Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

25 e 26 giugno 2011

LUOGO INIZIATIVA: Monza (centro cittadino) il 25.06 e valle del Lambro (da Macherio / Canonica FS a Rancate di Triuggio) il 26.06.

PROGRAMMA DI MASSIMA DELLE GIORNATE

 

25.06 - ITINERARIO URBANO A MONZA – ore 15-18

 

Ore 15 – Partenza dalla Villa Reale per l’itinerario urbano guidato per conoscere i luoghi e le storie personali di impegno umanitario delle “donne monzesi di pace” del Risorgimento, in particolare legate alla campagna militare del 1859.

 

- Villa Reale (Charlotte del Belgio): la reggia della viceregina che voleva la pace;

 

- P.zza Trento e Trieste (Madre Serafina): il Seminario trasformato in Ospedale militare;

 

- Via Zucchi (Laura Solera-Mantegazza): la casa della garibaldina senza fucile;

 

- Chiesa di S.Biagio (le ragazze dell’Istituto Bianconi): la chiesa che divenne ospedale militare .

 

Ore 17,00 - Visita guidata al Roseto della Pace del quartiere S.Biagio dedicato al garibaldino, milanese ma brianzolo d’adozione, Ernesto Teodoro Moneta, unico premio Nobel per la Pace italiano (anno 1907) e presentazione della proposta di riconversione in chiave di peace landscaping dello spazio verde circostante la Chiesta del quartiere S.Biagio come Giardino delle donne monzesi di pace del Risorgimento.

 

Ore 18,00 - Fine iniziativa.

 

26.06 - ECOPELLEGRINAGGIO IN BRIANZA - 9-18,30

 

Ore 9 – Ritrovo alla stazione di Monza FS

Ore 10 – Partenza da Triuggio / Ponte Albiate FS per Rancate (Triuggio). Orsola Rebecchi Susani. Visita ai luoghi dove visse e omaggio a questa interessante figura di donna, che fu particolarmente attiva nel soccorso ai feriti del 1859. Milanese d’origine, abitò a Rancate di Triuggio, dove concluse la sua esistenza e dove oggi è sepolta. Prove di disegno dal vero.

Ore 13 - Pranzo al sacco.

Ore 15 - Letture drammatizzate dalla Scapigliatura milanese e dal saggio storico / romanzo Il Roseto della Pace. Le donne lombarde del 1859 di Roberto Albanese (Editore Il Cartiglio Mantovano, 2009). Presentazione e discussione della proposta di sentiero della pace Monza-Rancate-Missaglia (luogo dove visse ed è sepolto Premio Nobel per la pace Ernesto Teodoro Moneta. Prove di disegno dal vero (per gli interessati, i volenterosi e non solo per i superdotati).

Ore 17 - Rientro.

Ore 18,30 – Arrivo alla stazione di Monza FS.

: Per partecipare è necessario iscriversi entro il giorno 22.06 inviando una mail a info@greenman.it Portare strumentazione per disegno dal vero.

 

Monza, 15 giugno 2011

 

Print Friendly, PDF & Email

Scoraggiare i cittadini dall'informarsi e dal partecipare alle decisioni che avranno un impatto decisivo sulla qualità della loro vita nei prossimi anni. Questa sembra la priorità dell’amministrazione comunale.

La giunta PDL-Lega Nord di Segrate continua ad ostacolare informazione e partecipazione: l'adozione del PGT, la prima fase a cui seguono le osservazioni dei cittadini e l’approvazione finale, è stata fissata un venerdì sera di metà luglio.

Dopo aver imposto un calendario ravvicinato di commissioni, queste si sono concluse con una blindatura improvvisa da parte dell’assessore Zanoli: il testo non potrà essere modificato.

Così non va bene: l'urbanistica partecipata è uno dei cardini della amministrazione locale trasparente e democratica.

Affrettare i tempi, ostacolare la discussione, imporre senza margini di trattativa decisioni prese altrove è invece il modo di fare di chi amministra in modo opaco, di chi tratta con proprietari di terreni e costruttori invece che confrontarsi con la gente.

Ma il vento sta cambiando in tutta Italia e anche a Segrate ha soffiato, sorprendentemente forte. Facciamolo arrivare anche nella Sala Consiliare!

Gianfranco Rosa, Paola Monti e Paolo Micheli

Gruppi consiliari di Insieme per Segrate e Segrate Nostra

 

www.insiemexsegrate.com www.segratenostra.org

 

Print Friendly, PDF & Email

La  lista civica Varedo 5 stelle sostiene il progetto di legge di iniziativa popolare per la riduzione dei costi della politica in Regione Lombardia.

Grazie alla riduzione dei compensi dei consiglieri regionali, all'eliminazione del vitalizio e dell'indennità di fine mandato oggi spettanti ai consiglieri regionali, si otterrà una diminuzione dei costi complessivi pari al 54%. Per saperne di più visita il sito www.zeroprivilegi.org (restiamo comunque a disposizione all’indirizzo listacivica@varedo5stelle.co.cc).

Vi aspettiamo pertanto numerosi ai banchetti “Zero Privilegi”

sabato 18 e sabato 25 giugno in piazza Nazioni Unite alla Valera dalle 19.00 alle 21.00

Ma chiunque, non potendo intervenire ai banchetti, voglia aderire all’iniziativa può farlo recandosi con documento d’identità direttamente in Comune all’Ufficio Servizi Demografici (lunedì-martedì-mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30 / sabato dalle 9.00 alle 11.45).

E’ una nuova occasione per far valere la nostra volontà, perché l’elettorato diventi sempre più attivo.  

Non mancate!

 

Print Friendly, PDF & Email

Il MoVimento 5 Stelle promuove in tutta la Lombardia un Firma Week a sostegno del Progetto di Legge di Iniziativa Popolare per la riduzione dei costi della politica.

 

 

L’obiettivo del progetto di legge è quello di ridurre di decine di milioni di euro i costi della politica in Lombardia, combattendo gli sprechi della cosiddetta “Casta” politica pagati dalla collettività, a cominciare dagli spropositati costi del Consiglio Regionale della Lombardia per stipendi, diarie, trasferte, vitalizi e indennità varie dei Consiglieri Regionali.

 

 

In sintesi le finalità di questo progetto, ribattezzato “Zeroprivilegi”, sono:

  1. dimezzare i compensi dei consiglieri regionali (indennità mensile e diaria)

  2. eliminare il vitalizio oggi spettante al consigliere

  3. eliminare l’indennità di fine mandato

  4. ridurre e regolamentare in modo più rigoroso e controllabile le spese per gli spostamenti e per le missioni

per arrivare ad una riduzione complessiva dei costi pari al 54%, traducibile in oltre 58 milioni di euro nell’arco di un mandato (cinque anni) del Consiglio Regionale lombardo.

In un momento in cui il Paese stenta ad uscire da una dolorosa crisi economica, una Casta autoreferenziale impone sacrifici economici ai cittadini ma non interviene minimamente su quell’abnorme costo che grava sulla collettività e che serve a mantenerla.

Per combattere questa battaglia il MoVimento 5 Stelle ha scelto uno dei più importanti strumenti di democrazia diretta che la Costituzione Italiana prevede, uno strumento propositivo a disposizione dei cittadini, quello l’istituto della Legge di iniziativa Popolare.

Il Progetto di legge per essere presentato in Consiglio Regionale necessita di almeno 5.000 firme di cittadini lombardi che dovranno essere raccolte entro ottobre 2011.

Per questo motivo abbiamo organizzato una settimana della firma, un firma week, dal 20 al 26 giugno per invitare i cittadini lombardi a firmare per il progetto, sia presso gli uffici di molti Comuni lombardi sia presso i banchetti di raccolta firme che verranno organizzati in varie città della nostra regione.

In provincia di Monza e Brianza è possibile firmare presso il Municipio di Monza, Desio, Varedo, Vimercate, Lissone, Giussano, Seregno, Limbiate, Bovisio Masciago e Brugherio. Il calendario aggiornato dei banchetti si trova su: www.zeroprivilegi.org/dove-firmare/.

Maggiori informazioni su www.zeroprivilegi.org.

 

Video di presentazione dell’iniziativa: http://youtu.be/1YsJQGkswhA

 

Print Friendly, PDF & Email

“Anche la Brianza, come l’intera Lombardia, ha dato un contributo straordinario al superamento del quorum e a un risultato che sta andando oltre ogni più rosea aspettativa.

Con questo voto referendario, si sancisce definitivamente la divaricazione tra le politiche di Pdl e Lega e il volere dei cittadini.

Nonostante la poca informazione ufficiale, milioni di italiani hanno dato prova di voler essere protagonisti del proprio futuro e si sono espressi con molta chiarezza per l’acqua pubblica e contro il nucleare.

Proprio il contrario di quanto il centrodestra ha perseguito finora, a livello nazionale ma pure a livello locale, per esempio con la legge regionale per la privatizzazione del servizio idrico approvata lo scorso dicembre in tutta fretta dal Consiglio lombardo.

Dalle urne è arrivata una sonora bocciatura per chi ha pensato di poter svendere l’acqua al mercato e di riportare le centrali atomiche nel nostro Paese. Se ne prenda atto. E tutte le istituzioni, anche la Provincia di Monza e Brianza per quanto le competa, si sentano da questo momento impegnate a fare in modo che la sovranità popolare trovi attuazione.

Oggi è proprio una bella giornata. Hanno vinto la democrazia, i beni comuni, le energie rinnovabili. E l’idea che la legge deve essere uguale per tutti”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Monza, 13 giugno 2011 – “Un dato più che positivo anche in Brianza, tra le prime province lombarde per partecipazione, dove il quorum è stato superato in 53 comuni su 55. Il risultato sull’acqua soprattutto rappresenta una chiara sconfitta della linea della maggioranza al governo della Provincia di Monza, a cui avevamo chiesto di attendere i referendum prima dell’approvazione dell’ufficio d’ambito che di fatto scippava ai comuni la titolarità sulle risorse idriche. Ora, dopo l’esito della consultazione, bisogna riaprire la discussione in Consiglio, partendo dalla riaffermazione del principio che l’acqua è un bene pubblico e che i comuni hanno un ruolo primario”.

Lo dichiarano il segretario provinciale del Pd Gigi Ponti e il capogruppo in provincia Domenico Guerriero commentando gli esiti del voto referendario.

“Quanto alla vittoria contro il nucleare – continuano gli esponenti dei democratici -, finalmente si riaprono grandi opportunità per le imprese brianzole che da tempo hanno deciso di scommettere sulla green economy e sulle energie rinnovabili. La bocciatura infine della legge sul legittimo impedimento è una giusta e sacrosanta riaffermazione del principio costituzionale che dice che la legge è uguale per tutti, premier e ministri compresi”. 

 

Print Friendly, PDF & Email

Venerdì 24 giugno 2011 alle ore 22 è previsto il tradizionale spettacolo pirotecnico, appuntamento di maggiore richiamo per la cittadinanza tra le numerose iniziative organizzate in occasione della Sagra di San Giovanni.

Una significativa novità riguarda l’ubicazione dello spettacolo nella grande area dell’ex Ippodromo del Parco di Monza.

I Giardini della Villa Reale, infatti, sono ormai insufficienti ad accogliere un pubblico che è diventato più numeroso di anno in anno e ha raggiunto i quarantamila spettatori nell’ultima edizione. La scelta della nuova location risponde quindi a questa esigenza di sicurezza.

 

Se la Villa Reale rappresentava una cornice suggestiva per i fuochi d’artificio - afferma l’Assessore alla Cultura Alfonso Di Lio - l’area dell’ex Ippodromo potrà comunque godere della magia del Parco nelle ore notturne, un’atmosfera unica che sottolineerà ulteriormente l’incanto dello spettacolo pirotecnico. Questa nuova sede inoltre, per la sua eccezionale estensione, consentirà a tutti un’ottimale visione dello spettacolo e, attraverso il viale Cavriga e l’uscita di Porta Monza, non presenterà problemi di ingresso e di deflusso degli spettatori”.

 

La grande affluenza di pubblico degli ultimi anni – afferma l’Assessore al Parco Pierfranco Maffè - ha portato a rivedere l’ubicazione dello spettacolo trovando comunque all’interno del Parco uno spazio idoneo per garantire la sicurezza del pubblico. Il percorso per raggiungere l’area dello spettacolo sarà adeguatamente illuminato.

I parcheggi consigliati sono quelli all’ingresso di Porta Monza. In ogni caso stiamo prevedendo anche delle possibilità alternative di ingresso e di uscita a piedi dagli altri accessi del Parco”.

 

In occasione dei festeggiamenti del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, l’accompagnamento musicale delle coreografie dei fuochi artificiali si compone quest’anno di alcune delle più famose arie di Giuseppe Verdi, con l’apertura dell’inno nazionale:

  • “Libiamo ne’ lieti calici” (da La traviata)

  • “Va pensiero” (da Nabucco)

  • “La donna è mobile” (da Rigoletto)

  • “Gloria all’Egitto” (da Aida)

  • “Vedi! Le fosche notturne spoglie” (da Il trovatore)

  • “Possente Amor” (da Rigoletto)

 

In caso di maltempo, lo spettacolo pirotecnico sarà rinviato al giorno successivo.

 

Print Friendly, PDF & Email

 IL SINDACO NOMINA GLI ASSESSORI DELLA NUOVA GIUNTA COMUNALE DELLA CITTA' DI DESIO

Si è già tenuta la prima seduta di Giunta, con l'adozione di importanti atti nella direzione del ripristino della legalità e della giustizia

 

Il Sindaco Roberto Corti ha firmato in mattinata cinque deleghe per altrettanti assessori della nuova Giunta Comunale della Città di Desio.

Queste le deleghe attribuite:

  • A Lucrezia Ricchiuti, nata a Cormano (MI) il 15.07.56, vanno l'incarico di  Vicesindaco e le deleghe a Politiche di Bilancio e Controllo del Territorio (Bilancio-Tributi, Economato e Provveditorato, Società Partecipate, Polizia Locale, Protezione Civile).
  • A Franca Biella, nata a Desio (MB) il 12.08.1950, vanno le seguenti deleghe: Organizzazione, Servizi alla Persona e alla Famiglia (Politiche Sociali, Politiche Scolastiche e Formative, Pari Opportunità, Risorse Umane, Sistemi Informativi - ICT e-Government, Progetto Catasto, Servizio Legale).
  • A Daniele Cassanmagnago, nato a Carate Brianza (MB)  il 8.08.1966, va la delega alle Politiche di Governo del Territorio  (Urbanistica e Pianificazione Territoriale, Arredo Urbano, Infrastrutture e Mobilità, Pedemontana e Metrotramvia, Edilizia Privata, Parchi, Expo 2015) .
  • A Cristina Redi, nata a Desio (MB) il 6.01.1978, vanno le deleghe a Cultura, Politiche Giovanili e Partecipazione (Cultura, Biblioteca, Multiculturalità e Cooperazione, Politiche Giovanili, Scuola Civica di Musica, Rapporti con i Quartieri, Fund Raising)
  • A Paolo Smorta, nato a Gela (CL) il 24.07.1963, vanno le deleghe a Sport, Commercio, Eventi Aggregativi (Sport e Tempo Libero, Commercio, Iniziative pubbliche ed eventi, Turismo, Agenda 21)

Si è già tenuta la prima seduta di Giunta con l'adozione di importanti atti nella direzione del ripristino della legalità e della giustizia;  si tratta degli atti necessari alla costituzione parte civile dell'Amministrazione comunale nel processo scaturito dall'indagine 'Infinito' e al contrasto ad un caso di abusivismo edilizio sul territorio.

La formazione della Giunta Comunale verrà comunicata al Consiglio Comunale nel corso della seduta fissata per le 15.30 di sabato 18 Giugno.

 

Print Friendly, PDF & Email

Provincia di Monza e della Brianza - Settore Cultura

in collaborazione con Associazione Culturale La Passione per il Delitto organizzanoPAGINE COME ROSE
Seconda edizione


 

 

Mercoledì 8 giugno, ore 21.00, Biblioteca di Brugherio

 

ROSA ROSSA

Via Italia 27, Tel. 039.2893401 biblioteca@comune.brugherio.mb.it

Andrea G. Pinketts, Depilando Pilar (Mondadori)

Il ritorno di Lazzaro Santandrea, che non è un detective, e nemmeno un poliziotto. È una calamita per le calamità, l'uomo giusto nel posto sbagliato, una Milano improvvisamente sconvolta da un'assurda ondata di delitti. Perché l’assurdo domina nelle narrazioni e nei linguaggi di Pinketts.

Giovedì 9 giugno, ore 21.00, Biblioteca di Vimercate

ROSA VERDE

Cortile d'onore di Villa Sottocasa, via Vittorio Emanuele II, Tel. 039.6659281 bibvimercate@sbv.mi.it

Tommaso Pincio, L’hotel a zero stelle. Inferni e paradisi di uno scrittore senza fissa dimora (Laterza)

Vagabondi dell’anima in un hotel a zero stelle, gironzolando alla ricerca di sé. Movimenti liberi, azioni senza regia, la solitudine speciale delle stanze d’albergo. Edifici che si prestano alle esplorazioni, nei quattro piani da scalare alla ricerca del senso dell’esistere, fino ai cieli stellati.

 

Print Friendly, PDF & Email

Monza, 7 giugno 2011 “Con  la prima applicazione del federalismo municipale i comuni di Monza e Brianza perdono risorse, e si tratta di tagli, ancorché di ridotta entità, che si aggiungono a quelli più pesanti degli ultimi anni, compresi quelli introdotti dalla pesante manovra dell’anno scorso che stanno mettendo in grave difficoltà gli enti locali che hanno meno risorse per i servizi ai cittadini. Per gli 11 principali comuni brianzoli si tratta complessivamente di 200 mila euro in meno solo per il 2011”.

Lo ha denunciato oggi il consigliere regionale del Pd Enrico Brambilla, nel corso di una conferenza stampa tenuta insieme a Mariarosa Redaelli, vice segretaria provinciale del Pd, commentando i dati diffusi settimana scorsa dal Ministero dell’Interno relativi all’attribuzione delle risorse finanziarie per il 2011. Il Pd ha estrapolato i dati sui comuni brianzoli, da cui è emerso che in tutti i comuni sopra i 5 mila abitanti si registrano diminuzioni di fondi, in particolare a Monza, Seregno, Lissone, Desio, Cesano Maderno, Limbiate, Brugherio, Vimercate, Muggiò, Nova Milanese, Meda. Per i comuni brianzoli sotto i 5 mila abitanti nel 2011 saranno attribuite le stesse risorse assegnate nel 2010, al netto però dei tagli della manovra dell’anno scorso, ha ricordato il Pd. Nel panorama nazionale le risorse incrementano solo in un centinaio di comuni.

“Non si tratta più di trasferimenti – ha spiegato Brambilla - ma di una prima applicazione del federalismo municipale che sarà in vigore dal 2014, secondo l’impostazione attuale data dal governo. Le risorse così attribuite giungono da una quota di compartecipazione all’Iva, da una sulla fiscalità immobiliare e da una parte del fondo di riequilibrio. Ma il risultato purtroppo non cambia: il segno è sempre meno, e anche se non si tratta di cifre elevate – continua Brambilla - viene smentito chi diceva che con questo federalismo sarebbero arrivate più risorse ai comuni”.

“Così com’è è solo una riforma di facciata, perché nella sostanza a farne le spese sono le casse dei comuni e i cittadini, che si vedono ridotti i servizi. Forse nei prossimi giorni – conclude l’esponente dei democratici - verrà approvata la legge che proroga di sei mesi l’adozione dei decreti attuativi. Il Pd chiede che si approfitti di questo periodo di tempo per correggere una riforma necessaria ma che così com’è stata impostata rischia di fare solo danni”.

Comune

Popolazione

Spettanza teorica

Risorse attribuite

Monza

121.545

26.260.638,62

26.188.131,78

Seregno

  42.818

  7.402.566,44

  7.382.127,61

Lissone

  41.381

  6.538.575,01

  6.520.521,70

Desio

  40.312

  6.772.078,24

  6.753.380,22

Cesano

  36.889

  6.487.188,05

  6.469.276,62

Limbiate

  34.630

  6.529.989,59

  6.511.959,99

Brugherio

  33.119

  5.660.104,54

  5.644.476,73

Vimercate

  25.643

  3.824.096,82

  3.813.538,31

Muggiò

  23.362

  4.009.150,04

  3.998.080,59

Nova Mil.

  23.162

  3.870.461,39

  3.859.774,87

Meda

  23.044

  4.192.747,84

  4.181.171,47

 

Iscriviti alla newsletter

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /web/htdocs/www.vorrei.org/home/plugins/acymailing/tagcontent/tagcontent.php on line 1228
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)