Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

testata-rubriche

Print Friendly, PDF & Email

Red Canzian, trevigiano, membro della storica band dei Pooh, ricorda i suoi esordi con una delle più famose canzoni dei Beatles: anche chi ha fatto strada ha imparato a piccoli passi

«Un brano molto importante per me è stato "Yesterday" (dall'album Help! Del 1965, ndr) – racconta Red Canzian, bassista dei Pooh dal 1973 – perché è stata la prima canzone che ho imparato a suonare bene con la chitarra. Presenta degli accordi discendenti, insieme ad altri in settima – spiega – insomma, non esattamente i soliti accordi puri, facili da suonare. La costruzione armonica richiede un certo impegno, diciamo. Con quella canzone vinsi parecchi festival, quando ancora non avevo messo su il mio primo complesso e mi esibivo da solo, quindi direi attorno al '67, più o meno (Red è del '51, ndr). È stato in sostanza – conclude – il primo pezzo armonicamente serio da suonare, per me che all'epoca ero davvero un principiante».

È salutare, ogni tanto, ricordarsi che la strada per il successo non si imbocca per diritto divino, ma solo faticando tanto sullo strumento. In tempi DeFilippiani come questi, in cui comparire in tv e piangere davanti ad una giuria sembra l'autostrada verso la fama, sentire uno che ce l'ha fatta parlare di quando lui era un principiante fa pensare. Anche se sono campioni indiscussi della musica leggera italiana, e come tali magari poco apprezzati da chi adora il rock duro e puro, i Pooh rappresentano una generazione in cui l'opportunità della canzonetta di successo veniva data solo a chi veramente si distingueva per tecnica e determinazione. Un'epoca in cui l'apprendistato era lungo, e permetteva all'artista in erba di formarsi una sua identità. Magari poi stravolta dai discografici in nome del gran successo di pubblico, come è accaduto a tanti, e in maniera legittima. Di sicuro, però, erano meno diffusi gli artisti-farfalle: figure il cui "successo" può sopravvivere per un mese, forse un paio, ma niente più. La gavetta era ancora vista come un'occasione di crescita, individuale e soprattutto tecnica, non come sala d'attesa in cui restare il meno possibile. Non che adesso X Factor e compagnia facciano vincere gente incapace tecnicamente, intendiamoci. Ma quando i Pooh diventavano famosi era la musica a contare prima di tutto, non l'Auditel.

 

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /web/htdocs/www.vorrei.org/home/plugins/acymailing/tagcontent/tagcontent.php on line 1228
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)