Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20160609 BrianzaBookFestival thumb
Dalle ceneri di una libreria, è attiva da alcuni mesi a Monza l'agenzia letteraria Hemingway. Fra le attività organizzate c'è anche il festival letterario, di cui si terrà il 15 e 16 giugno l'edizione estiva

Quando ne parlammo la prima volta, Hemingway a Monza era il nome di una libreria in via Bergamo. I due librai – lo scrittore Dario Lessa (di cui è uscito da poco il romanzo Oltre, Ink Edizioni) e Valentina Casati – vendevano libri e intanto inventavano soluzioni anche per promuovere autori esordienti: da qui la nascita del Brianza Book Festival, organizzato dall'Agenzia Hemingway insieme a Monza Brianza Eventi e (quest'anno) dalla Fondazione Gaiani. Mercoledì 15 e giovedì 16 giugno, il festival animerà infatti il Museo del tesoro del Duomo di Monza.
Qui il programma e alcune specifiche sull'evento.

20160609 GuidoCatalano

L'esistenza di un'agenzia letteraria sul territorio può voler dire molto per gli autori della Brianza, sia quelli affermati o in via di affermazione, sia per gli esordienti. A patto che lavori bene sul piano della mediazione con le case editrici e su quello della ricerca e dell'affinamento stilistico dello scrittore preso "in scuderia". Abbiamo perciò rivolto ai due ex librai, ora agenti letterari, alcune domande per comprendere meglio la natura e la direzione del loro lavoro.

Come è avvenuto il passaggio da libreria ad agenzia letteraria, e perché ne avete sentito il bisogno?
Quando lavoravamo alla libreria, ricevevamo continue richieste di scrittori per presentazioni dei loro libri. Di solito, accettavamo. Ci siamo accorti ben presto, però, l'attività di presentare un libro, di portarlo al pubblico, è un lavoro di per sé, che toglie energie a quello del libraio. Non di rado, ci capita di avere quattro presentazioni a settimana. Messi davanti al bivio – o un'attività o l'altra – abbiamo scelto quella dinamica dell'agenzia, rispetto a quella statica della libreria, che ha cambiato pelle e nome - ora si chiama Virginia - ma è ancora lì al suo posto, in via Bergamo.

Quali sono, nello specifico, le attività della vostra agenzia?
In sostanza ci occupiamo di ciò che una casa editrice non può arrivare a fare per ognuno dei suoi scrittori: facciamo da ufficio stampa (comunicati, contatti con giornali e blog) e promuoviamo ciascuno degli autori che seguiamo organizzando eventi di presentazione al pubblico o curando l'iscrizione a premi letterari. Ci consideriamo l'anello di congiunzione fra lo scrittore e la casa editrice.
Generalmente, rappresentiamo sia autori che hanno già pubblicato sia autori ancora inediti. Nel secondo caso, curiamo l'aspetto redazionale del manoscritto inviato, proponendolo poi, una volta terminato l'editing, a una delle case editrici che lavorano con noi. Ovviamente non accettiamo chiunque, ma facciamo selezione: va precisato, però, che la prima lettura di valutazione è gratuita.

20160609 DarioLessa SaraRattaro

Parliamo delle case editrici con cui collaborate: quali sono?
Per prima cosa chiariamo che lavoriamo solo con case editrici non a pagamento. Fra gli editori con cui stiamo lavorando in questo periodo c'è CasaSirio, che pubblica splendidi libri pop up; oppure Ananke Edizioni, Prospero Editore... Sono piccole case editrici, ma che lavorano molto bene. L'obiettivo, ovviamente, è arrivare alle grandi, con le quali siamo già in contatto – e in ottimi rapporti – nella veste di organizzatori di eventi.

Non collaborate con la monzese Leone Editore?
A dire il vero no, non è ancora capitato. In realtà, c'è un altro editore di Monza con cui ci piacerebbe lavorare, che è la Johan&Levi, che si occupa di arte e che stimiamo molto.

Parliamo degli autori di cui vi occupate. Che tipo è l'esordiente che si rivolge a voi?
È uno che crede tantissimo nel libro che ci propone, a volte forse troppo (ridono, ndr). Spesso non conosce la giungla del mondo editoriale. Ha bisogno di essere guidato e messo a suo agio, ma soprattutto gli va fatto capire che non deve avere fretta: spesso è un impaziente. Non di rado arriva da un'autopubblicazione, e molto spesso reagisce male all'attività redazionale, all'editing. Per noi l'editing è qualcosa che resta a metà fra il consiglio spassionato e la correzione vera e propria, ma spesso si rischia di recepire solo il secondo aspetto. L'agente lavora per far apprezzare di più il primo.

Avete un modello a cui vi ispirate?
Sinceramente no, ma sappiamo che non vogliamo essere un'agenzia come tante, di quelle che si limitano a fare l'editing lasciando l'autore tutto solo nella giungla editoriale. Il nostro punto di forza è che sappiamo per esperienza di che cosa ha davvero bisogno uno scrittore, dato che Dario lo è.

20160609 CarloMartigli LettinoFreud FotoGianlucaCarraroFoto di Gianluca Carraro

Quindi il versante dell'organizzazione di eventi è ciò che vi caratterizza?
Senz'altro. In quest'attività cerchiamo luoghi e ambientazioni sempre nuove, diverse. Quasi mai ci rivolgiamo alle librerie, preferiamo posti inusuali: ristoranti, negozi di abbigliamento, musei.
Giochiamo tanto anche sull'originalità delle formule proposte. Per esempio, un evento che proponiamo spesso è Il lettino di Freud: lo scrittore è letteralmente disteso su un lettino da psicologo e il presentatore lo "psicanalizza". Oppure un'altra formula di buon successo è la Cena con l'autore, che abbiamo spesso proposto in via Bergamo, al ristorante Bergamotto ma non solo.
Un "trucchetto" che usiamo spesso è quello di organizzare un evento con un paio di autori famosi e affiancar loro alcuni degli autori che seguiamo noi. Al Brianza Book Festival, per esempio, parteciperanno dalla nostra scuderia Simona Garbarini, che ha pubblicato per CasaSirio, ed Elisabetta Cozzani, edita da Leucotea, già casa editrice di Dario Lessa.

Ma sono eventi di questo genere che possono migliorare la qualità delle letture del pubblico?
I nostri format, in primis il Brianza Book Festival, ambiscono ad andare in TV. L'obiettivo resta quello di avvicinare le persone ai libri, anche attraverso la spettacolarizzazione, se necessario. Pur di attirare il pubblico alla lettura, qualunque mezzo è lecito.

 

BRIANZA BOOK FESTIVAL – MORGAN, GUIDO CATALANO E ALTRI AUTORI A MONZA

20160609 BrianzaBookFestival Locandina

Mercoledì 15 e giovedì 16 giugno, ore 20.30. Museo del Tesoro del Duomo di Monza.
INGRESSO GRATUITO

La prima serata vedrà un intervento dell'attore Gianmarco Tognazzi. Per ogni ospite, il pubblico potrà ascoltare alcuni brani delle loro opere, letti da lettori professionisti.
«Fra un grande autore e l'altro – spiega Dario Lessa – un esordiente del territorio avrà la possibilità di far conoscere al pubblico la propria opera: esponendola, parlandone, leggendone brani, recitandola... In più – aggiunge – ci saranno momenti musicali grazie al contributo di un duo sassofono e chitarra. Oltre a me, gli ospiti dovranno poi anche rispondere alle divertenti domande di un simpatico "espertone", che dialogherà anche con Tognazzi».
Il tema della prima serata sarà la musica degli anni Ottanta, con ospiti come Morgan e Carlo Massarini; il tema della seconda serata sarà invece l'amore, di cui si occupa soprattutto il recente romanzo di Guido Catalano, alla prima prova narrativa dopo tanti anni passati a pubblicare versi.
«Da segnalare – sottolinea ancora Lessa – che Andrea G. Pinketts ha scelto Monza per presentare il suo ultimo libro: La capanna dello zio Rom».

Torna su

 

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)