Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

20090705-stop

Milioni di persone al mondo subiscono ingiuste e drammatiche sofferenze, costrette come sono a migrare a causa delle difficili – se non proibitive – condizioni di vita nei Paesi d’origine". La legge anti clandestini e il Cardinale Tettamanzi

All’approvazione del nuovo pacchetto sicurezza reso legge in questi giorni dal governo qualcuno ha commentato: “dietro la difesa dei diritti si nascondono visioni di chiusura”. Non un leader di sinistra – non sia mai – che pure dovrebbe occuparsi di dire anche queste cose. E’ stato il Cardinale Dionigi Tettamanzi, che più di una volta ha avuto il coraggio per sfidare struttura e poteri in nome di idee e ideali. Quanto respiro, che manca altrove. Nella sua omelia di ieri, sabato 4 luglio, in Duomo ha tenuto a sottolineare con grande chiarezza che: “una fraternità universale che non può più essere solo enunciata in modo vago o solo sussurrata in contesti lontani da quelli in cui si decidono le sorti dei popoli e il loro sviluppo e si progettano i passi del riconoscimento di una vera dignità di tutti e di ciascuno. I diritti dei deboli non sono diritti deboli! Sono diritti che vanno proclamati, riconosciuti, difesi e promossi! Con tutte le nostre forze! Ciò vale per i singoli e ciò vale per i popoli, vale per l’unica grande famiglia umana”. Oppure: “Milioni di persone al mondo subiscono ingiuste e drammatiche sofferenze, costrette come sono a migrare a causa delle difficili – se non proibitive – condizioni di vita nei Paesi d’origine. Molte di queste sofferenze sono provocate ai migranti talvolta da discutibili provvedimenti messi in atto da quei Paesi più ricchi che dovrebbero maggiormente impegnarsi in percorsi di accoglienza e integrazione seri, ragionati e rigorosi. Sono sofferenze che devono essere risparmiate ai migranti e alle popolazioni dei Paesi poveri realizzando con lungimiranza e coraggio gli interventi specificati dall’Agenda della speranza. Potrà avvenire così la desiderabile giusta regolazione del fenomeno migratorio e dei problemi che genera”.
Non mi interessa la fede o il ruolo o che altro, mi interessa l’uomo e mi interessa e mi rincuora sentire chiare parole nei confronti di questa vicenda, che dimostra ancora una volta l’impoverimento “umano” di un paese o magari solo la sua confusione, chissà.

Dal Blog di Alfio Sironi

Gli autori di Vorrei
Alfio Sironi
Author: Alfio SironiWebsite: alfiosironi.wordpress.com

Mi occupo di tematiche geografiche dentro e fuori la scuola.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?