Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Print Friendly, PDF & Email

20110519-delleali

Weekend con la nuova produzione DelleAli al teatrOreno di Vimercate: teatro/audiodramma da Samuel Beckett

 Riceviamo e pubblichiamo

MONDO BIANCO
teatro/audiodramma da Samuel Beckett
con
Antonello Cassinotti e Giada Balestrini
suoni
Luca De Marinis

VENERDÌ 20
SABATO 21
DOMENICA 22 MAGGIO
ore 21.00

CONTAMINAZIONI 1011
TeatrOreno
via Madonna 14, Oreno VIMERCATE MB

posto unico 10€ ridotto* 8€

ideazione e scenoregia delleAli
con Antonello Cassinotti e Giada Balestrini
suoni Luca De Marinis
fotografia / progetto grafico Valeria Codara
organizzazione Lorenza Brambilla



Mondo bianco è un mondo di sogno, un’immagine mentale, uno spazio che non c’è, una condizione anelata da uno dei protagonisti dell’opera per la radio, la più stilistica, di Samuel Beckett, da cui abbiamo tratto ispirazione per la nostra performance. Un Mondo di riposo acustico, un ovattamento dell’animo, una sorta di silenzio luminoso che potrebbe, forse, cancellare il suono dei fantasmi che invece abitano l’immaginario ossessivo di Henry, una sorta di “rumore bianco”.

L'idea scenica

L’idea scenica è la messa in atto dell’allestimento dello spazio fisico e dello spazio sonoro mentale evocato nella pièce.
In una prima parte teatro/dramma, su un tappeto bianco, con una fioca luce un uomo predispone lo spazio scenico: una superficie ricoperta di sassi bianchi a simboleggiare una spiaggia in riva al mare, una donna, qualche oggetto, dei microfoni.

Nel realizzarlo, in una sequenza di azioni, apre e chiude a se stesso con dei comandi “on” e “stop” i microfoni per effettuare tutte le registrazioni che catturano i suoni che serviranno poi per lo svolgimento dell’audiodramma.

Quando tutto sarà pronto la scena diverrà invisibile e immateriale come in un audio/dramma, lasciando spazio ai valori poetici e musicali della parola detta, alla fisicità delle voci e al paesaggio dei suoni.
Per noi che amiamo definire il nostro teatro sonoro questa è una sfida che accettiamo con molta eccitazione e nel contempo con gran rispetto per uno degli autori più importanti del secolo scorso.