Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

Poche idee e confuse dalle parti del Centrodestra: dopo aver assegnato per 20 anni ai privati la Villa Reale ora vorrebbero farci la sede di uno dei fantomatici "Ministeri del Nord" di cui parla tanto la Lega. E Grimoldi e Galan litigano pure fra di loro

 C'è un proverbio, antico ovviamente, che recita “Han perduto le vacche, ora cercano le corna”. Sembra proprio questo il caso. Negli scorsi mesi è stato assegnato ad un privato il bando per il recupero e la gestione del corpo centrale della Villa Reale di Monza. In questi giorni La Lega Nord battaglia con il Presidente del Consiglio per portare dei ministeri (degli uffici ministeriali, delle filiali, almeno le targhette...) al nord e gira insistentemente la voce che vorrebbe dare sede ad uno di questi proprio nella Villa Reale appena "svenduta". Qualcosa ci sfugge evidentemente perché altrimenti vien da pensare che - nel caso - il ministero (o gli uffici ministeriali, o le filiali, o le targhette...)  dovrebbero pagare l'affitto ai vincitori del bando.

Sul Giorno e su Libero di oggi, Monica Buzzi e Laura Marinaro riportano le voci e le posizioni degli "attori" in scena i quali, giusto per dare più contegno alla questione, riescono anche a litigare a distanza sul nulla. Grimoldi invita Galan a non dire "puttanate".

 

20110610-giorno-villa20110610-libero-villa