Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Venerdì 13 Novembre incontro di Insieme in rete per uno sviluppo sostenibile
presso l'auditorium della biblioteca civica, in Piazza Unità d'Italia 2\G


 

Qui la mappa

 

Anche in questa serata, come avvenuto a Meda, con l'intervento del professor Paolo Conte, portavoce della rete, saranno affrontati i temi generali delle problematiche generate da Pedemontana nei territori. Seguirà l'intervento del prof. Arturo Lanzani sul principio delle compensazioni e una sintesi del quadro generale dei progetti nel Vimercatese. Si continua con l'intervento del dott. agronomo Dante Spinelli, arcorese ed esperto del territorio, che focalizzerà l'attenzione su alcuni progetti importanti. L'ass. all'ecologia di Vimercate Corrado Boccoli esporrà i progetti strategici dell'amministrazione in campo ambientale, anche in conseguenza dell'impatto autostradale. Seguiranno gli interventi\domande del pubblico. A concludere la serata è stato invitato il sindaco di Vimercate Paolo Brambilla, delegato del Vimercatese alla conferenza dei servizi.

Il comune di Vimercate è notoriamente uno dei più sensibili al tema Pedemontana. Già fin dagli inizi del progetto la cittadina fu la capitale del comitato antipedemontana, vivendo diverse manifestazioni pubbliche molto partecipate, tra cui una per le strade della città che vide la presenza di 700 persone. I comuni del Vimercatese contestarono il progetto e ottennero da Regione Lombardia il finanziamento di uno studio sulle necessità reali della mobilità. La società Polinomia concluse il lavoro progettando un sistema viario basato sulla rete esistente senza la presenza del tracciato di Pedemontana. Ma esso non venne mai preso in considerazione dalla regione. La città paga un prezzo altissimo del sistema ambientale, viene occupata tutta la fascia nord e trapassati 2 parchi agricoli, Cavallera e Molgora, faticosamente risparmiati e preservati dalla oculata amministrazione. In particolare sarà distrutto il Bosco della Bruciata in prossimità del fiume Molgora. Anche nelle vicine Arcore e Lesmo vengono devastati due parchi di pregio, la Valle Lambro e le colline di Bernate, un patrimonio boschivo condiviso con Camparada, Usmate e Casatenovo. L'autostrada prosegue nel progetto con la tratta D, che taglia in due parti l'area vasta della campagna verso il fiume Adda.

 

Tutte le info su: http://www.alternativaverde.it/rete/

Vedi anche: http://www.vorrei.org/ambiente/1478-il-road-shock-si-presenta.html

 

alt

Le compensazioni a Velasca

alt

Le compensazioni nel Parco della Cavallera

 

alt

Le compensazioni nel Parco del Molgora

Gli autori di Vorrei
Pino Timpani
Author: Pino TimpaniWebsite: http://blog.libero.it/PinoTimpani/

"Scrivere non ha niente a che vedere con significare, ma con misurare territori, cartografare contrade a venire." (Gilles Deleuze & Felix Guattari: Rizoma, Mille piani - 1980)
Pur essendo nato in Calabria, fui trapiantato a Monza nel 1968 e qui brianzolato nel corso di molti anni. Sono impegnato in politica e nell'associazionismo ambientalista brianzolo, presidente dell'Associazione per i Parchi del Vimercatese. Ho lavorato dal 1979 fino al 2014 alla Delchi di Villasanta, industria manifatturiera fondata nel 1908 e acquistata dalla multinazionale Carrier nel 1984 (Orwell qui non c'entra nulla). Nell'adolescenza, in gioventù e poi nell'età adulta, sono stato appassionato cultore della letteratura di Italo Calvino e di James Ballard.

digilander.libero.it/pinotimpani/

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?