Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

Si è svolto il secondo evento pubblico voluto da Insieme in Rete
sulla Pedemontana

Poco meno di cento persone hanno partecipato all'iniziativa nell'auditorium della biblioteca di Vimercate. La cittadina, già capitale del comitato antipedemontana, non ha ancora rimarginata la ferita infertale con la legge dello Stato, la legge obbiettivo che ha tradito la volontà della popolazione del territorio. Una imposizione dall'alto non ha fatto desistere l'amministrazione vimercatese a mantenere alta l'attenzione sul grave impatto ambientale dell'infrastruttura e farsi proiezione delle sensibilità all'ambiente da parte della cittadinanza.

Assente per motivi di salute il sindaco Paolo Brambilla, sono stati l'assesore all'urbanistica Laura Curti e quello all'ecologia Corrado Boccoli a testimoniare l'impegno dell'amministrazione comunale su più fronti: valorizzare e rafforzare il patrimonio ambientale rimanente; aiutare e stimolare la ripresa dell'agricoltura; progettare spazi verd e aumentarne la fruibilità; il varo di progetti strategici per i parchi di cintura, i Plis del Molgora e della Cavallera.

 

alt

 

Gli interventi di Arturo Lanzani, invitato esterno di Insieme in Rete, hanno messo a fuoco la visione di continuità nel progetto delle compensazioni: pochi leggeri elementi, filari, siepi, aree boschive e prati con piste ciclabili, la riqualificazione delle strade vicinali per rendere i territori facilmente fruibili e connessi tra loro. La progettazione sconta la carenza di aree di proprietà demaniale, più facilmente gestibili per la riforestazione, e contemporaneamente la difficoltà a utilizzare convenzioni con gli agricoltori, essendo gli spazi agricoli per l'80% in affitto. Il ruolo degli agricoltori sarebbe stato molto utile in termini di gestione delle aree verdi, potendo avviare convenzioni trentennali per la manutenzione facilmente finanziabili ed efficenti.

Il professore del politecnico di Milano non ha fatto mistero della sua posizione favorevole all'autostrada, tuttavia ha sottolienato come le compensazioni siano un fatto di civiltà, una prassi consueta nei paesi del Nord Europa, come la Svizzera o la Germania, dove i bordi delle autostrade non sono riempiti di asfalto, capannoni e manufatti di ogni genere, ma ben immersi nel contesto, in modo da impattare con il minimo danno. “Perché in Italia non si riesce, tranne in casi rarissimi, a realizzare autostrade fatte bene?”

 

alt

 

Paolo Conte ha evidenziato come pur avendo il Cipe approvato le compensazioni, c'è la difficoltà dei comuni a realizzare i progetti per via del patto di stabilità che impone un tetto alla spesa annuale. I finanziamenti, di circa un milione di euro ciascuno, fanno infatti splafonare i bilanci, costringendo i comuni a rimandare negli anni la realizzazione. Conte ha anche denunciato la quasi latitanza della Regione Lombardia che avrebbe dovuto finanziare con ulteriori risorse i progetti, aiutandone la realizzazione. Di conseguenza la neonata Provincia di Monza e Brianza è costretta a rispondere alla scarsità di risorse destinate all'ambiente (vedi La Giunta approva un contributo di 100.000 euro per i parchi della Brianza). “Purtroppo, nonostante le sollecitazioni, le strutture regionali sono rimaste sorde alle nostre richieste. Solo l'assessore al territorio Davide Boni ha dimostrato attenzione e ha fatto inserire i progetti nel piano paesistico regionale, una cosa utile ma insufficiente, perché va supportata anche con l'impegno di altri assessorati”.

 

alt

 

Prossima tappa del Road-Shock a Desio, una delle cittadine più colpite dalla occupazione di suolo. Il Pgt cittadino ha infatti il record di consumo di suolo, il 10% di incremento, cioè il doppio della soglia provinciale, oltre al problema del degrado territoriale, con terreni “scorticati” e riempiti di rifiuti dall'ecomafia e alla installazione di un ennesimo inceneritore, la cittadina paga a Pedemontana lo svincolo più grande d'Europa.

Le aree non edificate rimaste tra i comuni vicini sono anche oggetto di una proposta della rete che ha recentemente lanciato un comitato sovracomunale Comitato per l'ampliamento del PLIS Brianza Centrale

Mercoledì 18 novembre 2008
ore  21.00
SALA PERTINI C/O PALAZZO COMUNALE VIA LOMBARDIA -DESIO

Interverranno:

Daniele Cassanmagnago, architetto, ex-membro CdA di Pedemontana
Paolo Conte, Insieme in rete per uno sviluppo sostenibile;
Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia;
Arturo Lanzani, docente del Politecnico di Milano;
Sergio Mariani, Alternativa verde per Desio.

 

http://www.alternativaverde.it/rete/index.html

Vedi anche Road-Shock a Meda

Il ROAD SHOCK si presenta



 

Gli autori di Vorrei
Pino Timpani
Author: Pino TimpaniWebsite: http://blog.libero.it/PinoTimpani/

"Scrivere non ha niente a che vedere con significare, ma con misurare territori, cartografare contrade a venire." (Gilles Deleuze & Felix Guattari: Rizoma, Mille piani - 1980)
Pur essendo nato in Calabria, fui trapiantato a Monza nel 1968 e qui brianzolato nel corso di molti anni. Sono impegnato in politica e nell'associazionismo ambientalista brianzolo, presidente dell'Associazione per i Parchi del Vimercatese. Ho lavorato dal 1979 fino al 2014 alla Delchi di Villasanta, industria manifatturiera fondata nel 1908 e acquistata dalla multinazionale Carrier nel 1984 (Orwell qui non c'entra nulla). Nell'adolescenza, in gioventù e poi nell'età adulta, sono stato appassionato cultore della letteratura di Italo Calvino e di James Ballard.

digilander.libero.it/pinotimpani/

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)