0 su Monza