Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

20110225-pellegrin-a

Allo Fondazione Forma la personale del fotografo Magnum

Foto © Paolo Pellegrin/Magnum Photos

Al nome di Paolo Pellegrin è associata una delle figure più importanti e note del fotogiornalismo dei nostri tempi.
La Fondazione Forma, a Milano, ospita fino al 20 maggio 2011 ben duecento sue immagini nell'ambito della mostra "Dies Irae".

Le situazioni sociali e politiche da lui documentate ci portano alle guerre in Iraq, Kosovo, Afghanistan, Darfur, Gaza, Libano e all'esodo dei profughi.

 

20110225-pellegrin-1

 

Splendida ad esempio "gruppo di kosovari in arrivo a Kules, Albania 1999" ma emergono anche la vita quotidiana e gli aspetti umani di altri scenari quali il carcere di Guantanamo, l'epidemia di colera in Angola, gli effetti dello tsunami nell'Indonesiana Banda Aceh e dell'uragano Katrina a New Orleans. Il terremoto in Pakistan.
In collaborazione con Medici Senza Frontiere ha realizzato anche il lavoro sulla Cambogia, con immagini sulla prostituzione e il dilagare dell'AIDS.

Lo stesso Pellegrin definisce il suo lavoro un "archivio della nostra memoria collettiva".
Utilizza un linguaggio asciutto, diretto, non per questo privo di sensibilità laddove immagini crude ed immediate ci mostrano il dolore e i toni cupi della
nostra contemporaneità.

 

20110225-pellegrin-2

 

Il bianco e nero molto contrastato assume effetti drammatici. Dettagli, gesti, sguardi, unitamente alla dinamicità del mosso (Una madre piange il suo bambino ucciso durante un’incursione delle IDF a Jenin. Palestina, 2002), all'uso dello sfuocato, ad immagini "sporche" hanno un forte impatto comunicativo e di coinvolgimento.

Ritratti che sembrano dipinti e abbiamo l'impressione di poter toccare con mano ( Pristina. Funerali di un uomo ucciso da una mina.).

 

20110225-pellegrin-3

 

Sguardi che ti entrano nell'anima come in "Civili a Tiro in fuga dai loro villaggi dal Libano". Un invito a soffermarsi e a riflettere che emerge intensamente da ogni scatto dei suoi reportage.
Una mostra che consiglio davvero a tutti di visitare.

 

20110225-pellegrin-4

 

Per info: http://www.formafoto.it

La mostra

Periodo
dal 18 febbraio
al 15 maggio 2011
Orario
tutti i giorni dalle 10 alle 20
Giovedì e Venerdì dalle 10 alle 22
lunedì chiuso
Costo biglietto
Intero: 7,50 euro
Ridotto: 6 euro
Scuole: 4 euro
Elenco delle riduzioni
Per informazioni
02.5811.8067
02.8907.5419

 

Chi è Paolo Pellegrin

Paolo Pellegrin nasce a Roma nel 1964. Comincia a fotografare negli anni ‘80. Nel 1999 entra a Magnum Photos (membro nel 2005). Segue l’attualità internazionale e pubblica sulle principali testate del mondo. Nel 1995 il suo reportage sull’AIDS in Uganda vince il primo premio al World Press Photo (categoria “Daily Life”): primo di una serie di riconoscimenti fra cui Kodak Young Photographer Award, Visa D’Or di Perpignan, il WPP 2000, categoria “People in the News” per il lavoro sul Kosovo e il prestigioso Hasselblad Grant. Nel 2002 ottiene l’Hansel-Meith Award e il primo premio al WPP, categoria “People in the News”. Nel 2005 vince il primo premio del WPP, categoria “Ritratti-Stories”. Recentemente ha realizzato il libro As I was dying e ha partecipato alla collettiva di Magnum Ricominciare a vivere. Ha pubblicato: Cambogia con MSF e Kosovo: The Flight of Reason.

 

Gli autori di Vorrei
Author: Paola Rizzi
I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)