Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

 20170219 straniero io a

Straniero io?, il film di Carlo Concina e Cristina Maurelli – prodotto da Liberi Svincoli con il contributo del Comune di Monza – restituisce dignità di nome e cognome agli "stranieri" della città

 

Di cosa parliamo quando parliamo di stranieri? Visivamente, il più delle volte gli “stranieri” sono campi lunghi e lunghissimi: cioè inquadrature “da lontano” in cui i corpi agiscono anonimi. Immagini che difficilmente ci permettono di riconoscere volti, storie personali, relazioni. Gli “stranieri” - nel racconto dei media mainstream - sono quasi sempre numeri, dati statistici, percentuali, grafici e mappe. Al più conquistano l’onore del nome e cognome quando sono coinvolti in fatti di cronaca, quella piccola della criminalità comune. In quella “grande” dei naufragi in cui perdono la vita in decine e centinaia, i nomi tornano a non esserci. Gli stranieri sono comunità, sono ondata, sono nordafricani, sono musulmani, sono extracomunitari, sono emergenza, sono clandestini, sono chinatown… Non sono mai nome e cognome. Una rimozione di massa priva migliaia, milioni di persone della loro identità, della loro storia personale, delle loro speranze e ambizioni, dei loro traumi e delle loro gioie. Le loro esistenze vengono ricondotte solo e soltanto al luogo da cui provengono.

 

20170219 straniero io 01

 

Fra i molti meriti che Straniero io? ha, c’è dunque quello di aver restituito agli “stranieri” di Monza la dignità di un nome e di un cognome, di averli liberati dall’anonimato di una vaga provenienza. Il bellissimo film di Carlo Concina e Cristina Maurelli – prodotto da Liberi Svincoli con il contributo del Comune di Monza – non parla di percentuali, non elenca statistiche, non snocciola numeri. Mostra meravigliosi primissimi piani di esseri umani che raccontano la propria storia personale, la famiglia, i sogni, le aspettative, gli amori e le difficoltà. Normali esistenze, eccezionali nella pigrissima narrazione pubblica dei media. Ci restituisce l’umanità che l’abitudine a parlare per frasi fatte ci nasconde. La preziosa fotografia curata dallo stesso Concina e da Diego Capelli insiste a lungo sugli occhi degli intervistati, sui loro gesti, sul movimento delle labbra che rincorrono parole a volte sciolte a volte annodate, affaticate dalla corsa dietro una lingua che stanno imparando. Non sono storie memorabili, non sono mirabolanti avventure o gesta eroiche. Sono normalissime – eppure per nulla banali – storie di uomini e donne nati altrove e arrivati per mille motivi diversi a vivere a Monza. Chi con la consapevolezza e chi senza, chi per necessità e chi per voglia.

 

 

Settanta minuti in cui si attraversa la città in lungo in largo, dal Parco alla stazione, dall’asilo notturno all’autodromo, dal Ponte dei leoni a Viale Lombardia per incontrare gli intervistati nelle loro case, sul posto dove lavorano, dove pregano o dove trascorrono il tempo libero. Con la musica di Francesco Pederzani e il montaggio (presumiamo degli stessi registi) che donano grande pathos, questo film rappresenta qualcosa di molto importante per Monza ma non solo. Auguriamo agli autori e a Giorgia Mosca, produttrice esecutiva, di fare molti chilometri per presentarlo ovunque. È un bel modo di testimoniare la via monzese alla convivenza, al rispetto reciproco, all’accoglienza.

 

20170219 straniero io 02

 

Il 16 febbraio 2017, gran parte di quei volti si sono materializzati, uscendo dal grande schermo e allineandosi sotto lo sguardo delle centinaia di spettatori che hanno assistito alla prima proiezione pubblica del film: corpi impacciati dall’emozione, occhi lucidi dalla commozione. Una fila lunga e colorata di protagonisti salvati dall’anonimato. Questo, credo, è il merito più grande che Liberi Svincoli ha nell’aver voluto produrre Straniero io?, ha restituito dignità a esseri umani belli, brutti, buoni, cattivi, capaci o meno esattamente come noi. Una restituzione, non un regalo. Il regalo, semmai, il film lo fa a noi: ricordandoci di non ragionare sempre e solo per schemi, che non esiste solo il bianco e il nero. Straniero io? ci regala la possibilità di apprezzare tutti i colori di Monza.

 

20170219 straniero io teodolinda

 

 

20170219 stranieroio locandina A3 2017 01 25 clean 1

 

Gli autori di Vorrei
Antonio Cornacchia
Author: Antonio CornacchiaWebsite: www.antoniocornacchia.com

Grafico e art director, ho studiato all'Accademia delle Belle Arti.
Curo campagne pubblicitarie e politiche, progetti grafici ed editoriali. Siti web per testate, istituzioni, aziende, enti non profit e professionisti.
Sono giornalista pubblicista dal 1996 e dirigo Vorrei.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)