Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

testata-rubriche

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

20110930-calabrese-a

 

Il cuore di Pietro il Grande si schianta. Sta per chiamare: “Azzurro Destino”, ma si trattiene. Se non fosse lei? Difatti l’ombra è un cinghiale, un bestione che passa lentamente lasciando un sentore di erbe selvatiche.

 

Print Friendly, PDF & Email

adamocalabrese_005-a

Il Maestro vorrebbe parlare con loro. Fa un cenno. Ma loro si ritraggono. Sono stranieri, parlano un’altra lingua. C’è imbarazzo. I due sconosciuti si schermiscono, purtroppo non riescono a imbastire una conversazione. Il Maestro fa segno che pagherà il loro caffè. Loro scuotono la testa. Pur nel diniego sorridono. Anzi saranno loro ad offrire il caffè al Maestro.

 

Print Friendly, PDF & Email

20110623-adamocalabrese_a

La sua donna che si spogliava davanti a lui inginocchiato ai suoi piedi. Nell’acqua passava il tempo in forma di alberi che davano fiori, i fiori che diventavano frutta, le frutta che cadevano assieme alle foglie.

 

Print Friendly, PDF & Email

20110528-valigia-a

Non era tornata, ma lui aveva continuato a scrivere poesie nonostante l’oceano degli anni diventasse sempre più vasto aumentando la distanza tra il Sud America e la panchina del parco della loro promessa.

 

Print Friendly, PDF & Email

20110412-adamo_cespuglio_a

No, no lui non avrebbe sopportato quella vocina! Mai sarebbe entrato nella casa deserta, si sarebbe tappate le orecchie piuttosto che udire i singhiozzi della chiave affannata a girare dentro la serratura.

 

Print Friendly, PDF & Email

20110309-adamo-cenerentola-a

Secondo episodio. Intanto è sorto il sole e lontano lontano, come in un mondo ultraterreno, si leva, inenarrabile, il canto del gallo.

 

Print Friendly, PDF & Email

20110203-adamo-a

Primo episodio. La mamma invece di tossire sospira, un sospiro piccolo, piccolo, da scricciolo e chiude gli occhi. Chiude gli occhi per sempre.

 

Print Friendly, PDF & Email

 

 

20110108-adami-a

M’ imbarco sul primo aereo in partenza. Non so dove andrò. Lei mi aspetta in ogni luogo. Il calicantus è fiorito, le giornate si sono visibilmente allungate.

 

Print Friendly, PDF & Email

20101220-adamo-a

Nono ed ultimo episodio. "Mi viene la pelle d’oca, la macchina sbanda, cala di ala, va giù, va giù, raccolgo le mie ultime forze, tiro, sputo sangue, miracolo! La macchina risale e con possente calma vola sul mio regno"

 

Print Friendly, PDF & Email

20101125-adamo-a

Defunti i miei genitori, scomparsa la regina consorte, fuggiti in Francia i sudditi sono rimasto come un allocco. Il mio regno è una brughiera selvatica.

 

Print Friendly, PDF & Email

201010-adamo_calabrese_a

Malaria, o peste, o ruggine si abbatte sul regno presieduto dal castello. Colpa del re? Colpa del suo essere così poco umano?

 

Print Friendly, PDF & Email

20100713-adamo_calabrese_a

«Lei mi guardava spaventata non capendo un’acca, ma neppure io sapevo ciò che dicevo.
L’acido solforico era una scusa per tacere di ciò che sarebbe stato più importante.»

 

Print Friendly, PDF & Email
20100614-adamo_calabrese-a
Si ferma anche qualche ragazza, col velo sopra la testa per non essere notata, si avvicina, si alza sulla punta dei piedi, si accosta all’orecchio di legno, sussurra, diventa rossa

 

Print Friendly, PDF & Email

20100518-adamo-a

Non una lacrima, né allora, né mai più. Come un bicchiere che si spezza.
Occhi di pietra da quel momento in poi, se non quando si posavano su di me

 

Print Friendly, PDF & Email

201004-calabrese-castello_a

Corda insaponata?” “Nossignore, corda cruda che gli strappi le budella!”

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)