Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

testata-rubriche

Print Friendly, PDF & Email

Per il poliedrico artista astigiano è stato il suo brano più famoso a cambiargli la vita, facendogli scoprire altre strade artistiche ed espressive. La musica illumina le altre arti?

«Una canzone che non riesco a dimenticare perché per me è stata importantissima – racconta Giorgio Faletti, comico, scrittore e musicista – è per combinazione una che ho scritto io: si tratta di "Signor Tenente", che cantai a San Remo nel 1994 (e contenuta nell'album Come un cartone animato, edito nello stesso anno, ndr). Quella canzone – continua – è stata un punto di svolta, perché mi ha fatto capire che ero in grado di esprimermi anche in un modo diverso, che non fosse soltanto la comicità. Grazie a quel brano sono riuscito a soddisfare le esigenze comunicative alternative che in quel momento avvertivo fortemente. Perciò – conclude – posso dire che quella canzone mi ha davvero cambiato la vita».

Come già aveva fatto Phil Holland, anche Faletti parla di un brano scritto da lui come del più importante per la sua vita. Succede quando qualcosa di nostro s'impregna di significati così profondi da diventare quasi estraneo, inconoscibile persino a noi stessi. E tentando di conoscerlo di nuovo, impariamo cose che non avevamo minimamente previsto, restandone più che illuminati, abbagliati. Dopo quella canzone, Faletti avrebbe scritto, tra le altre cose, un album intero per Angelo Branduardi. Soprattutto, però, a partire dal 2002 con Io uccido sarebbe diventato uno dei più famosi scrittori italiani, apprezzatissimo all'estero. La presa di coscienza della sua polivalenza artistica è collocata dallo stesso Faletti nel momento in cui canta "Signor Tenente". Come se tutto quello che avesse fatto in precedenza fosse solo il riscaldamento e il bello venisse da lì in avanti: è la musica ad avere il potere unico di risvegliare ogni altra nostra aspirazione artistica?

 

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /web/htdocs/www.vorrei.org/home/plugins/acymailing/tagcontent/tagcontent.php on line 1228
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)