Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20091001-abitatori-del-tempo

Chi sono i filosofi? E’ vero che la filosofia serve, oggi?
Perchè le persone hanno bisogno della filosofia?

Tutti gli uomini tendono per natura alla conoscenza” dice Aristotele, quindi è nella natura dell’uomo fare filosofia. Per capire che cosa sia la filosofia e quale siano le competenze proprie del filosofo è necessario interrogare i filosofi “amatori della saggezza, cioè della verità” (Voltaire)

Un filosofo è “come il buon capitano di una nave, egli ormeggia la sua vita a ciò che è eterno e costante, là getta l’ancora e vive padrone di sé”. (Aristotele)

Un “filosofo è un uomo che costantemente vive, vede, sente, intuisce, spera, sogna cose straordinarie; che viene colpito dai suoi propri pensieri come se venissero dall’esterno, da sopra e da sotto, come dalla sua specie di avvenimenti e di fulmini; che forse è lui stesso un temporale gravido di nuovi fulmini; un uomo fatale, intorno al quale sempre rimbomba e rumoreggia e si spalancano abissi e aleggia un’aria sinistra. Un filosofo: ahimè, un essere che spesso fugge da se stesso, ha paura di se stesso- ma che è troppo curioso per non tornare a se stesso ogni volta.” (Nietzsche)

E’ vero che la filosofia serve, oggi?

Molti pensano che la filosofia non serve a nulla. Ma siamo proprio sicuri?
E allora come mai gli uomini di potere hanno cercato di ridurre al silenzio alcuni pensatori? Perché il pensiero di alcuni filosofi come Socrate, Boezio, Giordano Bruno, Spinosa, hanno subito persecuzioni, ostracismo, esilio, morte?
Se vogliamo dare un senso al mondo, se vogliamo capire il senso della vita, del nostro essere qui ed ora, stiamo già percorrendo il sentiero della filosofia; il maggiore di tutti i beni.
La filosofia non ha i vantaggi che ha la religione con le sue verità rivelate, né i vantaggi della scienza con le sue certezze. Sono più di duemilacinquecento anni che discutiamo sulle stesse cose, apparentemente senza senso. Ma cosa sarebbe il mondo se non ci fosse la filosofia, se non ci fosse questo sforzo di capire? Saremmo preda delle verità rivelate in senso politico e biologico.

In un mondo che ci consegna la sua radicale impotenza con i misuratori di bellezza, giovinezza, successo, denaro quali nuovi valori da vendere, l’indifferenza per la vita in generale, l’indecifrabilità dell’oggi si esplica nel disordine, nell’ottundimento del sé attraverso  la televisione, la moda, lo stadio, lo shopping. Il logorio della vita moderna non permette concentrazione a causa di una dispersione delle idee. Siamo trascinati da una sorta di fiume che non ci permette mai di arrestarci. Platone dice che “Filosofare è fermarsi a pensare” e forse per questo, oggi, abbiamo sempre più bisogno di filosofia, di quella “.. ricerca della felicità attraverso la saggezza”. ( Marcel Conche) In questo nostro novecento che ha dovuto fare i conti con enormi problemi in tutti i campi, la filosofia riempie inspiegabilmente i teatri e le piazze.

Perché accade questo? Perchè le persone hanno bisogna della filosofia?


Nel 1981 il filosofo tedesco Gerd Achenbach aprì in Germania il primo studio di Consulenza filosofica; nel 1999 sorge anche in Italia l’Associazione Italiana di counseling filosofico, si traducono i libri di Pieerre Hadot, Esercizi spirituali della filosofia antica e di Lou Marinoff, Platone è meglio del Prozac e Le pillole di Aristotele che avvicina il grande pubblico alla figura del filosofo che si occupa degli individui senza proporsi come “ terapeuta”.  

...della filosofia non si può fare a meno…

La filosofia non serve a nulla perché tratta quelle cose che non sono utili per la pratica. Ma della filosofia non si può fare a meno. Non tratta di cose che hanno un prezzo ma di quelle che hanno dignità. Affronta problemi che non possono essere negoziati: quelli della nostra esistenza” così dichiara Vittorio Possenti, docente di filosofia politica a Venezia, durante la presentazione della V edizione 2009 della rassegna Abitatori del tempo che ha offerto, ancora una volta, una riflessione sul senso della vita, tracciando lo sguardo sui temi del presente con alcuni tra i più importanti filosofi italiani contemporanei. Un ciclo itinerante di incontri ideato dai Comuni di Monza e Villasanta, con la partecipazione della Provincia che, anche quest’anno, ha riempito le sale e i teatri della Brianza.

L’edizione 2009 si è realizzata in 12 appuntamenti, dal 9 gennaio al 23 marzo, in 9 comuni della Brianza con la presenza dei grandi filosofi da Gianni Vattimo a Salvatori Natoli, da Umberto Galimberti a Emanuele Severino. I comuni interessati: Monza, Villasanta, Bovisio Masciago, Brugherio, Cesano Maderno, Vimercate, Nova Milanese, Lissone, Arcore. La collaborazione con gli Atenei e con gli Enti, ha arricchito la rassegna maturata nel corso degli anni di esperienze significative. Sono tre gli atenei coinvolti nella rassegna con i loro docenti: Università Statale di Milano, Università Cattolica del S. Cuore e Università Vita e Salute S. Raffaele. Abitatori del tempo è una rassegna dedicata alla grande filosofia, un appuntamento fisso, atteso dal pubblico brianzolo. Si sono registrate almeno seimila presenze durante la scorsa edizione; un tutto esaurito in ogni serata. Abitatori del tempo rimane un’esperienza importante per la Brianza che ha testimoniato il bisogno di quella “cultura di qualità” che affronta i temi più veri e autentici dei nostri tempi. La rassegna 2009 ha affrontato il tema della Libertà attraverso una pluralità di interventi: dalla “Ontologia della libertà” di Gianni Vattimo, alla “Libertà economica ed emotiva” di Matteo Motterlini, a “Oltre la libertà” di Carlo Sini, con due importanti conferenze tenute all’interno del carcere monzese, che ospita 700 detenuti.

“…mi si è fatta luce sulla storia segreta dei filosofi, sulla psicologia dei grandi nomi.- Quanta verità può sopportare, quanta verità può osare un uomo? Questa è diventata la mia vera unità di misura, sempre più.” (Nietzsche)

E con “Sentieri per l’infinito. Itinerari a confronto e dialoghi sull’identità spirituale” la città di Monza ha realizzato un altro importante itinerario promosso anche quest’anno dal Comune e dalla Procultura. Il tema degli incontri della rassegna 2009  è stato : “Sulle tracce di Paolo, apostolo delle genti.”. La scelta è scaturita dalla ricorrenza del bimillenario della nascita di san Paolo. Un’iniziativa di grande interesse che ha visto la partecipazione di un folto pubblico presso il Teatro Villoresi. Gli appuntamenti  sono stati preceduti da un preludio musicale a cura dell’Ensemble Arparia.

Due importanti appuntamenti culturali, due rassegne che si ripetono con successo.

Promuovere la cultura in un Paese favorisce la civiltà e la libertà di quel Paese perchè “La cultura rende un popolo facile da guidare, ma difficile da trascinare; facile da governare, ma impossibile a ridursi in schiavitù”. ( Henry Brougham)

20091003-Galimberti

Rossana Lissoni, Roberto Rampi e Umberto Galimberti

 

Cinque anni di Abitatori del tempo

Tutte le date e i nomi delle cinque stagioni della rassegna ideatata da Rossana Lissoni

2005

28 gennaio 2005 ore 21
EMANUELE SEVERINO
Abitatori del tempo
Teatro Manzoni Monza

11 febbraio ore 21
PIERANGELO SEQUERI
Di generazioni in generazioni: accumulazioni e dispersioni dell’umano
Sala Astrolabio Villasanta

25 febbraio 2005 ore 21
UMBERTO GALIMBERTI
Vizi capitali e nuovi vizi
Teatro Manzoni Monza

11 marzo 2005 ore 21
SALVATORE NATOLI
Stare al mondo: escursioni nel tempo presente
Sala Astrolabio Villasanta


2006

18 novembre 2005
Umberto Galimberti
L’etica e la religione nell’età della tecnica
Monza Teatro Manzoni

13 gennaio 2006
Mauro Mancia
Memoria, inconscio, sogno: la psicoanalisi in dialogo con le neuroscienze
Villasanta Sala Astrolabio

20 gennaio 2006
Salvatore Natoli
Sincerità e verità
Monza Teatro Villoresi

3 febbraio 2006
Francesco Botturi
Che cosa significa “abitare” il tempo?
Riflessioni sulla religiosità dell’esistenza
Monza Teatro Villoresi

10 febbraio 2006
Edoardo Boncinelli
Le diverse vie dell'immortalità
Villasanta Sala Astrolabio

17 febbraio 2006
Giulio Giorello
Religiosi per caso, atei per scelta
Monza Teatro Villoresi

24 febbraio 2006
Stefano Moriggi
La tentazione del Bene: vizi e virtù secondo natura...
Villasanta Sala Astrolabio

3 marzo 2006
Davide Bigalli
L’Eden e il cannibale
Villasanta Sala Astrolabio


2007

12 gennaio 2007
Monza, Teatro Manzoni
L'etica del capitalismo e lo spirito della tecnica
Emanuele Severino

19 gennaio 2007
Brugherio, Teatro S.Giuseppe
La morte dell'agire e il primato del fare nell'età della tecnica
Umberto Galimberti

26 gennaio 2007
Villasanta, Teatro Astrolabio
Immagine e destino del cristianesimo nell'epoca della modernità
Ernesto Galli Della Loggia

2 febbraio 2007
Cesano Maderno,  Cine-Teatro Excelsior
Identità umana e senso dei valori
Massimo Marassi

9 febbraio 2007
Monza, Teatro Villoresi
I liberalismi: individualità, individuo, individualismo
Salvatore Natoli

16 febbraio 2007
Monza, Teatro Villoresi
Equità e sviluppo: prospettive economiche
Alberto Quadrio Curzio

23 febbraio 2007
Vimercate, Spazio Capitol
Verità come merce
Giulio Giorello

2 marzo 2007
Bovisio Masciago, Palamedia
Lo sterco del diavolo e i suoi nemici
Stefano Moriggi

9 marzo 2007
Villasanta, Teatro Astrolabio
Globalizzazione e libertà economica
Fabio Sdogati

16 marzo 2007
Villasanta, Teatro Astrolabio
La grande impresa nell’età della globalizzazione
Piergiorgio Marchetti e Lorenzo Ornaghi



2008

11 gennaio, Villasanta
Emanuele Severino
La ragione, la fede
Teatro Astrolabio

18 gennaio, Monza
Massimo Marassi
Una straordinaria follia della ragione
Teatro Manzoni

25 gennaio, Brugherio
Salvatore Natoli
Follie e società: disordini morali, malattie mentali, dispositivi istituzionali
Teatro S. Giuseppe

1 febbraio, Vimercate
Umberto Galimberti
Ragione e follia
Warner Village Torri Bianche

8 febbraio, Bovisio Masciago
Fabio Minazzi
La follia della ragione e le sue astuzie
Palamedia

15 febbraio, Monza
Carlo Sini
Dove sta la ragione?
Teatro Villoresi

22 febbraio, Lissone
Edoardo Boncinelli
Le forme del male
Palazzo Terragni

29 febbraio, Nova Milanese
Stefano Moriggi
Folli e filosofi, via sulle navi!
Auditorium Comunale

7 marzo, Arcore
Giulio Giorello
Mad Doctor. Scienza, follia e fumetto
Cinema Teatro Nuovo

14 marzo, Cesano Maderno
Massimo Donà
Le ragioni della follia
Excelsior Cinema&Teatro


2009

9 gennaio 2009
IL PROBLEMA DELLA LIBERTÀ
Emanuele Severino
Monza - Teatro Manzoni

16 gennaio 2009
UNA LIBERTÀ FINITA
Massimo Marassi
Nova Milanese,- Auditorium comunale

22 gennaio 2009
OLTRE LA LIBERTÀ
Carlo Sini
Villasanta - Teatro Astrolabio

30 gennaio 2009
ONTOLOGIA DELLA LIBERTÀ
Gianni Vattimo
Bovisio Masciago - Palamedia

6 febbraio 2009
LIBERTÀ E DESTINO
Vittorio Possenti
Monza - Teatro Manzoni

13 febbraio 2009
LA LIBERTÀ E I SUOI PARADOSSI
Giulio Giorello
Cesano Maderno - Excelsior

16 febbraio 2009
PERCHÉ L’IMPERATIVO CATEGORICO PARLA IN SECONDA PERSONA
Vincenzo Vitiello
Brugherio - Teatro San Giuseppe

20 febbraio 2009
INCATENATI ALLA LIBERTÀ
Edoardo Boncinelli
Arcore - Teatro Nuovo

27 febbraio 2009
L’ ILLUSIONE DELLA LIBERTÀ
Umberto Galimberti
Villasanta - Teatro Astrolabio

6 marzo 2009
UN “CATTIVO PENSIERO” SULLA LIBERTÀ E IL SUO SPAZIO
Stefano Moriggi
Lissone - Palazzo Terragni

13 marzo 2009
AUTODETERMINAZIONE: VINCOLI E SCELTE
Salvatore Natoli
Vimercate - Omnicomprensivo

23 marzo 2009
LIBERTÀ ECONOMICA ED EMOTIVITÀ
Matteo Motterlini
Monza - Teatro Manzoni

 


Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)