Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

bioserre san fruttuoso

Presentato un progetto per la realizzazione di bioserre al posto della rotonda di San Fruttuoso. Il video.

Sabato 13 novembre, i "comitati per la galleria", (che riuniscono comitati cittadini San Fruttuoso 2000, Triante, viale Lombardia, Romagna, Monviso) e l'Associazione Commercianti di San Fruttuoso hanno presentato il progetto, a cura dell'architetto Patrizia Portalupi, relativo alla riqualificazione dell'area della "rotonda" di San Fruttuoso, cioè dello spazio che si libererà a seguito dei lavori di interramento della sopraelevata.

Il progetto prevede, nelle parole dell'architetto Portalupi, una "non-architettura", uno spazio fruibile da tutti, che coniughi la vocazione "verde" di Monza, con una idea moderna della città, e che trasformi la zona della rotonda non solo e non più in un semplice spazio per smaltire il traffico, ma che le dia maggiore importanza in quanto una delle "porte" della città.

Il progetto prevede, ne abbiamo già pubblicato il comunicato stampa, la realizzazione di alcune bioserre.

Nel video sottostante potete ascoltare la parte iniziale della presentazione dell'architetto Portalupi, che ne è ideatrice. Alla presentazione erano presenti alcuni rappresentanti delle diverse forze politiche in Consiglio Comunale (gli assessori Mangone e Villa, Ghezzi come capogruppo PDL, Scanagatti per l'opposizione) nonchè Romeo, ora in Consiglio Regionale e Carati, presidente della Circoscrizione 4 e Artesani, consigliere di Circoscrizione.

Dopo un attimo di sbigottimento iniziale che ha seguito la proposta, l'idea sembra sia piaciuta ai vari politici interpellati, che forse anche un po' per galanteria e fair play hanno voluto aderire entusiasticamente all'iniziativa. Qualcuno ha avanzato qualche perplessità in merito non tanto ai costi di realizzazione, quanto ai costi di manutenzione. Ma i costi di manutezione potrebbero essere piuttosto limitati, in quanto si potrebbero rendere partecipi enti quali la Scuola di Agraria del Parco e utilizzare gli spazi interni per bar/ristoranti o comunque per attività di servizi.

Insomma, staremo a vedere se all'interesse dimostrato seguirà nei fatti un concreto supporto all'idea, oppure se finirà nel faldone dei progetti interessanti e mai realizzati.

 

 

 

 

Gli autori di Vorrei
Author: Antonio Grazioli
I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)