Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

20081020_monza-gelmini_thumb.jpg

Il ministro alla Pubblica Istruzione accolto anche nel futuro capoluogo brianzolo da un largo numero di contestatori. Binario 7 blindato dalle forze dell'ordine

Monza si è svegliata. La grande addormentata si è mossa. Se l'amministrazione e il governo pensavano di far intervenire uno dei ministri più contestati in una città "amica", devono aver avuto una sorpresa. Maria Stella Gelmini è arrivata ieri sera all'Urban Center di via Turati per una conferenza in un clima inconsueto per una città di solito tranquilla. Ad accoglierla, infatti, c'era una folla di manifestanti, raccolti davanti ad un Binario 7 circondato da un imponente spiegamento di forze dell'ordine. Tantissimi i giovani, tra studenti delle scuole superiori e universitari, ma a contestare il ministro c'erano anche molti lavoratori del mondo della scuola, insegnanti e non. Presenti anche i ragazzi dell'ex centro sociale Boccaccio, che hanno sottolineato la natura spontanea della manifestazione: «Siamo qui per supportare la protesta – ha spiegato uno di loro – ma non abbiamo organizzato niente: è la città stessa che si è mossa».

20081020_monza-gelmini.jpg

Il collettivo ha messo a disposizione della folla un impianto con microfono per far sì che chiunque potesse prendere la parola. La maggior parte degli interventi chiamava il ministro ad un confronto con la cittadinanza, confronto che ovviamente non c'è stato, nonostante più volte i manifestanti abbiano chiesto alle forze dell'ordine di poter far salire all'Urban Center una delegazione per incontrare la rappresentante del governo. Per una volta, insomma, la piazza di Monza ha parlato. Ed è rilevante il fatto che la protesta abbia unito due intere generazioni: i genitori erano in strada con i propri figli, gli insegnanti con i propri alunni. Forse proprio questo ha reso quella di ieri una delle manifestazioni monzesi più importanti degli ultimi anni.

20081020_monza-gelmini_4.jpg

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?