Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

20081017-manifestazione.jpg

All'Università degli studi storica riunione di tutte le componenti di ateneo. Oltre duemila partecipanti affollano l'aula magna e il chiostro per poi riversarsi per le vie del centro in un corteo spontaneo

Gli studenti non si placano. Dopo le mobilitazioni in tutta Italia, gli studenti di Milano tornano in piazza per protestare contro la legge 133 che porta il nome del ministro Gelmini. Ieri dalle 9 fino alle 12.30 in Statale hanno avuto luogo gli stati generali dell'università, un'iniziativa che ha coinvolto circa duemila persone, soprattutto studenti, ma anche docenti ricercatori e personale non docente. Completamente riempita l'aula magna, anche nel chiostro e nell'atrio della sede di via Festa del Perdono era assiepata moltissima gente. L'assemblea ha dato spazio a interventi da parte di rappresentanti di tutte le componenti accorse. Alcuni hanno sottolineato la necessità di un'azione compatta che dia efficacia all'azione di protesta in tutta Italia, arrivando a proporre la nascita di un movimento nazionale unitario di studenti e lavoratori. Un'altra mozione ha lanciato l'idea di convocare un'altra riunione degli stati generali per il prossimo 6 di novembre.

Gli stati generali dell'Università hanno inoltre portato alla redazione di un comunicato in cui si chiede «l'abrogazione della legge 133/2008 che porterebbe a un collasso del sistema universitario pubblico. L'assemblea – continua il documento – appoggia e sostiene qualunque forma di mobilitazione degli studenti, dei lavoratori e dei docenti». L'atmosfera elettrica dell'evento ha dato vita a un corteo spontaneo diretto verso il comune e la prefettura. L'iniziativa improvvisata, e decisamente pacifica, ha avuto il suo culmine in piazza Cadorna, dove a quanto risulta si sarebbe verificato l'unico episodio violento, con tre giornalisti colpiti dai manganelli della polizia. Milano ha vissuto insomma un altro giorno di forte protesta contro un certo modo di vedere l'istruzione e la cultura. Peccato, però, non avere visto tra i professori in assemblea o in piazza alcuni di quei personaggi illustri di cui l'università italiana, e milanese in particolare, spesso si vanta. Dove sono mentre anche il loro mondo rischia di essere cancellato? Una loro partecipazione darebbe più slancio a un movimento che già ora non intende fermarsi.

 

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)