Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20080926-bau-01-a.jpg

I disegni invisibili. Sono le copertine dei libri che ancora non sono esposti nelle librerie, ancora nascosti quindi allo sguardo del lettore. «Si trovano nel regno di mezzo che c'è tra la pubblicazione e la bocciatura» ha detto al riguardo Michele Calzavara, curatore della mostra aperta ieri alla Feltrinelli di Monza, dal titolo "Disegni invisibili", per l'appunto. I disegni esposti sono quelli che l'artista Guido Scarabottolo ha proposto per i libri che Guanda pubblicherà da qui a febbraio.

20080926-bau-01.jpg

Il lavoro grafico è intenso e spesso, per i volumi che usciranno nell'arco di diversi mesi, è concentrato in pochi giorni. Le copertine sono ovviamente realizzate in base al titolo e al contenuto del libro in questione, ma il grafico ha ammesso che «al ritmo con cui ormai si lavora, è diventato impossibile leggere ogni singolo libro, bisogna basarsi su un riassunto». Anche il contatto con gli autori è limitato: «Di solito si fanno sentire solo per lamentarsi – ha detto ridendo Scarabottolo – ma per fortuna non succede quasi mai». È vero che la copertina influenza così tanto la scelta di comprare o non comprare un volume? «A giudicare da come mi trattano – ha risposto, sempre scherzosamente – direi di sì, e la cosa vale tanto più per quegli scrittori ancora poco noti al pubblico, mentre quelli già affermati possono aver meno bisogno di questo fattore. D'altro canto – ha aggiunto – le librerie stesse ordinano i libri sulla base della copertina». Quanto dura la vita media di una copertina prima di dover essere cambiata, magari in vista di una riedizione? «Sono abbastanza fortunato – ha detto – mi è capitato poche volte di dover rifare nell'arco di pochi anni diverse copertine per lo stesso libro. Per le edizioni tascabili realizzo semplicemente delle varianti isolando un elemento del disegno originario».

20080926-bau-02.jpg

In un'epoca in cui si disegna sempre di più con il computer e le opere nascono come files all'interno di programmi specializzati, Scarabottolo ha un rapporto molto distaccato con le proprie creazioni: «Non sacralizzo mai gli originali delle mie opere – ha dichiarato – accetto sempre le rese grafiche delle diverse macchine che le visualizzano o le stampano. In un certo senso – ha proseguito – è come se le traducessero, in qualche modo. Non mi piace nemmeno fornire interpretazioni o commenti sul mio lavoro. È un compito che spetta al pubblico».

20080926-bau-04.jpg

Per il megastore monzese si è come compiuto un ciclo, ospitando un'esposizione dell'artista che ne aveva curato la prima mostra fotografica. L'impegno culturale della Feltrinelli, ad ogni modo, non si fermerà: l'assessore alla Cultura di Vimercate Roberto Rampi, anch'egli ospite dell'evento di ieri sera, ha parlato della realizzazione, proprio assieme al negozio monzese, di uno spazio espositivo nel suo comune che promuova un circuito culturale tra Monza e quest'ultimo.

 

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /web/htdocs/www.vorrei.org/home/plugins/acymailing/tagcontent/tagcontent.php on line 1228
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)