Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

 

COMUNICATO STAMPA

Inizia a Monza la 25^ edizione della rassegna di teatro ragazzi

"...e un sacco di gente soprattutto bambini"

Sabato 5 novembre 2011

Teatro Triante in Via Duca d'Aosta 8/a Monza.

La rassegna è diretta e organizzata

dalla cooperativa teatrale La Baracca di Monza,

con la collaborazione e il contributo

dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Monza

e con i patrocini di Regione Lombardia - Cultura

e Provincia Monza Brianza.

5 novembre 2011

La Baracca di Monza

presenta

ore 10.30

(apertura cassa ore 9.30)

PICCOLINA - Una storia che cresce

Spettacolo teatrale (3/8 anni)

Ingresso speciale €3,00

FACCIAMO TEATRO

Narrazioni con micro laboratorio

Ingresso con coupon

ore 15.00 - per bambini dai 6 agli 8 anni

(distribuzione coupon ore 14.30)

ore 17.00 - per bambini dai 3 ai 5 anni

(distribuzione coupon ore 16.30)

Ogni laboratorio è aperto a 20 bambini e 20 adulti

ore 21.00

(apertura cassa ore 20.00)

UN TÈ CON ALICE

Spettacolo teatrale (6/11 anni)

Ingresso speciale €3,00

PER INFO

Cooperativa Teatrale La Baracca di Monza

039 463070 (dalle 13 alle 16)

info@baraccadimonza.it

www.baraccadimonza.it

 

Print Friendly, PDF & Email

 

1)

Interpellanza presentata dal consigliere Elena Colombo da titolo: Il Parco di Monza necessita di cure su molti fronti: chi e quando se ne farà carico? L’amministrazione è consapevole e vigile? Quali reali strategie a parte i numerosi proclami? Necessario passare dalla politica degli annunci a quella del FARE.

Premesso che:

-      Comune di Monza, Regione Lombardia, Ministero per i Beni e le Attività culturali, Comune di Milano nel luglio del 2008 hanno firmato un Accordo per la valorizzazione della Villa Reale, del Parco e delle relative pertinenze. Le aree oggetto di valorizzazione sono la Villa Reale, i Giardini e il Parco di Monza.

-      Gli obiettivi comuni dei soggetti sottoscrittori sono il restauro della Villa, ai fini della fruizione pubblica, della promozione del turismo culturale, dell’utilizzo per attività di alta rappresentanza istituzionale anche legate ad Expo 2015, nonché la gestione del Parco secondo modalità coordinate con la Villa.

-      L’Accordo individua in un apposito ente di diritto pubblico, di natura consortile non imprenditoriale il soggetto giuridico, cui compete l’elaborazione e lo sviluppo dei piani di valorizzazione e la gestione delle relative attività, in vista di un miglioramento della fruizione pubblica, come recita il sito del Consorzio stesso.

-      In attuazione dell’Accordo, Regione Lombardia ha stanziato per l’avvio del Consorzio risorse pari a 5M €, a cui si aggiungono 1M € a carico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali MiBAC.

-      Il Consorzio ha avviato le sue attività il 9 settembre ed è formato dalle istituzioni proprietarie delle varie sezioni della Villa e del Parco: lo Stato (Ministero per i Beni e le attività culturali), la Regione Lombardia, il Comune di Monza e il Comune di Milano. Hanno aderito anche la Provincia di Monza e Brianza e la Camera di Commercio di Monza e Brianza pur non avendo proprietà all'interno del complesso monumentale.

-      Ciascuna delle istituzioni proprietarie conferisce in gestione al Consorzio i beni in suo possesso presenti nella Villa e nel Parco, per favorire un approccio unitario ed integrato alla valorizzazione del grande complesso monumentale.

Si rileva come a tutt’oggi permangano necessità impellenti per PARCO e GIARDINI REALI di cui nessuno si è ancora fatto carico né economicamente né come azione programmatica, quali:

  1. Il taglio dell’erba sui viali periferici (mancano mezzi e personale: quando si procederà? Le risorse a cura di chi: ente Parco o Consorzio?);
  2. Il taglio delle siepi per 16 km che andrebbero tagliate 2 o 3 volte l’anno (mancano mezzi e personale), nel 2011 sono state “curate” solo per 3-4 km, quelle di viale Mirabello e della zona di Vedano, il loro stato è minacciato da infestanti che addirittura stanno superando le siepi, creando danni quindi sulle giovani piante, quando la manutenzione verrà fatta costerà il doppio: chi se ne farà carico?;
  3. Il taglio di 60 alberi di grandi dimensioni malati, pericolanti o pericolosi nei Giardini reali (questa considerazione è frutto di indagini strumentali compiute da agronomi incaricati dal parco pagate nel 2009 grazie a un progetto: perché dopo lo studio nessuna pianificazione di interventi mirati?);
  4. L’eliminazione delle infestanti, piante non autoctone (ad esempio l’Ailanto) che tolgono spazio alle altre (il Piano di Assestamento Forestale prevede la loro eliminazione all’interno del parco, perché non si procede?);
  5. Le nuove piantumazioni da fare dopo l’eliminazione di piante malate, visto che il parco invecchia: è autentica la valorizzazione di cui si parla e scrive nei documenti ufficiali di Consorzio, Regione Lombardia, amministrazione monzese, consoci del Consorzio…?
  6. Gli arredi come recinzioni, panchine, cestini, staccionate in legno che ormai sono deteriorate (queste soprattutto essendo in legno durano solo 4-5 anni ma sono necessarie per arginare le auto parcheggiate altrimenti anche sui prati);
  7. La manutenzione delle strade bianche per 20 km (sono in gran parte da rappezzare, devono garantire la sicurezza dei fruitori!);
  8. La manutenzione dei cordoli che delimitano i sentieri, soprattutto dei Giardini reali (decoro e sicurezza);
  9. La manutenzione del muro di recinzione del Parco, in alcuni punti crollano “pezzi” (un manufatto che ha garantito che il parco arrivasse tutelato fino ad oggi che è anche il biglietto da visita per i fruitori di qui e si spera a breve da fuori, visto che si candida ad essere un possibile sito Expo);

10. La manutenzione di 6 cancelli carrai (Porta Monza, 2 Porte a Vedano, Villasanta, S. Giorgio, Biassono) e di 25-30 cancelletti pedonali (sbarre serrature, lucchetti da sistemare o sostituire…) che da tempo necessita di interventi;

11. I trattamenti fitosanitari sono sempre necessari (ex: cameraria dell’ippocastano, la processionaria del platano… ): si rischia di dover poi abbattere alberi non più recuperabili;

12. Gli interventi per emergenze e calamità naturali, come quella del 5 agosto scorso: si è intervenuti in parte per rimuovere alberi sui viali e altri interventi…

13. La manutenzione dei giochi da compiere e anche la posa di nuovi in altre aree del parco;

14. La manutenzione delle rogge: non bastano incarichi e studi a esperti se poi non si interviene fattivamente su chiuse, prese, derivazioni, riprsitino dei manufatti, paratie in legno… le rogge sono tutte asciutte ad eccezione della roggia Principe che alimenta il laghetto della Villa, sarebbe opportuno un looro recupero storico ma soprattutto ambientale per portare acqua al parco;

15. La manutenzione delle sponde del Lambro: occorre ripristinarle, visto che cedono. Perché tra tutti gli enti competenti non esiste la volontà di FARE, intraprendere azioni concrete? E la nostra amministrazione non ha l’autorevolezza di attivare interventi?

16. Il patrimonio arboreo della Villa Reale: si sono perse negli anni almeno il 40% delle specie presenti in origine: quale piano di valorizzazione in tal senso?

Lo Statuto del Consorzio all’art. 2 Finalità e attività esplicita chiaramente che il Consorzio... persegue tra le altre la finalità di garantire la conservazione, il recupero e la valorizzazione del complesso monumentale e ambientale della Villa Reale di Monza, del Parco Reale e relative pertinenze, e di tutti i beni mobili ed immobili in esso insistenti, inclusi i giardini annessi e l’impianto arboreo, garantendone la fruizione pubblica e sviluppandone i valori culturali, ambientali, architettonici e paesaggistici.

Alla luce delle premesse si interpellano gli assessori competenti per conoscere:

- chi e con che tempi si farà carico a breve degli interventi necessari per la stessa sopravvivenza del parco, minacciato dall’incuria e privo di risorse?

 

- se l’obiettivo primario del recupero e valorizzazione del parco e dei giardini reali è rendere accessibile e fruibile, anche per scopi ricreativi, il patrimonio di naturalità, di paesaggio, di storia e di servizi che tali “luoghi” possono offrire, dove sta nella realtà l’impegno anche della nostra amministrazione per far leva sui consoci?

Distinti saluti.

Elena Colombo

2) 

 

Monza, 12 settembre 2011

Interpellanza del consigliere Elena Colombo al Sindaco e agli Assessori competenti dal titolo: Pesce sequestrato al mercato cittadino: chi fa i controlli? I consumatori possono stare tranquilli sulle caratteristiche organolettiche e nutrizionali e sulla sicurezza alimentare di quanto comprano abitualmente nei diversi mercati della città?

La settimana scorsa sono stati sequestrati due quintali di pesce in uno dei mercati cittadini dopo controlli effettuati dalla capitaneria di porto di Santa Margherita Ligure e di Genova; i motivi: pesce decongelato venduto come fresco, etichette contraffatte con dati falsi su provenienza e specie dei prodotti in vendita sulle bancarelle.

La legge impone che (art. 21 Legge 14 Luglio 1965 n. 963) che la sorveglianza sulla pesca e sul commercio dei prodotti ittici e l'accertamento delle infrazioni alle leggi e ai regolamenti che li riguardano sono affidati alla Direzione del Comandante della Capitaneria di Porto.

 

Posto che i consumatori hanno diritto sempre a qualità e sicurezza degli alimenti e che è necessario attivare attività di controllo pubblico per garantirle in modo corretto, come in tutti i paesi europei,

 

si interpellano il Sindaco e gli Assessori competenti per chiedere:

-      se i fatti gravi contestati agli operatori del mercato in città che destano preoccupazione tra i cittadini sono stati presi in carico dall’amministrazione e che riscontro c’è stato dopo l’incontro formale con gli operatori;

-      che tipo di controlli vengono effettuati dalla polizia municipale o altro soggetto sugli alimenti venduti nei diversi mercati cittadini;

-      esiste un regolamento per la vendita del pesce e di altri prodotti freschi;

-      possibile attivare controlli a campione su etichettatura, tracciabilità, norme igienico-sanitarie da parte dell’amministrazione o ASL MB?

-      La nostra amministrazione può sanzionare i responsabili di frodi alimentari come quella di questi giorni?

Elena Colombo

3) 

 

Interpellanza

 

OGGETTO: Interpellanza presentata dal consigliere Elena Colombo dal titolo: Il Parco di Monza: sotto il vestito nulla! Ossia dietro l’apparente interesse alla sua valorizzazione prevale una politica di tagli che lo stanno mettendo a rischio in modo irrimediabile.

Alla luce del mancato conferimento dei beni al Consorzio Parco e Villa reale che si proponeva la gestione unitaria di questi beni e quindi a causa del mancato introito dei proventi delle concessioni, si riscontra come il bene più prezioso della città, il verde del nostro bellissimo PARCO, sia privato delle risorse necessarie per la sua stessa sopravvivenza.

Negli anni gli stanziamenti per la manutenzione ordinaria (su Titolo I﴿ del parco sono stati

Nel 2004: € 483.000,00

Nel 2005: € 488.000,00

Nel 2006: € 401.000,00

Nel 2007: € 379.000,00

Nel 2008: € 264.000,00

Nel 2009: € 264.000,00

Nel 2010: € 264.000,00

Nel 2011: € 162.500,00, finanziati con oneri di urbanizzazione, chiaramente insufficienti per effettuare la manutenzione minima.

Quest’anno quindi risorse drasticamente ridotte necessarie per:

-        la pulizia del parco (I 123.000 euro stanziati a bilancio 2011 non sono sufficienti, ne mancano almeno 27.000 per coprire i costi fino a fine 2011);

-        la manutenzione del verde di parco e giardini reali (a bilancio ne erano stati stanziati 1.028.000, da cui però vanno tolti 866.000 del contributo regionale che invece non ci sono, la differenza infatti che ne risulta è pari a € 162.500,00, di questa cifra ne restano 80.000,00 pari a 4 determine in stand by).

L’unica voce coperta è quella dei presidi pari a € 110.000,00 per apertura e chiusura cancelli e presidio del parco nei week end, lavori affidati a una cooperativa.

Pertanto si interpella la Giunta per chiedere quante altre risorse verranno messe a disposizione del parco entro fine anno per fermare un degrado che con questo atteggiamento di indifferenza avanza più si aspetta e non si interviene.

Distinti saluti.

Elena Colombo

Monza, 19 settembre 2011

 

 

Print Friendly, PDF & Email

 

L’ISA di Monza ringrazia i cittadini monzesi: 10.000 firme!

Sabato 24 Settembre studenti, professori, personale ata e genitori dell’I.I.S. Liceo Artistico Statale / Istituto d’Arte di Monza hanno dato vita ad una manifestazione come la città non vedeva da lungo tempo, con la quale hanno voluto informare i loro concittadini sul grave stato di degrado degli spazi indispensabili per la didattica, dichiarati inagibili a Luglio dopo oltre un decennio di colpevole assenza di manutenzione e la drammatica situazione conseguente alla mancanza di 8 aule.

Un affollato e vivace corteo è partito dalla sede dell’ISA in Villa Reale, ha attraversato le strade principali del centro di Monza, fermandosi a manifestare davanti al Comune e ha terminato la sua coloratissima marcia in piazza Carrobiolo e in piazza S.Paolo. Sono quindi iniziate le “Lezioni in Piazza”, tenute da alcuni professori della scuola e da alcuni prestigiosi ex-studenti dell’ISA, che si sono protratte per tutta la mattina sotto gli occhi curiosi e interessati dei passanti. Le iniziative artistiche sono continuate in San Paolo per tutto il pomeriggio con una mostra fotografica, trucchi e giochi per i bimbi, in un’atmosfera festosa e partecipata.

Intanto studenti, genitori e insegnanti raccoglievano nelle strade del centro e ai banchetti  la solidarietà dei Cittadini monzesi, che firmavano con convinzione l’appello rivolto al Sindaco di Monza e al Presidente della Provincia di Monza e Brianza per chiedere di ripristinare rapidamente l’agibilità nei locali dell’edificio “ex-Borsa”, senza i quali restano precarie e gravissime le condizioni di studio all’ISA, ottenendo una risposta sorprendente:

OLTRE 8000 FIRME RACCOLTE IN UNA SOLA GIORNATA ed altre 2000 arrivate a scuola in questi giorni!

 

Gli studenti, i docenti, il personale ata e i genitori dell’ISA-LAS ringraziano i cittadini monzesi e brianzoli per la grande solidarietà e il sostegno espresso .

Ricordiamo che nella sua ultra-quarantennale storia l’ISA si è distinta formando artisti e creativi di fama internazionale, giungendo a rappresentare un polo di attrazione scolastico che ha visto aumentare anche quest’anno le iscrizioni di studenti provenienti da tutte le provincie circostanti la Brianza e persino qualcuno dalla Svizzera fino a raggiungere gli attuali 852 iscritti.

Tutto questo, nonostante siano noti a tutti i progetti che vedono l’ISA ostacolo  agli interessi commerciali che vorrebbero occupare al più presto i prestigiosi spazi della Villa Reale attualmente utilizzati dalla scuola.

Ora sappiamo con certezza  che i Cittadini di Monza riconoscono il valore dell’ISA e la sua presenza nella Villa Reale come patrimonio comune ed eccellenza sul territorio!

In nome di questa consapevolezza consegneremo le firme ai destinatari dell’appello, cui abbiamo chiesto un incontro urgente, chiedendo al Sindaco di ascoltare la voce  dei Cittadini e al Presidente della Provincia di dimostrare che questa Istituzione è capace di rappresentare efficacemente, con fatti concreti, le istanze del territorio di cui è responsabile,

Naturalmente cominciando col trovare la collocazione provvisoria URGENTISSIMA sul territorio monzese PER LE aule che, a tre mesi dalla dichiarata inagibilità DELL’EX BORSA, e a tre settimane dall’ inizio dell’anno scolastico incredibilmente ancora ci mancano!

Monza, 28 settembre 2011

Gli studenti, i docenti, il personale ata e i genitori dell’ISA-LAS Monza

 

Print Friendly, PDF & Email

 

Domenica 16 ottobre 2011 alle ore 16:00, presso il Teatro San Carlo di

Monza / Superzero Show Spettacolo di Beneficenza per Bambini

____________________

Domenica 16 Ottobre alle h. 16.00 - con il Patrocinio del Comune di Monza - andrà in scena, presso il Teatro S. Carlo in Via Volturno, 38 a Monza, uno spettacolo teatrale di beneficenza organizzato da Micromondo ONLUS dal titolo “Superzero Show”

Costo del biglietto : 5,00 E

Lo spettacolo offerto da Bagno Cristian, alias Superzero, è adatto ai bambini di tutte le età.

Chi è Superzero? Superzero è un eroe… o forse sarebbe giusto dire un Supereroe.
Ma così diverso dai supereroi tutto muscoli e superpoteri!: Superzero è un eroe romantico, timido e travolgente, è un abile giocoliere che incanta con le sue clave e i suoi cerchi, è un mago capace di stupefacenti trucchi che però…. non  sempre riescono….

Superzero è l’amico dei bambini, di tutti i bambini: quelli che lo ascoltano incantati durante i suoi spettacoli o quelli che riesce a far sorridere durante le sue visite nelle camerette dei reparti di pediatria.

La sua missione è proprio quella di portare il sorriso ad ogni bambino: perché un bambino che sorride oggi sarà un uomo migliore domani!       

Superzero lo riconosci dai suoi vestiti multicolori, dalla sua valigia di cartone che contiene oltre alle sue 1000 e pìù magie, sorprese, gioia, voglia di donarsi, altruismo e amicizia, capacità di stupire parlando con il linguaggio dei bambini.. perchè solo guardando con “gli occhi dei bambini” possiamo sperare in un mondo migliore.

L’intensità di questo messaggio è il terreno comunque che ha visto anche in passato Superzero e Micromondo lavorare insieme per portare, attraverso la beneficenza, un sorriso a bambini lontani e meno fortunati dei nostri.

In questo caso, Micromondo Onlus, Associazione di volontariato che si occupa di progetti rivolti ai bambini, devolverà il ricavato dello spettacolo alla Casa per bambini "Mama Anakuja" di Malindi (Kenya) che ospita orfani e bambini affetti da gravi patologie.

I biglietti dello spettacolo saranno anche in prevendita presso:

PRO MONZA - piazza Carducci 2 - tel 039 323222

____________________

Per info sullo Spettacolo : Cinzia 338/7815783 - Claudio 335/417941

Per info Associazione : www.micromondo.org

 

MICROMONDO ONLUS

Gruppo Spettacoli

 

Print Friendly, PDF & Email

 

COOP CESED: LE LAVORATRICI SENZA STIPENDIO DA DUE MESI

Ieri, 27 settembre, è fallito il tentativo di conciliazione, presso la Prefettura di Monza, durante il quale la cooperativa CESED non ha presentato alcuna ipotesi di soluzione concreta, ma solo le solite ritrite giustificazioni.

Anche la proposta di mediazione avanzata dalla Prefettura si è rivelata inadeguata, limitata all’impegno al massimo sforzo per sbloccare la situazione, d’intesa con gli Enti coinvolti. Nulla di nuovo. Rispettabile, ma consueta retorica.

Domani 29 settembre, l'assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati negli appalti della coop CESED in Brianza deciderà come sviluppare la vertenza per riconquistare il fondamentale diritto alla retribuzione e non è escluso il ricorso allo sciopero.

Ricordiamo che la cooperativa CESED impiega, nella provincia di Monza e Brianza, circa 200 operatori in essenziali e delicati servizi di integrazione e sostegno scolastico, appaltati dai comuni o dai loro consorzi.

 

FUNZIONE PUBBLICA CGIL MONZA E BRIANZA

 

Print Friendly, PDF & Email

FALLITO IL TENTATIVO DI CONCILIAZIONE OBBLIGATORIO IN PREFETTURA 

LE LAVORATRICI CESED ANCORA SENZA STIPENDIO

SCIOPERO GENERALE DELLE LAVORATRICI/RI CESED DI MONZA BRIANZA

In data 23 settembre, c/o la Prefettura di Monza si è tenuto il tentativo di conciliazione, obbligatorio in base alla legge 146/90, per trovare una soluzione al problema del mancato pagamento degli stipendi alle  lavoratrici della Cesed, problema noto alla stampa e cittadinanza monzese.

Erano presenti: i rappresentanti della Cesed, della FP CGIL, chi scrive per il sindacato USB Brianza, il vice prefetto di Monza ed una rappresentanza delle lavoratrici Cesed.

In sintesi:

 Come parte sindacale abbiamo chiesto il pagamento degli stipendi arretrati entro fine settembre e la certezza per i mesi futuri.

Cesed ha spiegato che le cause nel ritardo stipendi è dovuto alla mancata liquidazione di alcune fatture da parte di Enti Locali ove gestiscono i servizi in appalto ed, in via generale, alla situazione di crisi economica generale.

Da parte della prefettura si è avanzata una proposta che, vedendo il coinvolgimento delle parti, prevedesse un percorso congiunto per stabilire una soluzione al ritardo del pagamento stipendi.

Nella sostanza le lavoratrici Cesed, oltre a non vedersi garantito, in termini di data, fine settembre, la liquidazione degli stipendi arretrati, avrebbero dovuto farsi carico di una problematica extracontrattuale non sapendo entro quali tempi avrebbero ricevuto lo stipendio.

Come USB pensiamo che le lavoratrici abbiano già dato. Non si può chiedere a chi lavora senza retribuzione un ulteriore sacrificio.  Gli stipendi arretrati devono essere liquidati subito.

Di fronte al fallimento del tentativo di conciliazione, non ci rimane altra strada che chiamare le lavoratrici alla lotta che vedrà un’ azione unitaria tra USB e CGIL.

Nei prossimi giorni si avvieranno le procedure per la proclamazione della sciopero generale del personale Cesed di Monza Brianza, sciopero che si terrà alla fine della prima decade di ottobre.

                                                                                        USB Privato Monza Brianza

                                                                                          

Monza, 25 settembre 2011

 

Print Friendly, PDF & Email

 

Servizio Civile Nazionale alla Lega del Filo d'Oro - Lombardia

“La Lega del Filo d’Oro, per l’anno 2011/2012 ha la possibilità di ‘reclutare’ in Lombardia - per le attività del nostro Centro di Lesmo e per quelle che svolgiamo sul territorio -6 giovani (dai 18 ai 28 anni) per lo svolgimento del Servizio Civile Nazionale: è un’esperienza importante, impegnativa e molto bella; significativa soprattutto per chi muove la propria vita nei primi passi dell’età adulta.

In allegato e qui di seguito trovate tutti i dettagli dei due progetti che la Lega del Filo d’Oro propone ai possibili candidati della regione e quelli attivi nelle altre nostre sedi.

Le candidature possono arrivare solo entro il 21 ottobre…

… i tempi pertanto sono già stretti ancora prima di partire con la veicolazioni di locandine e opuscoli cartacei, per questo vi chiedo cortesemente di aiutarci attraverso gli spazi di comunicazione a vostra disposizione per la veicolazione di questa opportunità al maggior numero di persone interessate.

Vi saluto cordialmente, ringraziandovi anticipatamente per quello che riuscirete a fare

.Stefano

______________________________

Stefano Biraghi

Lega del Filo d'Oro Onlus -www.legadelfilodoro.it

sede di Lesmo, referente per il volontariato

Lesmo (MB) – via alla stazione, 2

cell. 335.5827689

tel. 039.6985810 (interno) - 039.6985800 centralino)

fax 039.6985801

e-mail:biraghi.s@legadelfilodoro.it

“CON TE...ANCHE NOI POSSIAMO” al Centro residenziale di Lesmo

OBIETTIVI SPECIFICI

- Incrementare e migliorare le attività di animazione, ludi-co-ricreative e di socializzazione con gli utenti.

- Affiancare gli utenti nelle attività di laboratorio per favorire il loro apprendimento utilizzando ove necessario i sistemi di comunicazione Braille e Malossi.

- Collaborare nell’organizzazione di attività di tempo libero e di weekend.

- Supportare gli utenti negli spostamenti per facilitare la loro autonomia all’interno e all’esterno del Centro.

- Acquisire professionalità in attività di animazione utili per il futuro.

ATTIVITA’

- Organizzare le attività ludiche, di animazione, le gite e le vacanze con gli utenti.

- Affiancare gli utenti nel corso delle attività di riabilitazione, ludico ricreative, di laboratorio, lettura del giornale, utilizzo del PC .

- Dedicarsi all’attività di comunicazione con gli utenti attraverso l’utilizzo del sistema Malossi.

- Accompagnare gli utenti negli spostamenti all’interno e all’esterno del Centro.

POSTI DISPONIBILI n.4

“GRAZIE A TE CONOSCO IL MONDO” nelle Sedi Territoriali della Lega del Filo d’Oro

OBIETTIVI SPECIFICI

- Incrementare le attività con gli utenti e con le famiglie

- Incrementare il servizio di persona di contatto a domicilio per favorire l’integrazione sociale degli utenti sul territorio.

- Favorire l’integrazione con l’ambiente, la mobilità, l’orientamento, la comunicazione e l’accesso all’informazione de-gli utenti che partecipano ai soggiorni estivi nazionali.

- Dare maggiore sollievo alle famiglie.

ATTIVITA’

- Supportare gli utenti nella partecipazione ai weekend e uscite sul territorio.

- Supportare gli utenti nella partecipazione ai soggiorni estivi nazionali.

- Guidare gli automezzi dell’Ente durante il servizio.

- Supportare l’equipe della Sede territoriale nell’espleta-mento di attività d’ufficio.

POSTI DISPONIBILI n.12

n.2 POSTI alla Sede territoriale di Osimo,

n.2 POSTI alla Sede territoriale di Lesmo,

n.2 POSTI alla Sede territoriale di Modena,

n.2 POSTI alla Sede territoriale di Roma,

n.2 POSTI alla Sede territoriale di Napoli,

n.2 POSTI alla Sede territoriale di Molfetta

REQUISITI PER LA CANDIDATURA

- Età compresa tra i 18 anni compiuti e i 28 anni

- Diploma di scuola media superiore

- Patente di guida “B””

DURATA DEL SERVIZIO

30 ore settimanali per 12 mesi

RIMBORSO MENSILE

€ 433,80

POSSIBILITA’ DI:

- RICONOSCIMENTO COME TIROCINIO

- CREDITI FORMATIVI IN CONVENZIONE CON ALCUNE UNIVERSITA’

COME FARE DOMANDA

La domanda dovrà essere redatta in carta semplice secondo il modello“Allegato n.2” e corredata della scheda “Allegato n.3” scari-cabili dal sitowww.legadelfilodoro.it

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

- fotocopia della carta di identità in corso di validità,

- fotocopia del codice fiscale,

- fotocopia della patente di guida di categoria “B”,

- fotocopia del/dei titolo/i di studio conseguito/i

- curriculum vitae (con l’elenco dei titoli di stu-dio, corsi di specializzazione effettuati ed atte-stati conseguiti, esperienze di lavoro e di volontariato)

dal sitoWWW.LEGADELFILODORO.IT

è possibile scaricare:

- GLI ESTRATTI DEI DUE PROGETTI

- GLI ALLEGATI n.2 E n.3 DA COMPILARE PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

LA DOMANDA DOVRA’ PERVENIRE ENTRO LE ORE 14,00 DEL 21 OTTOBRE 2011 A:

LEGA DEL FILO D’ORO ONLUS

UFFICIO RISORSE UMANE

Via Montecerno, 1 - 60027 Osimo AN

PER INFORMAZIONI CONTATTARE:

Lega del Filo d’Oro Onlus

Ufficio Volontariato

Tel. 071 72451

dal lunedì al venerdì

dalle 9,00 alle 17,00

volontariato@legadelfilodoro.it

www.legadelfilodoro.it

Servizio Civile Nazionale

Call center 848 800715

URP Tel. 06 49224470 / 4202www.serviziocivile.it

 

Print Friendly, PDF & Email

 

Domenica 25 settembre 2011:

la Cultura fa il tutto esaurito in Brianza

con oltre 18.700 visitatori per "Ville Aperte" e 8.000 presenze a "Fai il Pieno di cultura"

Monza, 26 settembre 2011 – Anche l'edizione 2011 diVille Aperte in Brianza, arricchita quest’anno dalla partecipazione delDistretto Culturale Evoluto, si èconclusa registrando numeri da record: per tutta la giornata 18.745 visitatori hanno affollato i 70siti aperti in 33 Comuni MB. Se si aggiungono anche i numeri di Fai il Pieno diCultura - la manifestazione promossa da Regione Lombardia che ha coinvolto 31 biblioteche,14 musei e 10 luoghi straordinari con novanta iniziative tra spettacoliteatrali, concerti, performance artistiche, mostre e laboratori per bambini e famiglie -si sale a ben oltre 26 mila presenze per un week end completamente all'insegna della Cultura.

"I numeri anche quest'anno parlano chiaro: icittadini hanno voglia di cultura e ognimanifestazione che interessa il nostro patrimonio storico registra ovunque iltutto esaurito - commentano soddisfatti il Presidente Dario Allevi e l'Assessore alla Cultura Enrico Elli - Questo weekend, in particolare, si è concluso con una grande offerta di proposte che sonostate accolte con successo da adulti e bambini. Con il Distretto Culturale Evoluto,per esempio, abbiamo proposto per laprima volta una formula nuova per visitare le nostre ville all'insegna dellearti performative che ha riscontratoil favore del pubblico. Il format diVille aperte si conferma vincente e possiamo con soddisfazione dire che sta diventando un marchio di qualità perpromuovere i nostri beni storici anche fuori dai nostri confini”.

Leprenotazioni on-line avevano già annunciato il successo della manifestazionecon quasi 10.000 prenotazioni.Tra i siti che hanno segnato da subito il tutto esaurito anche quest'anno sisegnala la Villa Reale di Monza conben 1.650 bigliettistaccati. L’ingresso comprendevaanche l’accesso, a prezzo agevolato, alla mostra “Regina Margherita”, ideata e promossa dalla Fondazione DNArt incollaborazione con Regione Lombardia e Consorzio Villa Reale e Parco di Monza.

L'areadel vimercatese si conferma ancora al top delle preferenze con 3046accessi divisi tra Palazzo Trotti, VillaSottocasa, il Casino di Caccia e Villa Gallarati Scotti che da sola è stata visitata da 913 persone. Tutto esaurito anche per i siti aperti a Bellusco con1197 biglietti staccati (818 solo per ilBorgo di Camuzzago); Triuggio con 798 visite e Varedo con 753 accessi. Si contano 740 visite alla Centrale Idroelettrica Esterle a Cornate d'Adda e 500 per i siti aperti a Meda.Grande successo per i luoghi aperti per la prima volta: Villa Zari di Bovisio ha fatto il tutto esaurito, mentre Villa CusaniConfalonieri e la Basilicadei SS Pietro e Paolo a Carate Brianza hanno registrato nel complesso 500visite solo con l'apertura pomeridiana.

Oltre il 90% dellacapacità di ricezione, e quindi quasi il “tutto esaurito”, hanno registratoanche i siti di Villa Annunciata (aBesana Brianza) e i Giardini di PalazzoArese Borromeo (a Cesano Maderno).

Con1.172 presenze ha debuttato con successo, infine, anche il Distretto CulturaleEvoluto MB che ha presentato in 4 comuni (Cesano Maderno, Sulbiate, Bellusco eBiassono) l'evento “pH_performingHeritage. Uno spettacolo di patrimonio”. Solo a Cesano lospettacolo teatrale itinerante "IlLabirinto di Alice" è stato seguito da 400persone, mentre a Sulbiate l’ex-Filanda,riaperta per la prima volta ai suoi cittadini dopo diversi anni, ha raccoltocon “I viaggi della seta” quasi 300partecipanti.

Villeaperte in Brianza, che anche quest'anno ha ricevuto il prestigioso riconoscimento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è stato patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal Touring ClubItaliano, dal FAI, da RegioneLombardia con AIM – Associazione Interessi Metropolitani - Italia Nostra e daADSI – Associazione dimore storiche italiane.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

 

COMITATO  "LA VILLA REALE E’ ANCHE MIA!"

LEGAMBIENTE presenta il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale

 

contro Infrastrutture Lombarde S.P.A., Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Regione Lombardia, Nuova Villa Reale Monza S.P.A., Comune di Monza, Comune di Milano, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Italiana Costruzioni S.P.A.

 per l’accertamento dell’illegittimità e/o nullità della concessione-contratto per la progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori relativi al corpo centrale della Villa Reale di Monza, per l’esecuzione dei lavori e la gestione delle opere

 

La Villa Reale di Monza,  costituisce bene culturale di proprietà pubblica e complesso monumentale (oltre che monumento nazionale), ed istituto e luogo di cultura,

Le concrete modalità di gestione, previste dalla concessione  non solo violano i  principi e le norme in materia di fruizione pubblica dettati dal Codice dei Beni Culturali  ma  non sono neppure compatibili con il carattere storico e artistico del bene.

Le funzioni museali -che dovrebbero avere rilevanza principale- assumono, carattere solo residuale ed eventuale inserite  all’interno di un vasto elenco di funzioni tra di loro molto eterogenee ed indeterminate prevalentemente di natura commerciale.

Le funzioni ammesse dall’art. 13 della concessione violano inoltre l’art. 20 del Codice Urbani, che vieta di adibire i beni culturali ad usi non compatibili con il loro carattere storico o artistico e alla fruizione pubblica del bene. Infatti, l’apertura al pubblico finisce per essere legata non al bene culturale in sé, bensì all’evento commerciale: il tutto in spregio al Codice Urbani che, invece, prevede che venga assicurato il diritto del pubblico di accedere -gratuitamente o pagando un biglietto- al complesso monumentale, al fine di godere del bene stesso.

Pericolosa risulta poi la possibilità al concessionario di subconcedere l’insieme delle attività di gestione a terzi non selezionati tramite procedura pubblica e a discrezione del concessionario, con semplice clausola di gradimento. Il contratto di concessione risulta, inoltre illegittimo, nella parte in cui subordina il potere del concessionario di adibire il bene ad ulteriori e non meglio precisate attività, alla semplice previa autorizzazione del concedente (autorizzazione che si intende accolta nel caso di mancata risposta nel termine di trenta giorni).Invocando questo meccanismo, il concessionario potrebbe, in concreto, arrivare a destinare tali spazi a funzioni residenziali o alberghiere, con grave pregiudizio per la fruizione pubblica e la stessa destinazione del bene.

La concessione ha una durata di 22 anni (2 anni di lavori e 20 anni di gestione) dalla sottoscrizione del disciplinare mentre il Consorzio, soggetto concedente ha durata ventennale e si assume, dunque, impegni, che eccedono tale arco temporale.

Peraltro al Consorzio Villa Reale e Parco di Monza non risulta conferitario di alcun bene, mancando qualsiasi atto in tal senso.

l’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici ha rilevato una irregolarità nel bando laddove non era previsto che il soggetto partecipante alla gara d'appalto fosse  fornito di particolari qualifiche tecnico-professionali (attestazione SOA per la categoria OS2), necessarie quando l ’intervento riguardi lavori e opere su monumenti.

Monza, 26 settembre 2011.

 

Print Friendly, PDF & Email

SUSTAINABILITY CONFERENCE: 
SAP promuove la cultura della sostenibilità
La sostenibilità economica, ambientale e sociale al centro dell’evento organizzato da SAP – 
Rappresentanti del mondo accademico e imprese a confronto il 13 ottobre presso l’Energy Park
Vimercate — 26 Settembre 2011 — SAP, leader mondiale nelle soluzioni software per il business, annuncia la 1° Sustainability Conference, che si terrà il 13 ottobre 2011 dalle 9.30 alle 16.00 presso l’Energy Park di Vimercate (via Monza 7/a), una location in linea con i temi dell’evento in quanto progettata da Segro secondo principi di ecosostenibilità. Da sempre attiva sul fronte della sostenibilità, SAP intende promuovere la diffusione di una cultura sostenibile e di un agire responsabile che guidino le scelte d’impresa. A tal fine l’evento, che si rivolge a Sustainability Manager, Supply Chain Manager, CSR Manager, Direttori delle Risorse Umane, Diversity Manager e Facility Manager, si propone come un momento di confronto e dialogo che coinvolgerà rappresentanti del mondo accademico ed esponenti del tessuto imprenditoriale italiano e costituirà un’occasione per mettere in luce l’importanza della sostenibilità ai fini di una crescita economica socialmente responsabile. 
In particolare nel corso della mattinata, i cui lavori verranno aperti da Agostino Santoni, Amministratore Delegato di SAP Italia, interverranno alcuni docenti universitari che approfondiranno il tema della sostenibilità nelle sue tre accezioni economica - ambientale - sociale: Francesco Perrini, Professore di Economia e gestione delle imprese e Direttore CReSV (Centro Ricerche su Sostenibilità e Valore) dell’Università Bocconi, analizzerà la CSR come strumento di creazione durevole del valore; Federico Maria Butera, Professore di Fisica Tecnica Ambientale e coordinatore dell’unità di ricerca “Energia e ambiente costruito” del dipartimento BEST del Politecnico di Milano, si soffermerà sui cambiamenti climatici e sui nuovi paradigma energetici; e Mario Molteni, Direttore di ALTIS dell’Università Cattolica e del CSR Manager Network Italia si focalizzerà sulla social sustainability e sull’importanza delle persone. Inoltre Paolo Anselmi, Vicepresidente di GFK Eurisko, presenterà una ricerca sulla sostenibilità della filiera e si soffermerà sulla strategicità dell’impegno etico come parte integrante della catena del valore, poiché le preoccupazioni per la sostenibilità sono al secondo posto nella mente dei consumatori. 
La Sustainability Conference non si vuole proporre solo come un momento di riflessione teorica, ma intende anche dare voce all’esperienza concreta delle aziende che hanno fatto della sostenibilità una leva competitiva e alle aziende che con le loro soluzioni sono in grado di supportare un agire socialmente responsabile. SAP ha molto da raccontare in questo ambito, come illustrerà nel corso della mattinata Tiberio Tesi, Direttore Risorse Umane e Chief Sustainability Officer di SAP Italia, in quanto la contraddistingue un duplice commitment quale “exampler”, ovvero modello di sostenibilità in virtù delle pratiche virtuose adottate e dell’attenzione mostrata verso dipendenti, associazioni locali e ambiente, ed “enabler”, ovvero abilitatore di processi più sostenibili grazie alle soluzioni fornite alle imprese per ridurre l’impatto ambientale, monitorare le performance e creare report di sostenibilità, ottimizzare la gestione delle sostanze pericolose e la distribuzione di prodotti sicuri, e migliorare la sicurezza dei luoghi di lavoro. 
Seguirà inoltre nel corso della mattinata una tavola rotonda durante la quale si confronteranno altre imprese del calibro di Ferrero, Ferrovie Dello Stato, Artoni e Unipol, che investono in sostenibilità, presentando best practice e focalizzandosi sui vantaggi concreti frutto di un approccio sostenibile. Con la stessa logica pragmatica si succederanno nel corso del pomeriggio anche workshop di aziende partner di SAP, che si focalizzeranno su aspetti tecnici e illustreranno l’importanza dell’innovazione tecnologica a supporto della sostenibilità e della creazione di valore. Nel corso della giornata sarà anche presente presso l’Energy Park LumineXence che presenterà per la prima volta in Italia il progetto Lotus di Giancarlo Zema, il primo sistema modulare di eco-arredo urbano con tecnologia fotovoltaica per illuminare, riscaldare e ricaricare auto elettriche. 
“Le aziende non rappresentano degli universi a sé stanti, ma si collocano all’interno della società, che influenzano e da cui sono influenzati. Il loro operato non può quindi prescindere da considerazioni sull’impatto sociale e ambientale che devono informare la strategia d’impresa. Siamo convinti che il rapporto tra aziende e società debba rappresentare un mutuo scambio da cui il territorio e le persone escano arricchiti, pertanto è fondamentale avviare una riflessione sull’importanza della sostenibilità per una profittabilità di lungo termine”, ha dichiarato Agostino Santoni. “La Sustainability Conference di SAP si pone questo obiettivo e siamo sicuri saprà rappresentare un significativo momento di confronto e consapevolezza”.
“Siamo entusiasti di presentare quello che ci auguriamo possa diventare un appuntamento fisso con la sostenibilità. SAP s’impegna da sempre su questo fronte, offrendo soluzioni utili per un agire d’impresa più responsabile e facendosi portavoce di un approccio sostenibile attraverso molteplici iniziative rivolte alle persone che fanno parte dell’azienda, alle associazioni che operano con finalità sociali sul territorio e all’ambiente. È proprio in questa direzione che muove i primi passi la nostra nuova Sustainability Conference”, ha aggiunto Tiberio Tesi. “Con questo evento intendiamo proporre un utile momento di knowledge sharing sui molteplici risvolti della sostenibilità e promuovere una cultura d’impresa consapevole e critica che prenda atto dell’importanza dell’impegno etico nell’ambito delle attività di business”.
La partecipazione alla 1° Sustainability Conference, organizzata da SAP in collaborazione con BGP, Deloitte, Diligent, Espedia, ICM.S, KPMG, LumineXence, Opera 21, PwC, SEGRO, SIDI e XC Excellence Club, è aperta e gratuita. Ulteriori informazioni  e il form di registrazione sono disponibili al link: 
SAP
In qualità di leader mondiale nelle soluzioni software per il business, SAP (NYSE: SAP) fornisce applicazioni e servizi per supportare aziende di qualsiasi dimensione operanti in qualunque settore di mercato. Dal back office alla direzione, dal magazzino al punto vendita, dai computer ai dispositivi mobili - SAP consente alle persone e alle organizzazioni di lavorare insieme in modo più efficiente e di utilizzare le informazioni di business in modo più efficace per competere con successo. Le applicazioni e i servizi SAP permettono a oltre 172.000 aziende clienti di operare profittevolmente, di adattarsi costantemente al mercato e di crescere in modo sostenibile. 
Ulteriori informazioni sono disponibili all'indirizzo www.sap.com/italy.
 

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)