Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

Dal blog di Gimmi Perego rilanciamo la risposta di Bassetti a Giacomo Correale Santacroce su Lombardia in Europa.
La lettera di Correale:
La Lombardia dispone di un monumento di valore architettonico e ambientale incredibilmente trascurato: la "Imperial Regia Villa e Parco di Monza". Particolarmente ignorato è il Parco, capolavoro di architettura del paesaggio realizzato da Luigi Canonica duecento anni fa e ancora splendido nonostante le aggressioni del secolo scorso. Si tratta del parco cintato più grande d'Europa (700 ettari), di cui solo un centinaio occupati dall'Autodromo. Nella prospettiva dell'Expo 2015 non sarebbe interesse di Milano e di tutta la Lombardia investire le risorse necessarie per riportare Parco e Villa agli antichi splendori? Recentemente il Piemonte è riuscito a recuperare la Reggia di Venaria Reale. Forse la Lombardia non è all'altezza?

Giacomo Correale Santacroce

È interessante leggere nella risposta perchè Piero Bassetti propone il recupero di Parco e Villa. Non solo per motivi di valorizzazione turistica, ma anche e forse soprattutto per una esigenza simbolica: i monumenti hanno un valore intrinseco:
Non è soltanto il turismo, con le sue prospettive di primo settore produttivo al mondo, ciò che ci deve spronare nel recupero del nostro patrimonio culturale e ambientale. È soprattutto un senso forte di soggettività politica ciò che dobbiamo riscoprire. Monumenti e simboli valgono certo per il loro valore intrinseco. Ma valgono soprattutto per il loro valore e insegnamento simbolico. Se la Lombardia risultasse incapace di recuperare la Villa di Monza e il suo Parco, nel momento in cui abbiamo appena costituito in Provincia il suo territorio, in una stagione istituzionale nella quale l'Europa delle Regioni si presenta come l'unica prospettiva realistica per il recupero del disegno europeo e l'Expo come occasione contingente per essere conosciuti e misurati dal mondo, vorrebbe proprio dire che abbiamo perso l'anima. Che esserci dato lo strumento dell'autogoverno regionale non è servito a ricuperarla. Che il nostro futuro di grande Regione europea si sta smarrendo.
Ma questo io non credo!

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?