Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

La rivista che vorrei

Angolo Giro e Progettomondo.mlal organizzano la sesta edizione della rassegna che coniuga espressione artistica e sensibilizzazione all'intercultura: una settimana di eventi, esposizioni e incontri

Uno sguardo al mondo, passando per la Brianza. Casatenovo ospiterà a partire da sabato prossimo, 29 ottobre, Solidarte, iniziativa che con contributi di artisti figurativi e compagnie teatrali cerca di portare a conoscenza del pubblico brianzolo non soltanto le attività dei due organizzatori, Angolo Giro e Progettomondo.mlal, ma anche le tante realtà di immigrazione e integrazione che costantemente le due associazioni seguono e coltivano.

Si tratterà di un'intera settimana in cui si esporranno opere d'arte da vendere, e di cui una percentuale del ricavato (stabilita da ciascun autore) andrà a sostenere un progetto umanitario in Marocco, incentrato in particolare sui migranti minorenni non accompagnati, che come ci spiega Sara Nannini, una delle responsabili dell'iniziativa, «spesso in mare vanno incontro a una brutta fine». "Bambini in viaggio", questo il suo titolo, promuoverà una cultura della migrazione responsabile, cercando di insegnare ai giovani marocchini coinvolti come crearsi un futuro in Marocco o come riuscire a viaggiare in maniera legale. Nella storia di Solidarte, spesso si è parlato di immigrazione, ma non soltanto: le edizioni precedenti hanno sostenuto anche progetti inerenti al mondo delle periferie e al settore agricolo, toccando paesi dell'America del sud e dell'Africa.

 

L'inaugurazione della sede di Angolo Giro

All'inaugurazione con buffet di sabato, alle ore 17.00, seguirà il giorno dopo alle 18.00 un aperitivo multietnico. Martedì 1 novembre, invece, i ragazzi del liceo M. G. Agnesi di Merate, con la regia di Stefano Panzeri, daranno vita allo spettacolo teatrale "Al di là del mare". Giovedì 3 novembre offre invece un incontro con l'assessore comunale di Novellara (RE) Youssef Salmi, in una serata intitolata "L'Italia sono anch'io?" «Nel volantino c'è il punto di domanda, ma nel corso dell'evento no – ci spiega Sara Nannini – Il cammino di Youssef Salmi è interessante, perché da clandestino è riuscito a diventare assessore. La sua storia – prosegue – ci permette di parlare di temi per noi molto importanti, come la garanzia della cittadinanza per i bambini nati qui da genitori stranieri e per quelli che pur non essendo nati qui hanno comunque vissuto una parte rilevante della loro vita in Italia, oltre naturalmente al diritto di voto alle elezioni amministrative. La cittadinanza è un tema fondamentale – continua Sara – io stessa ho la doppia cittadinanza, italiana e ecuadoregna, perché nata in Ecuador. E mi piace il fatto che il paese in cui sono nata mi riconosca quel diritto. In Italia ancora non è possibile pensare a qualcosa del genere».

 

Un evento della stessa associazione

Nel corso dell'incontro con Youssef Salmi, sarà peraltro possibile sottoscrivere una petizione per chiedere la realizzazione di queste rivendicazioni, in cui gli organizzatori di Solidarte credono. «Il "diritto amministrativo" – dice Nannini – costituirebbe per queste persone un legame molto più forte con il territorio in cui vivono. Senza dimenticare – aggiunge – che dati i tempi ciclopici con cui uno straniero di solito riesce ad ottenere la cittadinanza italiana, spesso ci si scorda di come si esercita questo diritto». I tempi, in effetti, come ci spiega, sfiorano quasi i vent'anni: «ai tre o quattro di clandestinità si aggiungono i dieci da regolare che devono passare prima di poter richiedere finalmente la cittadinanza italiana, più ulteriori tre o quattro prima che la procedura vada a buon fine. Quasi vent'anni – conclude – per vedersi riconosciuto un diritto fondamentale, a fronte dei doveri che, quelli sì, si possono esigere fin da subito».

Esiste anche una pagina Facebook dedicata alla rassegna. Le foto sono tratte dal sito di Angolo Giro.

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?