Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

La rivista che vorrei

Studenti e docenti dei Centri di Formazione Professionale "Pertini" di Seregno e "Terragni" di Meda hanno realizzato il progetto di una panchina ecologica progettata da un ragazzo delle scuole medie. Presentazione ufficiale venerdì primo giugno

Una panchina "verde" a Seregno. La Lega però non c'entra nulla. Si tratta di un prototipo che risponde a criteri di ecosostenibilità, costruita in legno di abete e bambù, oltre ad avere parti in alluminio. La prima bozza di progetto è nata dalla matita dello studente Davide Butticè della scuola media "Mercalli" di Seregno, vincitore della prima edizione del concorso "Ecodesign" lanciato dal CFP "Pertini", sostenuto dal Comune. Nella commissione era presente, fra gli altri, il bio architetto Massimo Duroni, i cui corsi hanno permesso agli alunni dei due CFP di familiarizzare con la progettazione ecosostenibile. Studenti e professori del "Pertini" e del "Terragni" hanno quindi steso il progetto vero e proprio e costruito la panchina, la cui presentazione ufficiale si terrà venerdì prossimo al "Pertini". L'anno venturo altre due panchine dello stesso modello saranno installate al parco "Due giugno" di Seregno.

Tutti i settori delle due scuole hanno dato il loro contributo: gli operatori delle macchine utensili hanno concretamente lavorato sui pezzi, quelli del fotovoltaico hanno progettato il sistema di illuminazione a led alimentato da pannelli solari, gli autoriparatori hanno effettuato ricerche sui materiali da utilizzare e sul loro impatto ecologico, oltre ad aver assemblato i componenti, mentre gli alunni del settore servizi alle imprese hanno steso il piano dei costi e pensato al marketing. Se al "Pertini" hanno lavorato sulle parti metalliche, al "Terragni " ci si è concentrati su quelle di legno, nelle quali sono state ricavate anche indicazioni di punti interessanti del luogo in cui sarà installata.

L'ecosostenibilità della panchina è data dal fatto che i materiali usati sono a basso impatto ambientale, perché facilmente riciclabili. Anche la progettazione risulta ecosostenibile, data la limitata presenza di viti che permette un assemblaggio agevole, con bassi consumi e costi di smaltimento. Oltre a questo, rispetto alle normali panchine, quella di "Ecodesign" è costruita senza colle, solventi o altre sostanze chimiche. Ecocompatibile, ma non solo: nel progetto degli alunni dei due CFP rientra anche la possibilità di sfruttare l'energia ottenuta dai pannelli fotovoltaici per alimentare un punto di rete wireless. La Brianza, insomma, si riappropria del design, accogliendo la sfida di questi anni: ecosostenibilità a braccetto con la tecnologia 2.0.

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?