Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

Due giorni di musica e flashback degli anni '60 nel Parco Increa

Quale momento migliore per andare al Parco di Cava Increa a Brugherio se non il Masnada Summer Festival? Se non ci siete mai stati, non lo conoscete o lo conoscete solo per nome, questo è (anzi, era) sicuramente il momento giusto. Il 16-17 luglio nel Parco si è festeggiato il beat, il surf e anche le bermuda. Nel bar del parco - un grazioso locale a metà tra chiosco e bungalow, con il soffitto fatto di paglia e il pavimento in legno - è tornato il Masnada Summer Festival, una due giorni di musica e flashback degli anni '60. Gente in abito elegante con la camicia strattonata e il cravattino stretto, ragazze con deliziosi vestitini squadrati, nessuna forma di hibster in giro (negli anni sessanta forse non esistevano?), quadri, cornici, vestiti, tazze e altri allegri oggettini vintage e retrò sulle bancarelle, e tanta bella musica. Ogni giorno il programma ha visto alternarsi sul palco del Masnada varie valevoli band: il 15 luglio a suonare c'erano i Bumbumbum, band di beat strumentale, e i Pretty Face, che si dichiarano king del garage rock, entrambe milanesi, precedute dal dj set di Bob Scotti; sabato 17 luglio, hanno suonato Le Minigonne, il cui nome esplica già la loro identità tutta al femminile, e The Mike Painter Trio & Viola Road, interessante band dai ritmi ballabilissimi, con il dj set a cura di Steven Perri.

alt

La partecipazione al Festival è stata numerosa e, pare, anche superiore rispetto a quella degli anni passati, decretando un miglior successo. Certo l'aria che tirava al Masnada era di sano divertimento in perfetto stile Sixties, con buona musica live che ha saputo coinvolgere e sciogliere i presenti nelle danze, formando simpatici quadretti mobili, ed anche dj set azzeccati all'evento stesso. Inoltre, grosso punto a favore del Masnada Summer Festival, è la gratuità dell'evento stesso, caratteristica molto positiva in tutti i tempi, soprattutto in questi.

Da non dimenticare, poi, che il contesto naturale del Parco è piacevolissimo a prescindere. Per chi non lo sapesse, esso è un'ex cava diventata una spaziosa e curata area verde con lago artificiale e qualche animale acquatico. Durante il giorno si può anche andare a prendere il sole in costume sulla riva. A pochi metri dall'autostrada, un'incredibile luogo per rilassarsi (sempre aperto e sempre gratuito). Sdraiarsi sull'erba, ascoltare un po' di surf music, alzarsi e fare qualche mossetta a ritmo, o scatenarsi senza ritmo, dimenticarsi dell'anno in cui si vive.

Niente paura se avete perso l'evento: il successo verrà sicuramente riproposto anche l'anno prossimo.

 

 


Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)