Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

testata-rubriche

Print Friendly, PDF & Email

L'artista di origini irlandesi e scozzesi Phil Holland parla di un brano scritto da lei, che per la sua vita è stato un punto di svolta

 

«Un brano che mi rappresenta è "The Olive", l'ulivo (tratto dal suo album Seascapes del 2009) – dice Phil Holland, apprezzata arpista celtica molto attiva in Italia – un brano che ho scritto l'estate scorsa dopo una visita in un monastero in Grecia. Appena fuori dal monastero, ho visto questo ulivo immenso. Parlandone con i frati, ho saputo che era plurisecolare. Il suo tronco era stato spaccato in due per via di un terremoto. Mentre tutti erano in chiesa – prosegue – io sono rimasta sotto l'ulivo, quasi in meditazione. Ed effettivamente ho avuto un momento mistico, che ha cambiato il mio modo di vedere certe cose: sentivo come se tutte le persone che nel corso dei secoli si erano sedute lì dove ero io mi parlassero, mi comunicassero qualcosa. Io le sentivo. E ho avuto l'ispirazione per scrivere quel brano. Forse era proprio questo il messaggio che volevano inviarmi».

Sul rapporto tra musica e ricordo in questa rubrica ci siamo soffermati più volte, mettendo sempre in evidenza quanto l'una dipenda dall'altro e viceversa. Come avevo scritto per esempio anche riguardo a "Angie" dei Rolling Stones: nella musica si verifica un vero e proprio portento, che ci permette di entrare in una dimensione di cui normalmente non si sospetta nemmeno l'esistenza. Il racconto di Phil Holland aggiunge un altro elemento a questa relazione, ed è la comunicazione, spesso considerata impossibile, con chi è vissuto prima di noi. Ascoltando un brano, ma spesso anche scrivendolo, veniamo in possesso di uno strumento privilegiato per entrare in contatto con tutte quelle esperienze da cui ci separa il tempo, a dimostrazione che l'arte è capace di compiere imprese che per la scienza sono ancora inarrivabili.

 

Riguardo Phil Holland: www.philholland.net

 

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /web/htdocs/www.vorrei.org/home/plugins/acymailing/tagcontent/tagcontent.php on line 1228
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)