Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Print Friendly, PDF & Email

 20131209-Monguzzi-LORENZO-a

Dossier. Brianza che vieni, Brianza che vai. “Portavèrta” è il primo album da solista di Lorenzo Monguzzi ma anche la canzone in dialetto brianzolo dedicata ai popoli in movimento: «Cosa ci posso fare, a me, a me piace la gente che sia del mio paese o di un altro continente. E tutti con la loro storia, e tutti con i loro problemi
pensare che noi siamo meglio è un ragionamento da scemi
»

L'album Portavèrta, il primo da solista di Lorenzo Monguzzi senza i Mercanti di liquore, è uscito già da qualche mese e molto presto torneremo a parlarne in modo approfondito, ma per il dossier dedicato alla Brianza in movimento, quella dei nuovi cittadini che arrivano e di quelli che partono, ci piace presentare ai nostri lettori la canzone che porta lo stesso titolo. Cantata in dialetto, parla della gente “del mio paese o di un altro continente”. Pensiamo sia molto nello spirito di questo dossier.
Il primo filmato è il backstage della registrazione dell'album prodotto da Jole Film, la casa di produzione di Marco Paolini, il secondo è proprio della canzone, in una versione disponibile su YouTube.

Per acquistare l'album e per conoscere tutte le date di Lorenzo Monguzzi vi consigliamo di seguire il suo sito: www.lorenzomonguzzi.it

 

 

Sun ‘nà in gir per el mund, te disi in cunfidénsa,
sèmm minga dumà nünch che ghèmm una cusciensa.
Gh’è gent che mör de fàmm, san pü ‘duè giràss,
e a dìla propri tütta, ghèm poch de lamentàss. Gh’è gent nasùda in guera, în semper dré a masàss
e nün’ chì a bestemà per minga pagà i tass. E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.
E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta. Se go’ de fagh, a mí, a mí me piàss la gent,
che la sia del me paés o de n’alter cuntinent.
E tücc cun la sua storia, e tücc coi so problemi,
pensà che nünch sèmm mej l’è un ragiunà de scemi. Ghe tuca de scapà perchè mören de famm,
l’è no una nuvità, l’han fa’ anca gli italiàn.
E chì se trata minga de perd l’identità,
ma basta dagh la culpa a quei püssé sfigà. E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.
E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta. Vi alter disaré che gh’è tròpa delinquensa,
che ‘em supurtà fin tròpp e adess ghèm pü pasciensa.
Che a caminà per strada, nel centro de Milàn
l’è come vess formagg in mèss ai pantegàn. Sèmm chì a cuntàss i ball, perché la verità
l’è che una volta ghérum ben poch de fass rubà,
e adèss che ghèm püssé, adèss che ghèm quejcòss
sèmm diventà cativ perché se càgum adoss. E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.
E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta
E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.
E tücc che vören sarà sü la porta ma a mí me piasarìa lasàla vèrta.

 

Traduzione

Ho girato per il mondo, ti dico in confidenza
noi non siamo gli unici ad avere una coscienza:
C’è gente che muore di fame, non sanno più da che parte girarsi
e, a dirla proprio tutta, abbiam poco di cui lamentarciC’è gente nata in guerra che continua ad ammazzarsi
e noi qui a bestemmiare per non pagare le tasseE tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla apertaCosa ci posso fare, a me, a me piace la gente
che sia del mio paese o di un altro continente
E tutti con la loro storia, e tutti con i loro problemi
pensare che noi siamo meglio è un ragionamento da scemiSono costretti a scappare per non morire di fame
non è una novità, l’han fatto anche gli italiani
E non si tratta di perdere l’identità,
smettiamola di dare la colpa a quelli più sfortunati

E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta

Voi direte che c’è troppa delinquenza
che abbiamo sopportato fin troppo e adesso non abbiamo più pazienza
Che a camminare per strada, nel centro di Milano
è come essere formaggio in mezzo alle pantegane.Ci raccontiamo frottole, perché la verità
è che una volta avevamo ben poco da farci rubare,
e adesso che abbiamo di più, adesso che abbiamo qualcosa
siamo diventati cattivi perché ci caghiamo addosso

E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e ma a me piacerebbe lasciarla aperta

 

 

 

Gli autori di Vorrei
Antonio Cornacchia
Author: Antonio CornacchiaWebsite: www.antoniocornacchia.com

Grafico e art director, ho studiato all'Accademia delle Belle Arti.
Curo campagne pubblicitarie e politiche, progetti grafici ed editoriali. Siti web per testate, istituzioni, aziende, enti non profit e professionisti.
Sono giornalista pubblicista dal 1996 e dirigo Vorrei.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli