Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Monza, 13 giugno 2011 – “Un dato più che positivo anche in Brianza, tra le prime province lombarde per partecipazione, dove il quorum è stato superato in 53 comuni su 55. Il risultato sull’acqua soprattutto rappresenta una chiara sconfitta della linea della maggioranza al governo della Provincia di Monza, a cui avevamo chiesto di attendere i referendum prima dell’approvazione dell’ufficio d’ambito che di fatto scippava ai comuni la titolarità sulle risorse idriche. Ora, dopo l’esito della consultazione, bisogna riaprire la discussione in Consiglio, partendo dalla riaffermazione del principio che l’acqua è un bene pubblico e che i comuni hanno un ruolo primario”.

Lo dichiarano il segretario provinciale del Pd Gigi Ponti e il capogruppo in provincia Domenico Guerriero commentando gli esiti del voto referendario.

“Quanto alla vittoria contro il nucleare – continuano gli esponenti dei democratici -, finalmente si riaprono grandi opportunità per le imprese brianzole che da tempo hanno deciso di scommettere sulla green economy e sulle energie rinnovabili. La bocciatura infine della legge sul legittimo impedimento è una giusta e sacrosanta riaffermazione del principio costituzionale che dice che la legge è uguale per tutti, premier e ministri compresi”. 

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)