Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

 20121204-la guerra dei roses1

Dossier: L'amore (di questi tempi). I dati parlano molto chiaro: ogni quattro minuti in Italia una coppia si separa o divorzia. Oggi l'amore ha “una data di scadenza” di circa 15 anni.

 

C

Contattaci ora! Divorzio congiunto a soli € 980, separazione consensuale a soli € 980, divorzio fai da te a soli € 280, separazione fai da te a soli € 280.

Organizza gratis la festa divorzio a Monza e Brianza con festaflip!

Monza e Brianza, divorzi e separazioni aumentano giro affari del settore dell'arredo.

Chi ci guadagna: avvocati, psicologi, mobilieri, banche.

Ma cosa succede quando l'amore finisce? La separazione, il divorzio, la genitorialità, la solitudine, la difficoltà economica, sono alcuni dei temi che ci troviamo ad affrontare quotidianamente anche nella nostra città, parlando con un amico, con un vicino di casa.

Nel rapporto Istat di quest'anno si legge che in Italia, rispetto al 1995, le separazioni sono aumentate di oltre il 68% e i divorzi sono praticamente raddoppiati, mentre i matrimoni diminuiscono. Nel 1995 si separavano 158 coppie ogni 1.000 abitanti e 80 coppie divorziavano, nel 2010 separati sono 307 e i divorziati 182.

Oggi l'amore ha “una data di scadenza” di circa 15 anni. Infatti il tasso di separazioni tra gli sposi italiani è in crescita, nel 2010 le sono state 88.191, un +2,6% rispetto all’anno precedente; i divorzi sono invece 54.160 ed hanno registrato un decremento dello 0,5%, forse perchè più dispendiosi in termini di soldi e tempo. E' cresciuta anche l'età media dei coniugi separati: circa 45 anni per i mariti e di 42 per le mogli; in caso di divorzio raggiunge, rispettivamente, 47 e 44 anni.

Il report parla comunque di separazioni consensuali per la stragrande maggiornaza dei casi, l'85% nel 2010, e il 72,4% per i divorzi.

Anche Monza conferma la tendenza nazionale, i divorzi sono 143 nel 2010 su 283 matrimoni celebrati. In provincia di Monza e Brianza nel 2011 c'erano più di 16.000 divorziati e nella città di Monza più di 3.000.

I figli nell'89,8% dei casi sono stati affidati in condivisione ai genitori, modalità oggi prevalente.

Per quanto concerne la Lombardia, complessivamente la percentuale è passata dal 18,2% di affidi congiunti del 2004 al 45,3% di affidi condivisi del 2006. Il distretto di Milano ha applicato l’affido condiviso al 47,7% dei minori coinvolti mentre quello di di Monza (34,9% rispetto al 13,6% del 2004).

Per quanto riguarda l'aspetto economico, nel 20,6% delle separazioni è previsto un assegno mensile per il coniuge, in genere l'ex moglie, nel 98% dei casi. L'assegno al Nord si assesta sul 17%, con un valore di 520,4 euro.

I nuovi poveri sono uomini e donne che appartenevano al ceto medio basso, ma che oggi tornati single, fanno parte della fascia di chi vive sotto la soglia di povertà. Sono 50 mila in tutta Italia, le persone separate o divorziate rappresentano il 12,7% delle persone che si rivolgono ogni anno alla Caritas Italiana. La metà di loro (50,9%) ha problemi di povertà. Il 13% vive con figli minori. Ma i danni più gravi ricadono sulle donne, soprattutto quelle con figli a carico, perché le separazioni con assegno al coniuge sono diminuite. Secondo l’Istat sull’incidenza tra gli uomini separati e single è povero l’1,6%, per le donne il dato cresce al 3,5% ed esplode al 10,4% nei casi di mamme single con figli a carico.

La grave situazione di povertà, ha reso necessario un adeguamento delle politiche regionali e comunali: ad esempio le associazioni di volontariato potranno partecipare a bandi per edilizia agevolata, chi ha figli, e certi requisiti, potrà contare su un assegno di mantenimento a fondo perduto. A Milano, appartamenti sequestrati alla mafia sono stati assegnati all’associazione «papà divorziati» che li metterà a disposizione di chi non riesce più a pagarsi un posto per dormire. L’amministrazione ha pensato anche al cibo e ha stretto accordi col banco alimentare che distribuisce scatoloni con pasta, pane e latte nelle associazioni di Milano e Monza.

Nel capoluogo lombardo sono circa 400 gli uomini separati che passano la notte nei dormitori dell'Opera San Francesco.

Nel capoluogo lombardo sono circa 400 gli uomini separati che passano la notte nei dormitori dell'Opera San Francesco. I numeri lasciano trasparire la profonda incidenza sociale del fenomeno, ormai separazioni e divorzi sono situazioni talmente diffuse che non sorprendono più. Dietro questi numeri ci sono storie, vicende umane che coinvolgono uomini, donne, bambini, ragazzi e che lasciano ferite profonde.

Ci si separa non solo nei casi più gravi di violenze fisiche, violenze psicologiche, ma anche al primo litigio, quando ci si allontana, quando non si litiga mai.

Per i coniugi la separazione é il momento più critico, li porta a vivere la sofferenza di una decisione delicata e difficile, di una scelta fatta, di una scelta che si subisce.

Una vita che crolla per una decisione non sua, perde il coniuge, la casa, qualche volta i figli, tutto quello in cui si credeva e in cui si investiva, disperazione che in alcuni casi, sfocia in comportamenti diretti a fare del male a sé e ai familiari.

Per sostenere queste famiglie in difficoltà sono nate, nella nostra provincia, numerore iniziative e progetti.

Tra i più significativi troviamo lo sportello 'Separ…Amando..Si', un servizio di informazione, supporto e orientamento per uomini e donne in fase di separazione o divorzio.

'Separ…Amando..Si' è nato dalla collaborazione tra quattro associazioni del territorio – Cresci..amo insieme, Papà separati Lombardia Onlus, Figli Liberi, L'arca di Noè – e l'assessorato alle Pari Opportunità. Obiettivo dello sportello è quello di offrire un punto di riferimento concreto e reale per rispondere ai bisogni delle coppie separate, aiutando papà e mamme a non sentirsi soli in un momento molto difficile che vedo molto spesso coinvolti anche i figli.

 

Le associazioni per genitori separati

Vi segnaliamo alcune delle Associazioni e dei progetti presenti sul nostro territorio che tendono la mano alle famiglie in difficoltà, ai genitori separati ed ai loro figli, vi preghiamo comunicarci altre iniziative non elencate:

Associazione A.M.A. ONLUS
Milano - Monza - Brianza
www.automutuoaiuto.com

Associazione Cresciamo Insieme
www.cresciamoinsieme.it

Associazione Esagramma – Progetto Donna
www.associazioneesagramma.comVia F. Brioschi, 34 Besana in Brianza, MB
dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.30 tel. 0362/969637

Associazione Figli Liberi
www.figliliberi.it

Associazione Figli per Sempre - Milano Monza e Brianza
figlipersempreonlus.wordpress.com/tag/separazione/

Associazione Italiana Genitori Separati
www.aiges.org

Caritas Ambrosiana - Monza
www.caritasmonza.org

Centro Aiuto alla Vita - “La casa di Chiara”
www.cavvimercate.info

Centro Mamma Rita
Via Lario 45 - 20052 Monza - Tel. 039.791836-039.792860 - Fax. 039.2781085
mammarita@piccolaopera.it

Genitori Separati
www.genitoriseparati.org

L’Arca di Noè,onlus
via Appiani 1, Monza - Istituto Missionario del Sacro Cuore
tel. 339.1046669 - email: larcadinoe.onlus@libero.it

Progetto Panda
Centro di ascolto per le mamme realizzato dall'associazione milanese Progetto Panda in collaborazione con la Fondazione Comunità, con l'Asl e il Multimedia Health Communication Laboratory. Per informazioni 039-2334763/5 Ospedale San Gerardo (vecchio)

Papà Separati Lombardia
www.papaseparatilombardia.org

Separa…amando…si

Sportello informativo, di orientamento e di solidarietà tra famiglie - un nuovo servizio nato dalla collaborazione di varie associazioni per fornire orientamento, informazione e supporto a chi è in fase di separazione o divorzio con un'attenzione particolare ai figli.
Sportello telefonico al numero 366.56.04.035 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00
e-mail: separamandosi@gmail.com - www.monzagiovani.it - www.comune.monza.it

 

 

Gli autori di Vorrei
Author: Hugo Cabret