Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20160314 macbeth

Luca Redaelli interpreta Shakespeare. Un inatteso legame tra i sapori lecchesi e le terre di Scozia

Il testo è di quelli assoluti. In cui ogni cosa è scritta. Destino. Potere. Ambizione. Sogni. L'intera natura umana.
Da subito colpisce un inatteso legame tra i sapori lecchesi e le terre di Scozia. Che diventa splendido nelle veggenti, uno dei punti forti dell'interpretazione.
Caricato quasi completamente sulle spalle di Luca Redaelli (con la sola spalla di non poco conto di Maurizio Aliffi alla chitarra, dal vivo, a dar man forte) l'interpretazione del Macbetto fila densa e e spumosa come una mousse al cioccolato fondente.

Il cuoco (di Salò) osserva gli avvenimenti come se la cucina fosse l'unica cosa davvero importante (e come dargli torto) "anche in un naufragio bisogna pur mangiare". È vero e al tempo stesso marionetta, pupo, folle shakespeariano. Lady Macbeth è una figura leggera, di un'altra dimensione, più una voce nella mente, un fantasma tanto quanto Banquo nella casseruola.
La cucina è inquietante, come ho sempre sospettato che fosse. Crudele. La banalità del male che ogni giorno è più volte al giorno taglia, lacera, ferisce, cuoce, brucia, disossa, affetta, spezza, tritura ... E trasforma.

Donne e uomini di ogni tempo, vecchi e bambini, sono ingredienti passeggeri per il menù di una sera o di una vita. Il Cuoco segue un menù , improvvisa, mischia tutto senza senso oppure gioca, come un bambino, e getta tutto nella spazzatura.

 

MACBETH BANQUET
da William Shakespeare
progetto e traduzione Luca Radaelli
regia Paola Manfredi
con Luca Radaelli e Maurizio Aliffi
 assistente alla regia Dario Villa
assistente alla produzione Matteo Binda
assistente alla tecnica Graziano Venturuzzo
 organizzazione Elena Scolari
 produzione Teatro Invito
con il sostegno di Regione Lombardia per il Progetto NEXT

 

 

Gli autori di Vorrei
Roberto Rampi
Author: Roberto Rampi

Roberto Rampi ha iniziato la sua attività culturale con l'associazione giovanile Fonendoscopio, organizzando per otto anni concerti, eventi e manifestazioni. Ne ha fatto un professione lavorando nel managment musicale, tra gli altri con Roberto Vecchioni e Eugenio Finardi, e nella comunicazione e valorizzazione dei beni culturali. Si è occupato di comunicazione istituzionale e politica. È studioso e appassionato di filosofia ermeneutica. Oggi in commissione cultura alla Camera dei Deputati per il Partito Democratico, è stato prima consigliere comunale, poi vicesindaco e assessore alle politiche culturali, partecipazione e politiche giovanili del Comune di Vimercate. È presidente del Sistema Bibliotecario Vimercatese. Per quattro anni è stato membro della segreteria regionale del PD Lombardo e prima di quella provinciale di Milano, poi di Monza e Brianza.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)