Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

20081114-milano.jpg

 

Nel giorno della grande manifestazione a Roma, gli studenti e i ricercatori degli atenei pubblici milanesi occupano piazza Duomo con assemblee e lezioni all'aperto

La mobilitazione prosegue. I lavoratori e gli studenti dell'Università degli Studi di Milano stamattina hanno sfilato in corteo dentro l'edificio di via Festa del Perdono per poi occupare Piazza Duomo insieme a quelli degli altri atenei statali cittadini. Tra lezioni all'aperto e dibattiti tenuti sia da semplici studenti che da organizzazioni e collettivi di ogni tipo, ancora una volta chi vive l'università e la ricerca ha ribadito il proprio rifiuto categorico ai piani dei ministri Gelmini e Tremonti.

20081114-duomo.jpg

Rispetto alle altre proteste di questi ultimi mesi, si è intravisto però qualche elemento di novità, quasi di svolta. Non poche persone intervenute ai megafoni hanno sottolineato con una forza inedita due questioni con le quali prima o poi il movimento dovrà fare i conti. La prima è che il "no" al piano del ministro Gelmini si deve necessariamente accompagnare ad un progetto che riformi davvero e in profondo l'università. «Si scrive che a protestare sono gli studenti, i ricercatori e i professori – ha dichiarato un assistente – ma i professori qui non ci sono: dobbiamo combattere i baroni, che con il ministro si sono già accordati, e che servono come scusa ai militanti di destra per legittimare i tagli».

20081114-duomo-1.jpg

La seconda questione sollevata da altri manifestanti è che la crisi in qualche modo bisognerà pur pagarla. Il riferimento all'efficace e pervasivo slogan degli studenti "noi la crisi non la paghiamo" è evidente. Al di là del fatto che, secondo logica, a pagarla non dovrebbero essere certo l'università o la ricerca, bensì i politici, i banchieri e i loro sprechi (quelli sì che lo sono!), quest'affermazione testimonia che il movimento di protesta non ha certo le caratteristiche di ottusità che la destra al potere gli attribuisce. Al contrario, gli studenti e i ricercatori sono ben consapevoli che dalla congiuntura negativa in qualche modo bisognerà uscirne. Ma non certo come vogliono i membri dell'elite privilegiata che ci governa.

 

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)