Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

200905-trentotrieste-a

Il 5 maggio riapre Piazza Trento & Trieste a Monza. Tutti felici e contenti?

Giusto due anni fa, me ne andavo in giro con la macchina fotografica ad immortalare gli slogan dei manifesti elettorali di allora. Quelli del Centro destra, in colore rosso e nero, gridavano a "Monza città tradita". Sotto quella frase vi erano manifesti diversi con le ben note promesse elettorali: "meno traffico, meno tasse, ecc."

Ma ce n'era uno in particolare, o meglio due, che dicevano, l'uno: "Piazza Trento, una vergogna" e l'altro, integrato dalla frase: "Il parcheggio subito". Molti non capivano bene, vista e udita l'opposizione che, soprattutto il Centro destra, aveva fatto in Consiglio comunale contro quell'intervento, per una serie di motivi.

immagine-1immagine-2

Ma ecco che oggi la musica sembra cambiare, almeno nei suoi toni. Lo slogan per l'inaugurazione è: "Sai cosa abbiamo in Comune? Una nuova piazza da vivere". L'invito è rivolto dal Sindaco e dall'Assessore alle opere pubbliche, presenti gli operatori privati. Il tutto, parrebbe svolgersi sotto terra, al primo piano interrato del parcheggio, nel famoso "cantinone". Seguirà infatti un cocktail.

immagine-3immagine-4

Fino qui, tutto o quasi nella norma, come siamo ormai abituati tristemente a sentire. Ma quello che potremmo scommettere è che il centro sinistra, che ha pervicacemente voluto quell'autosilo in centro, ne potrebbe rivendicare la paternità e il tutto potrebbe giusto finire "a tarallucci e vino", almeno nei risultati concreti.

Non sarebbe la prima volta che le opere approvate dalle precedenti amministrazioni vengano inaugurate da quelle successive, magari anche dopo battaglie per contrastarle, ma questo, mi si dice, questo è "il bello" della politica o meglio, di certa politica. Nessuno ha neppure il più pudore almeno di non farne un fiore all'occhiello e di coniare slogan populisti o melliflui.

immagine-4-bis

Che dire? Non è la prima volta che questo succede e non sarà neppure l'ultima. Anzi, leggendo le cronache del Consiglio comunale, ho appreso che recentemente, sulla questione del mantenimento GP F1 a Monza: "36 presenti, 36 votanti, 36 favorevoli". Sembra che anche qui valga il detto: "i migliori se ne vanno".

immagine-5


Non amo e non ho mai amato il qualunquismo, ma in modo altrettanto forte "le maggioranze bulgare", che spesso denotano mancanza di democrazia e di reale dibattito. Possibile che tutti siano d'accordo? Non dico di trasformare la discussione in Consiglio comunale in una gazzarra da pizzeria, ma almeno qualche schieramento critico è bene che ci sia, pur nei doverosi e civili modi che si addicono ad una pubblica istituzione e quindi propri di un luogo che dovrebbe rappresentare tutti i cittadini. Questo vale soprattutto per chi si dichiara di essere oggi all'opposizione. O sbaglio? Pare di sì.

immagine-6

Gli autori di Vorrei
Giorgio Majoli
Author: Giorgio Majoli

Nato nel 1951 a Brescia, vive a Monza dal 1964. Dal 1980 al 2007, ha lavorato nel Settore pianificazione territoriale del Comune di Monza, del quale è stato anche dirigente. Socio di Legambiente Monza dal 1984, nel direttivo regionale nei primi anni ’90 e dal 2007, per due mandati (8 anni). Nell’esecutivo del Centro Culturale Ricerca (CCR) di Monza dal 1981. Ora pensionato, collabora come volontario, con associazioni e comitati di cittadini di Monza e della Brianza, per cercare di migliore l’ambiente in cui viviamo.Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?