Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Print Friendly, PDF & Email

20100207-glaxo_0La notizia dell’intenzione della Glaxo di chiudere il centro di ricerca di Verona è stata per me un piccolo colpo al cuore.

Ricordo che a metà degli anni trenta, avevo quattro o cinque anni, circolava per casa un opuscolo pubblicitario intitolato “Il Bambino Glaxo”. Pensavo a questo bambino con una certa angoscia, lo vedevo, oltre che grasso, un po’ gonfio, deforme. Ma ora è tra i buffi e piacevoli ricordi della mia infanzia.

Da adulto, passato  da Roma alla Lombardia,  e avendo un mio figlio messo su famiglia a Padova, ho frequenti occasioni di percorrere l’autostrada Milano-Venezia. Nel percorso, Verona si annuncia con una grande costruzione su cui fino a qualche anno fa era scritto “Glaxo, Centro di Ricerca” o pressappoco. Poi l’insegna è stata  cambiata in  “Glaxo-SmithKline”. Cosa che non mi sembrava di buon auspicio, ma che mi sono spiegato con le inevitabili razionalizzazioni (!) delle multinazionali,   causa ed effetto delle tante  fusioni e acquisizioni degli ultimi tempi.

Perché questo mio affetto  apparentemente irragionevole per la Glaxo? Perché mi sembrava un simbolo permanente della attrattività dell’Italia, perché pensavo che Verona ne fosse un esempio, dovuto non solo alla felice posizione geografica, ma anche alla bellezza artistica e naturale del luogo  e alle reminiscenze shakespeariane.

Se il Centro di ricerca Glaxo di Verona chiude, per me è  una conferma  dolorosa del degrado inesorabile del nostro Paese.  Che sta perdendo  non solo la sua attrattività economica, ma anche quella culturale, artistica  e naturale, quella che spingeva gli stranieri, in tempi ormai remoti, a intraprendere l’irrinunciabile “Viaggio in Italia”.

Io non smetto di sperare in un rinascimento, ma non vedo ancora la luce in fondo al tunnel.