Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

20110228-brioschi_francesco

Il consigliere comunale di Forza Lombarda: "Così com'è non voteremmo a favore. Ma il problema è il traffico"

 

Come pensa di votare sulla variante al PGT?

Dipende dall’approvazione di una serie di emendamenti. Così com’è non voteremo certo a favore.

In che direzione vanno le vostre proposte?

Sono tese a ridurre gli indici e a valorizzare le aree agricole. Ci sarebbe un ritorno sia dal punto di vista della salubrità che dal punto di vista commerciale, perché immobili circondati da verde sono sicuramente più appetibili di immobili circondati da cemento o da infrastrutture che si accavallano.

A suo parere,  quale sarebbe una riduzione accettabile della volumetria?

Riteniamo accettabile una riduzione del 20%. Io personalmente sarei più drastico; vista la situazione economica  contingente e il fatto che la rilevazioni demografiche sono stabili, punterei soprattutto alla riconversione delle aree dismesse. Si potrebbe arrivare a un risparmio del 50%. Ma non credo che passerà questa linea.

Quali sono i principali problemi di Monza dal punto di vista urbanistico?

La mobilità, innanzitutto. C’è bisogno di un piano del traffico ben studiato da accompagnare alla variante. Approvandola così com’è, andremmo ad appesantire una situazione già critica. Mancano inoltre le ciclopedonali. Per quanto riguarda la densità edilizia, credo che a Monza sia già elevata. Bisogna creare zone cuscinetto con parchi che diano respiro alla città. Proponiamo il recupero delle cascine, e di destinare a fini didattici una superficie minima di due-tre ettari attorno ad ognuna. La Brianza ha una vocazione agricola: si tratta di ritrovarla.

Se la Lega portasse fino in fondo le riserve, potrebbero contare anche i piccoli numeri.

Per quanto ci riguarda, ripeto:  se la variante dovesse essere portata in consiglio così com'è ora,  saremmo contrari. Ma la maggioranza ha i numeri per approvarla.

Pensa che alla fine si terrà conto degli emendamenti presentati dagli altri gruppi consiliari?

C’è il rischio che emendamenti propositivi non vengano votati per principio. Io chiederò di riunire la commissione urbanistica dopo che saranno stati presentati, e in quella sede di cercare un accordo.

E’ ottimista?

Più che ottimista, sono fiducioso nel buon senso dell’assessore.

 

Qui tutte le interviste ai gruppi nel Consiglio comunale di Monza