Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Sinistra

 

  • Print Friendly, PDF & Email

    20180510 staino

    Settima parte delle interviste sugli errori, i partiti, i valori, da chi e cosa ripartire dopo la catastrofe di marzo. Rispondono Giacomo Correale Santacroce, Rossana Currà, Emmanuele Curti e Rodolfo Profumo

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20180509 vauro

    Sesta parte delle interviste sugli errori, i partiti, i valori, da chi e cosa ripartire dopo la catastrofe di marzo. Rispondono Pasquale Barbella, Marina Berardi, Massimo Rebotti e Ezio Rovida

     

  • Print Friendly, PDF & Email

     20180509 Tetes de Bois

    Intervista al musicista Andrea Satta «Io nel ’68 non esistevo, nel ’77 ero piccolo. Oggi abbiamo il dovere di recuperare le cose più belle di quelle stagioni e avere tanta forza di sognare per cambiare il mondo, sì cambiarlo. Perché non si può dire che sogniamo di cambiare il mondo? Ci vogliamo tenere questo mondo di merda? Certo possiamo cambiarlo in meglio.

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20180508 staino

    Quinta parte delle interviste sugli errori, i partiti, i valori, da chi e cosa ripartire dopo la catastrofe di marzo. Rispondono Paolo Agrati, Fulvio Fontana, Rosario Montalbano e Paolo Morando

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20180507 altan

    Quarta ondata di interviste sugli errori, i partiti, i valori, da chi e cosa ripartire dopo la catastrofe di marzo. Rispondono Arianna Bettin, Romano Bonifacci, Anna Simone e Luigi Rossi

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20180504

    Terza parte delle interviste sugli errori, i partiti, i valori, da chi e cosa ripartire dopo la catastrofe di marzo. Rispondono Letizia Buoso, Till Neuburg, Roberto Rampi e Maurizio Trezzi

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    vauro sinistra

    Seconda parte delle interviste sugli errori, i partiti, i valori, da chi e cosa ripartire dopo la catastrofe di marzo. Rispondono Fabrizio Bottini, Milena Bracesco, Paolo Loscalzo e Bertram Niessen

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20180502 altan sinistra

    Gli errori, i partiti, i valori, da chi e cosa ripartire dopo la catastrofe di marzo. Rispondono Lamberto Bertolé, Renato Sarti, Alfredo Luis Somoza e Giovanna Zoboli

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    IMMAGINE 1

    Alfredo Somoza presenta il suo ultimo libro sulla crisi delle forze progressiste nell'America Latina. A Vimercate parla del ruolo che l'America del Sud ha avuto negli ultimi anni a livello globale, di Papa Francesco che è “popolare, ma non di sinistra”, di Pepe Mujica che usa la lingua dei gaucho per far luce sul senso della vita e dell'impegno in politica.

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20170125 lunita

    Romano Bonifacci incontra un militante di “lotta comunista” e si ricorda la sua storia di redattore e “strillone” per l'Unità, animata da uno spirito che non c'è più

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20160605 enrico berlinguer a

    Non mi ci raccapezzo più. Cerco la sinistra ma non la trovo. Né quella di un tempo né quella nuova.

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20151208 bonifacci a

    La “rossa” Mantova degli anni Cinquanta, l'Unità e i suoi giornalisti. I valori: la moralità, l’esempio, la passione politica, il disinteresse, la competenza, la giustizia sociale. E oggi?

     

  • Print Friendly, PDF & Email

     20150131 Syriza a

    Secondo molti il successo della sinistra in Grecia non è replicabile in Italia. Non finché è “ostaggio” di partitini rissosi e vecchi, secondo Rodotà. E allora che fare? Ne parliamo con Alessandro Gerosa, ventiquattrenne consigliere comunale di Sel a Monza

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20150123 rodota

    «Cercare di creare una nuova soggettività assemblando quel che c’è nel mondo propriamente politico secondo me è una via perdente. Bisogna partire da quel che definisco “coalizione sociale”». Intervista al professore sul futuro della Sinistra, dell'Italia e dell'Europa. Da MicroMega

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20150121 piketty

    «Come la priorità del settore della sanità non è quella di fornire agli altri settori dei lavoratori in buona salute, così la priorità del settore della formazione non è quella di preparare a svolgere un mestiere negli altri settori. In tutte le società umane, la salute e l’educazione hanno un valore in sé: riuscire a trascorrere la propria vita in buona salute e ad accedere alla conoscenza e alla cultura scientifica e artistica sono gli obiettivi stessi della civiltà.»

     

  • Print Friendly, PDF & Email

     20150102 pazienza

     In un paesaggio segnato dalla fine delle utopie, dalla svolta conservatrice degli anni Ottanta e dalla mercificazione della cultura, il pensiero dissidente è scomparso? Un brano dal libro-intervista a Régis Meyran di Enzo Traverso

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    201428 podemos

    L'ascesa di Podemos in Spagna «“Sinistra” non è il risultato della somma di identità o reti, incarichi o cadreghe, individualità egoiste e concorrenti, ma è un processo di auto-trasformazione delle identità così come del campo politico in cui esse si riconoscono. Il movimento è complicato, e si chiama immanenza. In questo movimento tra l’essere contro e dentro uno spazio di “sinistra”, c’è la politica oggi»

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20141011-Quarto Stato

    Dalla morte di Berlinguer alla cancellazione della parola “Comunista”, da Berlusconi a Renzi. Che fine ha fatto la Sinistra in Italia? Romano Bonifacci apre il dibattito su Vorrei ricostruendo 30 anni di passi falsi e controsensi.

     

  • Print Friendly, PDF & Email

    20121201-Radio

    Dossier: La verità, vi prego, sulla politica. Un programma di Radio Popolare prova a dirla, qualcosa di sinistra. Con tante interviste, un appuntamento settimanale in auditorium, un blog, su twitter. Lunedì 25 marzo 2013 si chiude il primo ciclo