Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Print Friendly, PDF & Email

 20121107-municipio

La Giunta Scanagatti ha presentato il piano per i prossimi 3 anni: alloggi a canone moderato, manutenzione straordinaria strade e marciapiedi. Tetti fotovoltaici sulle scuole, piste ciclabili e nuova stazione a Monza est

 

Riceviamo e pubblichiamo

Giunta presenta Piano triennale opere pubbliche

190 milioni di euro nei prossimi tre anni. Più di 60 già nel 2013: tra gli interventi realizzazione di alloggi a canone moderato, manutenzione straordinaria strade e marciapiedi. Tetti fotovoltaici sulle scuole, piste ciclabili e nuova stazione a Monza est

Monza, 7 novembre 2012 - Più di 190 milioni di investimenti nel prossimo triennio per le opere e i lavori pubblici necessari alla manutenzione e al rilancio di Monza: dai progetti speciali, come il nuovo contratto di quartiere al Cantalupo o la realizzazione di alloggi a canone  moderato, alla manutenzione di strade e al rifacimento dei marciapiedi, dagli interventi nelle scuole, comprese la realizzazione di coperture fotovoltaiche sui tetti o la sostituzione dei serramenti per il risparmio energetico, alla sistemazione degli impianti sportivi, dalla manutenzione degli alloggi comunali alla realizzazione di piste ciclabili, alla riqualificazione urbana e ambientale.

Lo prevede il Piano triennale delle opere pubbliche approvato dalla Giunta comunale, che per il 2013 impegna più di 62 milioni di euro (78,4 nel 2014, 54 nel 2015).

“Non presentiamo un libro dei sogni ma un piano di interventi concreti che miglioreranno la nostra città – commenta il sindaco Roberto Scanagatti. Anche con enormi difficoltà legate ai tagli e alla crisi riusciamo a garantire le risorse necessarie per il mantenimento del decoro e per sostenere i progetti necessari al rilancio di Monza. In questo piano c’è un’attenzione particolare ai bisogni abitativi, soprattutto dei giovani, e alle esigenze della città in tutti i settori. Il piano da noi approvato prevede investimenti impegnativi per interventi che vogliamo realizzare nei tempi programmati”

“Il piano dedica molta attenzione ai progetti futuri ma anche a interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione – aggiunge l’assessore alle Opere pubbliche Antonio Marrazzo. Vogliamo garantire funzionalità, decoro e sviluppo della città: i notevoli finanziamenti che saranno appostati già nel 2013 prevedono interventi in tutti i settori, dalle strade, alle scuole, dagli edifici pubblici agli alloggi comunali, e dimostrano l’impegno della nostra amministrazione per migliorare Monza da subito”.

Per quel che riguarda il 2013 al settore progettazione sono assegnati 18,8 milioni di euro complessivi per i progetti speciali, tra cui gli interventi nell’ambito del piano nazionale delle città (cofinanziato dal governo e che prevede di realizzare alloggi a canone moderato in aree degradate), per il nuovo contratto di quartiere al Cantalupo (6,2 milioni), per la biblioteca San Paolo e per il nuovo liceo musicale, per i quali, rispettivamente, nel prossimo biennio saranno impegnati 5,4 e 4 milioni di euro. Previsti anche 700 mila euro per il rifacimento della copertura dell’Istituto superiore d’arte (Isa). Sempre nello stesso settore sono previsti altri 11,4 milioni di euro per diversi interventi tra cui progetti di housing sociale, per i quali saranno impegnati 10 milioni già nel prossimo anno (20 nel biennio successivo) e la realizzazione della cittadella del volontariato civile nell’area ex Fossati e Lamperti, che comincerà con interventi di ristrutturazione nelle attuali strutture per i quali l’anno prossimo saranno disponibili 400 mila euro.

Alla manutenzione degli alloggi comunali saranno destinati l’anno prossimo quasi 6 milioni di euro mentre gli impianti sportivi, tra cui le palestre scolastiche, assorbiranno complessivamente 2 milioni sempre nel 2013. Prevista anche la realizzazione della nuova palestra rotellistica, alla quale nel prossimo biennio saranno destinati 2,5 milioni di euro.

Più di 6 milioni i fondi destinati alla sistemazione e all’adeguamento degli edifici pubblici, tra cui gli uffici giudiziari, a cui per diverse manutenzioni sono stati destinati 600 mila euro, e gli interventi nelle scuole: dalle imbiancature alle verifiche statiche, dall’adeguamento degli impianti e messa in sicurezza fino al rifacimento dei tetti, con il posizionamento di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. Alla scuola media Puecher, anche ai fini di un maggiore risparmio energetico, saranno anche sostituiti tutti i serramenti. Per gli interventi negli edifici scolastici nel 2013 saranno disponibili circa 2,5 milioni di euro.

Il settore strade, viabilità e infrastrutture comporterà già nel 2013 spese per 11,4 milioni di euro e prevede la manutenzione straordinaria delle pavimentazioni lapidee di vie e piazze cittadine, dei manti stradali, la realizzazione di nuovi marciapiedi, l’abbattimento delle barriere architettoniche (solo a queste voci sono destinati 3,8 milioni di euro il prossimo anno) e in generale tutto il settore della viabilità, con interventi puntuali in diverse zone della città. In questo ambito 2 milioni di euro saranno destinati alla realizzazione della fermata ferroviaria Monza Est e 1,2 milioni alla realizzazione di nuove piste ciclabili e alla manutenzione di quelle esistenti.

Investimenti cospicui anche per l’accelerazione della realizzazione del sottopasso ciclopedonale di Via Bergamo, al quale è destinato 1 milione di euro l’anno prossimo, del parcheggio interrato in Piazza Citterio (8,5 milioni nel prossimo biennio), per il sottopasso ciclopedonale di via De Marchi (2 milioni nel biennio), per lo svincolo a due livelli all’incrocio di Viale Libertà con Via Stucchi (8,5 milioni nel biennio) e per l’allargamento del cavalcavia di Via Turati (6 milioni nel biennio).

Al settore manutenzione degli spazi cimiteriali saranno destinati 3,7 milioni nel 2013, compresi i 2,4 milioni per la realizzazione dell’impianto di cremazione e la sala del commiato.