Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

ALLA PEG PEREGO DI ARCORE PROSEGUE IL CONFRONTO PER SCONGIURARE I LICENZIAMENTI

ANNUNCIATI DALL’AZIENDA

Si è svolto in data odierna l’incontro in sede aziendale ad Arcore al fine di trovare soluzioni alternative ai 110 licenziamenti annunciati a metà gennaio dalla Direzione Peg Perego. Alla proposta formulata nel precedente incontro del 12 febbraio u.s. dalle Organizzazioni FIOM e FIM di utilizzo di ammortizzatori sociali conservativi dell’occupazione per ulteriori 12 mesi e la possibilità di affiancamento di uscita volontaria per coloro che possano accedere alla pensione nei prossimi 2/3 anni, sulla quale la Proprietà si era presa del tempo di riflessione, è stata data una risposta positiva.

Per gestire la pesante situazione occupazionale, altre richieste sono state avanzate oggi dalla delegazione sindacale: l’eventuale utilizzo di accordi di ricollocazione, l’utilizzo dell’outplacement e incentivazioni anche per coloro che pur non avendo il requisito pensionistico vogliano eventualmente uscire volontariamente. Altra questione emersa, con tutta la sua complicazione, e sul quale si devono trovare le soluzioni è la modalità delle possibili riorganizzazioni delle postazioni, anche coinvolgendo gli enti preposti, per riuscire a ricollocare i lavoratori e le lavoratrici che hanno limitazioni lavorative anche dovute ai tanti anni trascorsi nelle linee lavorative. “Il percorso è ancora lungo e, scelto il sentiero che si vuole percorrere, la parte complicata arriva proprio ora.

Dobbiamo provare a riempire di contenuti e poi tradurre nero su bianco quanto emerso dall’incontro odierno. Tale percorso, per la riuscita, deve essere svolto con il coinvolgimento delle istituzioni e quindi l’eventuale accordo dovrà essere fatto sul tavolo di Regione Lombardia. La questione fondamentale che come rappresentanti dei lavoratori abbiamo ribadito al tavolo è che l’unico accordo possibile non deve prevedere licenziamenti forzosi ed unilaterali.”

Spiegano all’uscita dell’incontro Stefano Bucchioni della FIOM Brianza ed Eliana Dell’Acqua della FIM Brianza Lecco. Il confronto nel frattempo proseguirà in sede aziendale con un nuovo appuntamento fissato per il prossimo 11 marzo nel pomeriggio.

Arcore, 27 febbraio 2019

FIOM – CGIL Monza e Brianza         FIM – CISL Brianza Lecco

 

Iscriviti alla newsletter

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /web/htdocs/www.vorrei.org/home/plugins/acymailing/tagcontent/tagcontent.php on line 1228
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)