Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

20110317-arcore-a

Sabato 26 marzo ad Arcore una giornata promossa da alcuni militanti del PD per ascoltare i cittadini.
Ne abbiamo parlato con Monica Borgonovo

Cosa succede ad Arcore il 26 marzo?
Il treno di Prossima Italia farà una sosta anche in Brianza, dopo essere partito da Firenze lo scorso novembre e avendo lasciato una scia di entusiasmo nelle migliaia di persone che hanno partecipato all'evento. Da lì in poi, iniziative simili sono state riprodotte anche in Sardegna, a Bologna, a Varese, a Biella e ora in Brianza.

Chi e perché promuove l'iniziativa?
L'iniziativa è promossa da un gruppo di persone che fanno politica nell'ambito del PD e che si riconoscono nei valori del centrosinistra.
Persone che si riconoscono in un metodo di lavoro aperto e innovativo, che favorisca la partecipazione di tutti.
Un metodo di lavoro che proponga anche dei nuovi strumenti alla politica tradizionale.

Ci sono dei temi prestabiliti?
In realtà no: ognuno è libero di proporre una riflessione, di fare una proposta su un tema che gli sta a cuore, pensando in particolare alla Brianza.
Alcuni temi, però, saranno inevitabilmente presenti, perchè sono alla ribalta nella realtà di questo tempo e nei bisogni e nei sogni delle persone.
Come non parlare di ambiente o di precariato? Di integrazione, di scuola e di università? Di imprea e lavoro, di giovani? Di buone pratiche ammnistrative, di costi e di etica della politica? Di legalità e di rispetto delle regole? Di diritti?

Come si svolge la giornata?
Sarà una giornata, ci auguriamo, piena e ricca di creatività, intensa ma giocata in leggerezza.
Dalle 10 alle 18 ogni partecipante sarà chiamato a presentare una parola e una proposta o un'esperienza che racconti la propria idea. Lo schema sarà quello già sperimentato con successo alla Stazione Leopolda di Firenze: 5 minuti a testa (non dipiù!), intervallati da video. In attesa di fare il loro intervento, gli speaker saranno chiamati a sostare su una panchina, ma soltanto per un po'. La panchina vuole essere la metafora di una generazione, quella dei trentenni, che è costretta a stare in panchina in quasi tutti gli ambiti della vita.
Abbiamo pensato alla formula 'all day long' perchè la pausa pranzo permette di avere anche un momento conviviale di incontro con le persone e permette di scambiarsi opinioni e contatti. Sarà possibile pranzare presso la struttura che ci ospita, se possibile prenotando in anticipo, compilando il form predisposto sul sito www.prossimafermatamb.com.

Perché Arcore e non Monza?
Abbiamo scelto questa location perchè Arcore è diventato ormai, per ragioni a tutti note, un luogo simbolo: il simbolo di un certo modo di fare politica che non ci piace, che vorremmo contribuire a cambiare. Arcore è anche uno dei comuni della Brianza che andrà al voto nei prossimi mesi.
Da Arcore che è diventata, soprattutto negli ultimi tempi, il palco scenico di manifestazioni di vario tipo e dell'indignazione di molti, vorremmo partisse la riscossa della Brianza per costruire tutti assieme un programma di idee e contenuti. Vogliamo rappresentare simbolicamente anche l'ambizione del centrosinistra di competere per vincere le elezioni amministrative.

 

20110317-borgonovo

Monica Borgonovo alle prese col calcetto

 

Chi sono gli invitati, a chi pensate di rivolgervi?
Ci rivolgiamo a movimenti, associazioni, elettori, ex elettori delusi, amministratori, dirigenti, soggeti politici, ma sopratutto semplici cittadini.
Chiunque abbia voglia di proporre, raccontare, ascoltare, confrontarsi, incontrarsi deve sentirsi invitato a condividere la propria idea di città, di Brianza, di Paese. Prossima Fermata è uno strumento e un metodo che permette a tutte e a tutti di dire la propria, facendosi ascoltare dalla politica.
Si può partecipare sia come speaker che come pubblico. Chiediamo comunque di scriverci, se si vuole intervenire, per motivi organizzativi.

Quali sono le aspettative?
La prima aspettativa è che partecipino in molti. E non solo gli addetti ai lavori. I protagonisti saranno soprattutto i cittadini. La politica ascolterà, per una volta. Soprattutto ci piacerebbe che iniziasse un percorso di grande apertura e condivisione e che questa iniziativa contribuisse a riavvicinare i cittadini alla politica e la politica ai cittadini.

Cosa succederà dopo?
Il materiale raccolto servirà a creare un documento da non lasciare nel cassetto: "La Prossima Brianza", una sorta di carta delle priorità e dei valori condivisi, delle proposte e delle buone pratiche già sperimentate da presentare al PD e al centrosinistra, da offrire e condividere anche in vista delle prossime elezioni amministrative. Prossima Fermata è un'iniziativa, uno strumento per il PD.

 

Quando e dove:

SABATO 26 MARZO 2011 DALLE ORE 10:00
ALLE ORE 18:00

Ad Arcore,
via Alcide De Gasperi 50,
Sala Civica "Cascina San Giovanni"
di fronte alla Peg Perego e subito dietro la Stazione
 Vai alla mappa

Gli autori di Vorrei
Antonio Cornacchia
Author: Antonio CornacchiaWebsite: www.antoniocornacchia.com

Mi chiamo Antonio Cornacchia, per gli amici Ant (nel senso di formica). Sono art director e designer della comunicazione, ho studiato all'Accademia delle Belle Arti.
Come esperto di comunicazione visiva, curo campagne pubblicitarie e politiche, progetti grafici ed editoriali. Studio e realizzo siti web per giornali, istituzioni, aziende, enti non profit.
Dal 2008 dirigo la rivista non-profit Vorrei di cui ho ideato anche il progetto editoriale. Sono giornalista pubblicista dal 1996.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?